Quartetto strumenti Marino Capicchioni pic

I Concerti della Liuteria Toscana, il Quartetto di Fiesole nella Sala Mazzoni della Società Dantesca (Palagio dell’Arte della Lana) con musiche di Mozart, Schubert e Mendelssohn. L’8 ottobre alle 21

Firenze, Musica

I Concerti della Liuteria Toscana continuano martedì 8 ottobre 2019 alla Sala Mazzoni della Società Dantesca Italiana (ore 21 – Palagio dell’Arte della Lana – via dell’Arte della Lana, 1 – Firenze – biglietto 10 euro) con una serata che vede in scena lo storico Quartetto di Fiesole, impreziosito per l’occasione dal violista rumeno Vladimir Mendelssohn.

quartetto di fiesole
Il Quartetto di Fiesole

Nato sotto la guida di Piero Farulli, il Quartetto di Fiesole vanta una carriera trentennale costellata di premi – tra gli altri il Concorso Internazionale di Cremona e il Concorso Gui di Firenze – centinaia di concerti nei maggiori festival internazionali e numerose uscite discografiche. La formazione attuale è composta da due membri fondatori, la violinista Alina Company e la violoncellista Sandra Bacci, a cui si sono aggiunti, nel 2016, Simone Ferrari al secondo violino e Flaminia Zanelli alla viola. In programma il “Quartetto per archi n. 4 in do maggiore, K 157” di Wolfgang Amadeus Mozart, il “Quartetto per archi n. 12 in do minore, D. 703 – Quartettsatz” di Franz Schubert, il “Quintetto per archi n. 2, op. 87” di Felix Mendelssohn.

Dopo aver utilizzato per molti anni strumenti del 1700, il Quartetto di Fiesole ha scelto di suonare strumenti Marino Capicchioni – liutaio originario di San Marino, attivo fino al 1977 (nella foto sopra il titolo  le sue realizzazioni) – per avere un’omogeneità che in altre combinazioni sarebbe stata meno pronunciata. Si tratta di strumenti di grande raffinatezza e pregio, tutti presenti in svariate pubblicazioni e appartenenti alla produzione matura. Il violino di Alina Company, del 1971, è stato per 45 anni in collezione e conserva i tratti originali dell’autore, infatti non sono stati sostituiti neanche anima e ponticello. Altro esempio luminoso della liuteria del maestro è il violino di Simone Ferrari, del 1953. La viola suonata da Flaminia Zanelli, del 1950, e il violoncello dell’anno 1962 suonato da Sandra Bacci, costituiscono riferimenti rappresentativi dello stile dell’autore.

In programma a Firenze da ottobre a dicembre 2019, i Concerti della Liuteria Toscana celebrano l’arte liutaria di ieri di oggi. Alcuni strumenti, di valore storico, sono stati restaurati proprio la rassegna e risuoneranno per la prima volta dopo decenni.

Prevendite in corso nei punti www.boxofficetoscana.it/punti-vendita e online e su www.ticketone.it.

Il festival è organizzato da Orchestra da Camera Fiorentina in collaborazione con Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo e Fondazione CR Firenze. Si ringraziano per l’ospitalità Associazione Osservatorio dei Mestieri d’Arte, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze, Comune di Firenze.

Programma concerto
W.A. Mozart            Quartetto per archi n. 4 in do maggiore, K 157
F. Schubert            Quartetto per archi n. 12 in do minore, D. 703 “Quartettsatz”
F. Mendelssohn            Quintetto per archi n. 2, op. 87

Info
Cell. 339 1632869 – 334 6006361
www.orchestrafiorentina.itinfo@orcafi.it

Biglietto posto unico
10 euro

Prevendite
Punti vendita Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita) e online su www.ticketone.it.

Progetto
Orchestra da Camera Fiorentina

Direzione artistica
Giuseppe Lanzetta

In collaborazione con
Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo
Fondazione CR Firenze

Si ringraziano per l’ospitalità
Associazione OMA – Osservatorio dei Mestieri d’Arte
Città Metropolitana Firenze
Comune di Firenze / Regione Toscana

Lascia un commento