6_Pittu_Pier Niccolo

La figura e l’opera di Pier Niccolò Berardi, il poeta dell’architettura. Conversazione a Fiesole (dove prosegue la mostra) con Cecile Hollberg e Giorgio Bonsanti

Firenze, Focus

Lunedì 17 giugno 2019, alle ore 18.30, presso la sala del Basolato a Fiesole (Piazza Mino 24) si terrà un incontro sulla figura e l’opera di Pier Niccolò Berardi con Cecilie Hollberg, direttore della Galleria dell’Accademia di Firenze, e Giorgio Bonsanti, presidente della Commissione interministeriale MIBAC – MIUR sull’insegnamento del restauro e Segretario generale dell’Accademia delle Arti del Disegno. La conversazione nasce in occasione della mostra Un poeta dell’architettura. Pier Niccolò Berardi e Fiesole, a cura di Marco Romoli, aperta fino al 14 luglio 2019, realizzata per il trentennale della morte, con il patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Fiesole e della Fondazione Giovanni Michelucci. 

2_M Doccia-Pier Niccolo Berardi-046

Pier Niccolò Berardi nato a Fiesole nel 1904, pittore e architetto, esponente del movimento del razionalismo italiano, autore del Museo della Richard Ginori a Doccia e con il ‘Gruppo Toscano’, della Stazione ferroviaria di Santa Maria Novella a Firenze, ai suoi luoghi natali è rimasto legato tutta la vita, nonostante la sua attività si sia estesa in Italia e all’estero.  La mostra Un poeta dell’architettura. Pier Niccolò Berardi e Fiesole, allestita presso la sala del Basolato a Fiesole, evoca alcuni momenti della storia artistica di Berardi, intrecciati con le vicende dell’architettura del secolo scorso, lungo un arco di tempo che dagli anni ’30 arriva alla fine degli anni ’80. Sottolinea le molteplici sfaccettature che hanno caratterizzato la sua opera, attraverso dipinti, progetti e fotografie. “L’architettura è un’arte che si ricarica con la poesia” dichiarava Berardi e questa esposizione, oltre al suo legame mai interrotto con Fiesole, vuole porre l’accento proprio sul suo operare poetico, ispirato a una ricerca costante dell’armonia.

15

Pier Niccolò Berardi ha trasformato e tradotto in modo del tutto personale le idee dell’architettura del Novecento, a partire dal mito della modernità, attraverso il razionalismo, sino ai valori dell’ambiente e alla costruzione sostenibile del paesaggio. Dopo aver frequentato lo studio dello scultore Carlo Rivalta, in età giovanile, prosegue la sua formazione presso la Scuola di Architettura di Roma, negli anni in cui la dittatura mussoliniana celebrava i suoi fasti con grandi opere architettoniche e urbanistiche, un’architettura che il regime definì “razionale”. Successivamente, si unì al ‘Gruppo Toscano’, diretto da Giovanni Michelucci, di cui facevano parte, tra gli altri, anche Nello Baroni e Italo Gamberini, e con il quale vinse il concorso per la Stazione ferroviaria di Santa Maria Novella.  Insieme a Tullio Rossi, dello Studio San Giorgio, ha realizzato il progetto di ricostruzione degli edifici intorno a Ponte Vecchio, distrutti dalla guerra. 

A partire dagli anni Trenta, si dedicò in particolare allo studio della casa rurale e dell’architettura contadina. Con la sua Rolleiflex realizzò un’accurata documentazione fotografica delle case coloniche in Toscana, su incarico di Giuseppe Pagano, per la mostra milanese alla Triennale del 1936. Molti sono i complessi residenziali e le case private realizzate in Italia e all’estero, frutto di questa appassionata ricerca dialettica tra la dimora dell’uomo e il paesaggio circostante. Ricordiamo: a Maratea, un centro turistico con l’Hotel Santavenere, situato su una collina boscosa di fronte al mare del Golfo di Policastro; a Punta Ala, la costruzione del nuovo Hotel Alleluja, situato nel grande parco a breve distanza dal mare e a Fiesole, l’ampliamento dell’hotel Villa San Michele. 

Molte le ville, veri e propri capolavori, realizzate per industriali, imprenditori e intellettuali, con i quali ha avuto anche un rapporto di amicizia personale, come Guido Settepassi, Claudio Pontello, Giovanni e Andrea Nasi, Raimondo Visconti di Modrone, Indro Montanelli, il grande musicista Riccardo Muti. Ha lavorato inoltre per le famiglie Marchi, Folonari, Silva Honorati, Zingone-Dini. 

Degli inizi degli anni Sessanta è il museo delle porcellane della Richard Ginori a Doccia (foto in alto a sinistra), che nasce dall’esperienza dell’architettura razionale, sintesi degli elementi presenti nella sua ricerca, affine allo spirito lieve e giocoso dell’opera dell’amico Giò Ponti e dei suoi oggetti qui esposti.

La mostra, oltre a documentare questo suo percorso, si sofferma sul Berardi pittore con una sezione dedicata ai suoi dipinti. La sua attività pittorica si sviluppa e si intensifica dagli anni Cinquanta, parallelamente a quella di progettazione e di realizzazione architettonica. A bordo di una curiosa Fiat 600 Multipla, adattata a camper, con tanto di pennelli, colori e cavalletto, vagava per la campagna toscana a dipingere en plein air. Paesaggi, marine, nature morte, sono questi i suoi temi che respirano di quel milieu culturale che si raccoglieva intorno a scrittori come Piero Bigongiari, Alessandro Bonsanti, Arturo Loria, Alessandro Parronchi, Mario Tobino, Giorgio Bassani (autore, tra l’altro, di uno saggio critico sulla pittura di Berardi) e a pittori come Ottone Rosai, Giovanni Colacicchi, Mario Romoli, Primo Conti, Guido Capocchini. 

Composizione pittorica e creazione architettonica sono necessarie l’una all’altra nel rapporto con il paesaggio, una caratteristica costante del registro stilistico di Per Niccolò Berardi.

UN POETA DELL’ARCHITETTURA.

Pier Niccolò Berardi e Fiesole

Basolato di Fiesole, Piazza Mino 24, Fiesole

1 giugno – 14 luglio 2019

a cura di Marco Romoli

allestimento e progettazione: Lorenzo Mennonna e Daniela Murphy Corella

ingresso libero 

orari: martedì – venerdì 11,00 -13,00 / 16.00 – 20.00 | sabato e domenica11,00 – 20,00, lunedì chiuso

info: 055 599651 | giada@montececeri.it 

Comunicazione Neri Torrigiani | Progettazione e Comunicazione

tel. +39 055 2654588/89 | fax. +39 055 2654589 | www.torrigiani.com

Ufficio stampa Davis & Co. | Lea Codognato e Caterina Briganti

Tel.  +39 055 2347273 | e.mail: info@davisandco.it | www.davisandco.it

Lascia un commento