Il microuniverso di don Antonio Maria Esposito dal Presepe alla Divina Commedia, da Napoli alla Certosa di Firenze. Il 16 novembre dalle 17 alle 19.30 l’evento unico di “Poco pane e mirabili sogni”

Un incontro all’insegna dell’arte che genera tenerezza e stupore, tra creazione umana e Creazione divina, dove il vasto cosmo dantesco e l’immenso amore del Natale sono racchiusi in un guscio di noce, un nocciolo di ciliegio, un semino di canapa. 

Papa Giovanni Paolo II e don Antonio Maria Esposito (1992)

Vale la pena mercoledì 16 novembre 2022 di affrontare il cammino fino al silenzio della Certosa di Firenze, al Galluzzo, per assistere dalle 17 alle 19.30 a Poco pane e mirabili sogni. Napoli incontra Firenze nei Presepi e nella Divina Commedia di Antonio Maria Esposito, l’evento unico che comprende – in anteprima assoluta fuori dai confini della Campania – l’esposizione delle minuscole opere in miniatura  del  sacerdote della parrocchia di San Bartolomeo a Castellammare di Stabia scomparso nel 2007 a 90 anni. 

Le micro-opere, una dozzina in tutto, sono dedicate al tema della Natività e alla Divina Commedia, e per l’occasione saranno presentati anche i due volumi che la casa editrice Olschki ha dedicato a tale mirabile esempio d’arte spirituale. 

Ad accompagnare i visitatori in questa esplorazione delle micromeraviglie di Padre Esposito saranno presenti Marco Collareta (Università degli Studi di Pisa), Silvia Corsi Andreani (Museodivino di Napoli), Giorgio Cossu (etnofotografo), Carlo Ossola (Collège de France), Léa Vagner (Associazione Progetto Sophia. Donne verso la Bellezza); sarà presente l’editore Daniele Olschki.

Le sorprese dell’infinitamente piccolo

Goccioline di pittura a olio, granelli di polpa di pera, frammenti di muschio, sono i semplici materiali da cui, nel silenzio del suo studiolo e lontano dagli sguardi del mondo, il sacerdote stabiese Antonio Maria Esposito creò nella seconda metà del ‘900, come esercizio di pazienza e preghiera, un intero cosmo di personaggi evangelici e danteschi che affollano vasti paesaggi, incredibilmente posti all’interno di gusci e semini: dotati di una lente d’ingrandimento scopriamo millimetriche e dinamiche sculture di pastori in corsa verso la capanna del Bambin Gesù e filiformi anime, dannate e quasi trasmutate in serpenti, oppure salve e volenterose in ascesa sulla montagna del Purgatorio – sul costone di un guscio di noce!

Le gioiose e luminose Natività di “don Antonio”, come lo chiamavano i pochi amici a cui le mostrò quand’era in vita, sono state scelte nel 2020 a corredo iconografico della fortunata riedizione critica delle Novene di Natale di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori – figura questa di ampio respiro e di alto profilo teologico e culturale, che seppe al contempo “farsi piccolo”, adattando la sua perfetta retorica al registro umile del popolo – si pensi al suo semplice canto “Tu scendi dalle stelle”, che accompagna ancor oggi il nostro Natale. 

Il secondo volume che si presenta alla Certosa, interamente realizzato con il contributo del comitato per le celebrazioni dantesche del 2021, guida invece il lettore nella stupefacente Divina Commedia che Esposito realizzò in 42 gusci di noce, dove l’illustrazione di Doré pare incontrare il Novecento di Giacometti in un confronto vivo e creativo con la poesia dantesca e con gli artisti ad essa ispirati. Le peculiarità di quest’opera riassunte nel sottotitolo “miniatura, scultura e spiritualità” vengono anche esplorate in rapporto alla Commedia stessa nel ricco apparato critico che spazia dai miniaturisti medievali ai primi romantici, da August Rodin a Virginia Woolf, alla ricerca dello sguardo unico che ogni lettore imprime sulle pagine del “proprio” Dante.

Ogni visitatore sarà dotato di una lente d’ingrandimento e di una torcia per ammirare sei tra le opere presepiali e sei tra le noci dantesche di Antonio Maria Esposito – tra cui la minuscola natività in seme di canapa di 3 millimetri e l’unica opera dedicata dall’artista al Paradiso. 

L’apertura della mostra è prevista alle ore 17; quindi alle 17.30 appuntamento con la presentazione dei volumi editi presso Leo S. Olschki Editore di FirenzeIl Santo Natale Nella novena di Alfonso Maria de’ Liguori e nei presepi di Antonio Maria Esposito a cura di Giacomo Jori e Laura Quadri, con l’introduzione di José Tolentino de Mendonça e la postfazione di Carlo Ossola;  La Divina Commedia di Antonio Maria Esposito. Tra miniatura, scultura e spiritualità a cura di Silvia Corsi Andreani, con immagini fotografiche, a misura reale e in dettaglio, di Giorgio Cossu; saggi critici di Marco Collareta, Fara Autiero, Serena Picarelli, Teresa Prudente e Véronique Mattiussi, un’intervista a Lucia Battaglia Ricci e un saggio introduttivo di Carlo Ossola.

INFO

Poco pane e mirabili sogni. 

Napoli incontra Firenze nei Presepi e nella Divina Commedia di Antonio Maria Esposito 

Mercoledì 16.11.2022 ore 17-19.30

Sala Pio VI della Certosa di Firenze

Via della Certosa 1, Galluzzo, Firenze

Info e prenotazioni : 055.2049226 – 339.4640080

Ingresso libero

 

INFO CERTOSA

Certosa di Firenze, via della Certosa 1, Galluzzo, Firenze

(posizione: https://goo.gl/maps/W9tRUyvVBjiUuFuv5)

Ingresso gratuito

Telefono +39 055 2047729

www.certosadifirenze.it
certosanews@gmail.com
Certosa: aperta tutti i giorni (escluso lunedì e domenica mattina) ore 10-12 | 15-18
Ingresso 5 euro; nel prezzo è compresa anche la visita guidata della Certosa tutti i giorni – escluso lunedì e domenica mattina – alle 10, 11, 15, 16.

 

Lascia un commento