James Conlon di nuovo sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai con il pianista Jan Lisiecki. In diretta il 4 marzo (ore 20.30) su Radio3, Euroradio e in streaming su raicultura.it

Torna sul podio dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai James Conlon, che l’ha guidata come Direttore principale per quattro anni, dal 2016 al 2020. Il suo concerto è in programma a porte chiuse all’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino giovedì 4 marzo 2021 alle 20.30, con trasmissione in diretta su Radio3 e nel circuito Euroradio, oltre che in live streaming sul portale di Rai Cultura. 

Jan Lisiecki / ph. Christoph Köstlin. Sopra il titolo: James Conlon e l’OSN della Rai / ph. PiùLuce

Conlon è attualmente Direttore musicale dell’Opera di Los Angeles, e dal settembre prossimo sarà Consulente artistico della Baltimore Symphony Orchestra. 

Assieme al direttore americano è protagonista il giovane pianista canadese di origine polacca Jan Lisiecki, di ritorno con l’Orchestra Rai dopo i successi ottenuti nel 2016 e nel 2018 con i concerti per pianoforte di Chopin. Definito dal New York Times «un pianista che sa fare in modo che ogni nota conti», nel 2013 si è guadagnato un Leonard Bernstein Award al Festival dello Schleswig-Holstein ed è diventato il più giovane artista di sempre ad aver vinto un Gramophone Award. È ospite regolare delle più prestigiose orchestre del mondo e collabora con direttori come Antonio Pappano, Yannick Nézet-Séguin, Daniel Harding e Pinchas Zukerman.

Lisiecki propone il Concerto in la minore per pianoforte e orchestra op. 16 di Edvard Grieg, scritto nel 1868 mentre il compositore – norvegese – soggiornava in Danimarca. Chiara la derivazione da un capolavoro del pianismo romantico come il Concerto per pianoforte di Schumann, con cui il lavoro condivide la tonalità di la minore, che Grieg ascoltò qualche anno prima a Lipsia nell’interpretazione di Clara Wieck, moglie di Schumann.

La serata si conclude con la Sinfonia n. 7 in mi maggiore di Anton Bruckner, opera monumentale composta fra il 1881 e il 1883 che consacrò alla fama universale il suo autore, ormai sessantenne. Centro espressivo della Settima è la profonda meditazione sulla morte contenuta nell’Adagio, che Bruckner scrisse sotto l’impressione della malattia e della scomparsa del venerato Wagner. Sinfonia di assoluto lirismo, manifesta con solennità il temperamento tragico e febbrile dell’ultimo Romanticismo. È eseguita nell’edizione Leopold Nowak pubblicata nel 1954.

James Conlon tornerà sul podio dell’Orchestra della Rai giovedì 25 marzo, per l’ultimo dei Concerti d’inverno 2021.

In ottemperanza alle ultime disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri, i concerti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai si svolgono a porte chiuse, senza la presenza del pubblico nell’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino.

Lascia un commento