Legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista, presidente del Comitato è Maurizio Verona sindaco di Stazzema. Dove firmare nel Comune di Campiglia Marittima

                           

Maurizio Verona, sindaco di Stazzema, è il presidente del comitato legge antifascista, la legge di iniziativa popolare per la quale è in corso la raccolta delle firme e che ha la finalità di rafforzare il contrasto ad ogni forma di propaganda nazista e fascista. Per esteso la proposta è denominata “Norme contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti” .

“Chiunque propaganda i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. La pena è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici”: è questo l’estratto della proposta di legge di iniziativa popolare avanzata dal sindaco di Stazzema Maurizio Verona che precisa: “La nostra proposta rispetto alla legge Mancino, mira a colpire precisamente determinate fattispecie di reato, configurando così pene certe. Ci sono forme consolidate di propaganda fascista che sono impunite e la proposta di legge le evidenzia. I reperti storici non sono contemplati, se sono per finalità di studio, di conservazione museale o di ricerca”. “Abbiamo insieme dato vita ad un movimento dal basso che ogni giorno si rafforza, si allarga, si fa strada nelle famiglie, nelle associazioni, nei piccoli e grandi comuni – scrive Maurizio Verona in una lettera aperta – che fa breccia nelle Istituzioni e sancisce un principio inderogabile: non c’è più spazio per il fascismo, nemmeno nelle sue rappresentazioni e odiose ostentazioni. Come diceva Matteotti, ‘Il Fascismo è un crimine, non è un’idea’, non è un’opinione, non può esserlo e non vogliamo che lo diventi. Ci aspetta un ulteriore sforzo. Vi chiediamo di proseguire ad alimentare il processo che abbiamo avviato e raggiungere l’obiettivo delle 50.000 firme”.

“Il Comune di Stazzema con la strage di Sant’Anna è un luogo simbolo in Italia di quello che furono il fascismo e il nazismo nel nostro Paese – afferma l’assessore all’istruzione e vicesindaco di Campiglia Marittima Iacopo Bernardini – quest’anno abbiamo dovuto rinunciare al viaggio di istruzione al Parco nazionale della Pace che il nostro Comune insieme all’azienda di trasporto scolastico offre ai ragazzi delle nostre scuole e alle associazioni del comune. In quell’occasione, sentendo i testimoni, visitando il museo e i luoghi della strage in cui vennero uccise 560 persone, si fa ancora più nostro il senso della condivisione ricordandoci, oggi che il proliferare di rigurgiti fascisti e violenti è all’ordine del giorno, quanto la riaffermazione di valori condivisi di libertà e democrazia rappresenti un dovere morale verso le nuove generazioni. La proposta di legge del sindaco Maurizio Verona si inserisce in questa visione e anche come Amministrazione comunale vogliamo sostenerla affinché giunga all’approvazione”.                                                                    

Per firmare nel comune di Campiglia Marittima:

Anche al Comune di Campiglia Marittima – così come negli altri Comuni – è possibile firmare per consentire a questa legge di approdare in Parlamento. Si firma fino alla fine di marzo.

Da ricordare che possono firmare i cittadini residenti nel comune, presentandosi con un documento di identità dopo avere presi appuntamento. A Venturina Terme, alla Delegazione comunale, si firma ai Servizi demografici telefonando al numero 0565 839312 e, a Campiglia Marittima, telefonando ai numeri 0565 839203/204. Poiché anche i consiglieri comunali possono raccogliere le firme, si informa che hanno comunicato la loro disponibilità le consigliere Silvia Azzimondi (silvia.azzimondi@gmail.com), Melissa Campioni (melissa.mc355@gmail.com) e il consigliere Enrico Bernardini (enricoberna73@gmail.com) tutti da contattare per posta elettronica.

Lascia un commento