I cittadini e il lupo, una convivenza possibile. Il Comune di Campiglia con l’assessora Fossi interviene sull’importanza dei comportamenti da tenere e si impegna a sostenere le aziende agricole

Il tema della presenza del lupo sul territorio è ricorrente e negli ultimi anni e specialmente negli ultimi mesi per i frequenti avvistamenti del grande carnivoro. Avvistamenti che si registrano anche nelle vicinanze dei centri abitati, nelle aree industriali dismesse e abbandonate e naturalmente nei sentieri in mezzo ai boschi i quali, sempre più frequentati per l’intensificarsi delle attività outdoor anche a seguito delle abitudini indotte dalla pandemia e dalla crescita del turismo sportivo e all’aria aperta, vedono più occasioni di incontro tra l’uomo e gli animali selvatici in generale. Il lupo non è mai stato un estraneo, e non deve farci paura purché si adottino comportamenti adeguati. Per il rispetto dell’equilibrio ambientale gli esperti insegnano che l’occasione di incontro non è propriamente positiva, è necessario quindi osservare una sorta di decalogo che è stato messo a punto proprio per evitare rischi per l’uomo e per gli animali.

Il comune di Campiglia Marittima è parte attiva nell’approcciarsi nel modo più corretto al tema che è anche un tema sensibile dal punto di vista economico interessando il mondo dell’agricoltura. La prima azione da mettere in campo è sviluppare conoscenza e consapevolezza. “Di particolare interesse e utilità è il lavoro svolto dall’associazione Selvatica che ha sviluppato una grande esperienza sul campo – afferma l’assessora all’ambiente di Campiglia Marittima Elena Fossi – del lupo in particolare si è occupato Maro Lucchesi al quale si deve un decalogo di comportamento da diffondere e osservare con scrupolo”. Sottolinea Fossi: “In questi mesi, grazie agli approfondimenti e ai tanti contatti avuti con gli esperti, abbiamo consolidato la consapevolezza che il lupo non è un animale da demonizzare ma da conoscere, non attacca l’uomo e non ha interesse ad arrecare danni ad animali domestici e allevamenti se per primo l’uomo adotta comportamenti corretti. Il lupo abita da sempre i nostri boschi e sta a noi trovare la misura della convivenza, lo scopo dell’amministrazione comunale è quello di conoscere, per aiutare la cittadinanza a comprendere, rispettare e convivere e le aziende agricole ad avere gli aiuti economici che si meritano facendoci parte diligente con la regione, e con l’ausilio delle associazioni di categoria,  affinché questi aiuti siano effettivamente concreti ed accessibili”.

Che fare dunque? Come comportarsi in presenza di lupi? Ecco le raccomandazioni pratiche. Se si vive in zone frequentate da lupi prestiamo la massima attenzione a chiudere i rifiuti dentro i cassonetti e a non lasciare la raccolta porta a porta fuori per troppe ore, si eviterà così di attirare animali. Questa norma vale a maggior ragione per gli scarti della cucina. Poi, anche il cibo dei nostri cani e gatti deve essere rimosso al termine del loro pasto e in tal modo i lupi e tutti gli animali selvatici non saranno attirati vicino alla porta di casa.  Soprattutto di notte, cani e gatti possono essere in pericolo, occorre quindi proteggerli tenendoli, se possibile, al chiuso.

Quando andiamo a fare escursioni con i nostri cani ricordiamo di tenerli al guinzaglio durante le passeggiate poiché possono disturbare la fauna ed essere predati dai lupi. Occorre anche riportare a casa gli avanzi di pasti e merende dato che possono attirare i selvatici. Gli animali selvatici, infatti, non dovrebbero mai trovare cibo accessibile di origine umana, né associarlo alla presenza dell’uomo. Tutti i casi in cui i lupi si sono avvicinati alle persone, riguardano animali abituati all’utilizzo di fonti alimentari umane. Non si deve mai fornire cibo, anche per evitare il rischio di diffusione di malattie come ad es. la peste suina per il cinghiale.

Se incontriamo un lupo dobbiamo osservare la distanza; il più delle volte il lupo si allontanerà appena vede qualcuno, se non si allontana è consigliabile fare rumore: muovere sassi, alzare la voce, muovere le braccia. Allontanarsi lentamente. Bisogna evitare che il lupo si abitui alle persone.

Se si avvista un lupo dall’auto non dobbiamo inseguirlo, se possibile accostare e abbassare le luci senza spaventarlo e lasciando che esca dalla strada. E’ utile anche sapere che proprio perché il lupo tende a stare lontano dall’uomo, la maggior parte degli incontri avviene senza che le persone se ne accorgano. Dobbiamo però ricordare che il lupo è un animale selvatico, da rispettare nel suo ecosistema e mantenere lontano da noi.

Lascia un commento