Gli scritti di Vittorio Spinazzola, il critico letterario morto a 90 anni. Due i libri pubblicati da ETS

Libri & Fumetti, Pisa

Vittorio Spinazzola, critico letterario, è morto a Milano, città dove era nato nel 1930. Fra i suoi scritti, alcuni sono stati pubblicati anche nel catalogo dell’editore ETS di Pisa.

Le metamorfosi del romanzo sociale (2017). Figlio della modernità, il romanzo sociale ha per protagonisti i soggetti collettivi della vita pubblica: le classi, le categorie, le corporazioni. La forma preferita è quella dell’affresco di dimensioni vaste, a colori forti, dove i personaggi si affollano e più dei grandi avvenimenti storici contano i dinamismi delle vicende economiche, le logiche dei conflitti di interessi. Nel passato, il romanzo sociale ha esplorato i “misteri” esotici delle metropoli nell’universo industriale in espansione. Oggi, a tenere il campo sono le preoccupazioni del cittadino massificato di fronte allo strapotere dei mercati finanziari. Vittorio Spinazzola passa in rassegna con acume spregiudicato e scioltezza di linguaggio le fortune del romanzo sociale in Italia, da Verga e De Roberto a Pirandello e Vittorini e Cassola, sino a Balestrini, Morante, Volponi, Nove. I loro stili variano dal realistico al visionario, le tecniche di racconto sono le più diverse, i valori di riferimento mutano radicalmente: le denunce dell’arretratezza si trasformano nelle critiche alla modernizzazione. Ma resta fermo il proposito di attenersi a una idea di letteratura partecipe delle inquietudini che agitano la coscienza contemporanea.

Il romanzo d’amore (2012). l modello tipico del romanzo d’amore, nella stagione della modernità, si fonda sul protagonismo di coppia; racconta una vicenda destinata a svilupparsi, nella duttilità apertissima del genere, sulla dinamica antagonistica e complementare che si instaura tra i comprimari, animati dall’ansia di appagamento affettivo e dalle pulsioni indomabili dell’eros. Un bifrontismo costitutivo che presuppone il declino dell’ordine familistico patriarcale e l’avvento di una concezione più libera e paritaria fra i sessi. In una struttura ad alta tensione romanzesca, la narrazione oscilla fra la volontà angosciata di scandalo e i ripiegamenti su una serenità sconsolata: nella varietà morfologica delle tipologie contemporanee, il romanzo sentimentale trapassa nel romanzo erotico e sconfina nella serialità del rosa e del rosso spinto. Vittorio Spinazzola ripercorre con originale spregiudicatezza critica e affabilità di stile le metamorfosi del romanzo d’amore in Italia, rileggendo i classici  otto-novecenteschi, da Manzoni a De Roberto da Nievo a D’annunzio, e via via gli inquieti scrittori a noi più vicini, Moravia, Cassola, Morante, Testori e Pasolini, senza trascurare  le prime avventure di sesso, a firma Da Verona, Pitigrilli, Liala, fino alle sfumature accese di fine secolo.

Lascia un commento