Gli Uffizi e il Giorno della Memoria: in streaming l’incontro di studio (ispirato da Dante di cui ricorrono i 700 anni della morte) “Terre di esilio, terre di confino”. Ospiti Enrico Fink presidente della Comunità ebraica fiorentina, Silva Rusich vicepresidente dell’Aned, Valdo Spini e gli studiosi Alessia Cecconi e Riccardo Buscagli

Per la sesta volta le Gallerie degli Uffizi contribuiscono al Giorno della Memoria. Quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante (che gli Uffizi ricordano con più di una iniziativa) hanno ispirato il tema “Terre di esilio, terre di confino”: la storia di donne e uomini che per dissidenza, per improvvisa disgrazia agli occhi del regime di turno, per mancato o cessato gradimento da parte del potere o del proprio microcosmo sono stati costretti a vivere (e sovente a morire) altrove. Contemporaneamente ai singoli sono stati banditi e perseguitati interi gruppi sociali, fedi, popoli… La mattinata di studio può andare idealmente da Ovidio all’Olocausto, passando da Guinizzelli a Dante a Carlo Levi.
Dopo i saluti del direttore Eike Schmidt, del presidente della Comunità ebraica fiorentina Enrico Fink e della vicepresidente dell’ANED Silva Rusich. Dopo l’introduzione di Claudio Di Benedetto (organizzatore e coordinatore del Giorno della Memoria per gli Uffizi), parleranno Alessia Cecconi, direttrice della Fondazione CDSE di Prato, l’italianista Riccardo Bruscagli e il presidente del Circolo fratelli Rosselli Valdo Spini.

Come nelle edizioni precedenti faranno da sottofondo alle parole opere delle Gallerie, utili a comprendere l’intreccio fra memoria storica e memoria artistica. L’incontro – in agenda per il 26 gennaio 2021 alle ore 9.30 – sarà trasmesso in streaming.

 

Terre d’esilio, terre di confino
Programma dell’evento


Saluti istituzionali

Eike Schmidt

Direttore delle Gallerie degli Uffizi


Silva Rusich

Vice presidente ANED sez. Firenze


Enrico Fink

Presidente Comunità Ebraica di Firenze


Introduce 
Claudio Di Benedetto


Alessia Cecconi

“Dal lungo essilio in quale siamo invecchiati”. Appunti sul concetto dell’esilio in pittura tra Rinascimento e Risorgimento


Riccardo Bruscagli

Dante exul immeritus: la violenza della legge


Alessia Cecconi

Artisti in fuga dopo le leggi razziali: alcuni spunti e qualche esempio


Valdo Spini

Amelia Rosselli Pincherle. Dopo l’uccisione dei figli: dieci anni di esilio

 

Lascia un commento