Giornata della Memoria 2021: conferimento a Pisa della laurea honoris causa in scienze per la pace alla senatrice Liliana Serge. Presentazione del libro “Il dovere della parola” pubblicato da Fondazione Livorno

Martedì 2 febbraio 2021 alle 11, nell’ambito delle Ciclo di iniziative per la Giornata della Memoria 2021, nell’Auditorium Polo della Memoria San Rossore 1938, si terrà la cerimonia di conferimento della Laurea Magistrale Honoris Causa in Scienze per la Pace alla Senatrice Liliana Segre (sopra il titolo, foto da Rai / Che tempo che fa).La cerimonia sarà preceduta dalla presentazione del volume di Marina Riccucci e Laura Ricotti “Il dovere della parola. La Shoah nelle testimonianze di Liliana Segre e di Goti Herskovitz Bauer” pubblicato da Fondazione Livorno.

“La biografia della senatrice Segre – è scritto nelle motivazioni del riconoscimento – restituisce il senso più alto di un costante impegno pubblico volto non solo a tutelare la storia e la memoria delle vittime dello Sterminio, ma anche a promuovere una autentica educazione alla cittadinanza e alla pace. Nei suoi incontri con i cittadini di tutta Italia, e in particolare con gli studenti, anche universitari, Liliana Segre ha contribuito a promuovere una cultura di pace positiva, espressione con la quale si intende non solo la semplice assenza di guerra, ma l’insieme delle attività volte a promuovere la giustizia sociale, la convivenza pacifica, il ripudio dei conflitti”.

“In questi anni – ha commentato il rettore Paolo Mancarella – il vincolo di riconoscenza che lega l’Università di Pisa alla senatrice Liliana Segre si è rafforzato sempre di più. Conferirle la laurea honoris causa in Scienze per la Pace è il nostro modo di dirle grazie per aver tutelato la storia e la memoria della Shoah, facendone uno strumento per alimentare, in primo luogo nei giovani, quei valori di fratellanza e di rispetto in cui il nostro Ateneo si riconosce pienamente e che sono fondamentali per costruire una società basata su una solida cultura della pace, che non lasci posto ad alcuna forma di odio”.

La giornata del 2 febbraio, coordinata dal professor Fabrizio Franceschini, direttore del Centro Interdipartimentale di Studi Ebraici (CISE) dell’Ateneo pisano, sarà aperta alle ore 11 dalla presentazione del volume “Il dovere della parola. La Shoah nelle testimonianze di Liliana Segre e di Goti Herskovitz Bauer”, di Marina Riccucci e Laura Ricotti, pubblicato da Fondazione Livorno e edito da Pacini Editore.

“Questa pubblicazione che Fondazione Livorno ha deciso di mandare in stampa – spiega il presidente Luciano Barsotti – nasce da un progetto elaborato insieme all’Università di Pisa, al Cise, e alle Comunità ebraiche di Pisa e di Livorno, sulla scia delle iniziative assunte da questi enti nel 2019 e 2020 per ricordare Frida Misul. Il progetto aveva dimensioni più importanti e avrebbe coinvolto tutto le scuole se la pandemia non avesse condizionato i nostri programmi e le nostre scelte. Siamo comunque orgogliosi di consegnare questo libro, anche se virtualmente, in questa prestigiosa circostanza, alla senatrice Liliana Segre e alla signora Goti Herskovitz Bauer e di ospitare sul nostro sito, da martedì 2 febbraio, le toccanti e inedite interviste da loro rilasciate e che fanno da corollario al volume*”

La presentazione del libro, affidata alla professoressa Riccucci, membro del CISE, sarà preceduta dai saluti istituzionali dell’assessore per l’Università e la cultura della Memoria della Regione Toscana Alessandra Nardini, del Prefetto di Pisa Giuseppe Castaldo, del sindaco di Pisa Michele Conti e del presidente di Fondazione Livorno Luciano Barsotti. Seguirà l’intervento a distanza di Goti Herskovitz Bauer.

“Il libro – sottolinea il professor Franceschini – è importante sia perché presenta una testimonianza della Segre con accenti nuovi rispetto ad altri e sempre significativi suoi interventi, sia perché valorizza degnamente la figura di Goti Bauer, che tra i molti meriti ha quello di aver stimolato proprio Liliana Segre a prendere la parola, dopo anni di silenzio sulla sua esperienza della deportazione e del Lager”.

Alle ore 12 inizierà la cerimonia di conferimento della laurea magistrale honoris causa in Scienze per la Pace alla senatrice Liliana Segre. Dopo il benvenuto del rettore Paolo Mancarella, la professoressa Eleonora Sirsi, presidente del corso di laurea magistrale in Scienze per la Pace, darà lettura della Motivazione del conferimento. La Laudatio sarà tenuta da Gadi Luzzatto Voghera, direttore del Centro Documentazione Ebraica Contemporanea, e da Noemi di Segni, presidente dell’Union

La manifestazione si svolgerà parzialmente in presenza e su piattaforma telematica. Coordina Fabrizio Franceschini, direttore del Centro Interdipartimentale di Studi Ebraici (CISE)

L’evento potrà essere seguito in diretta streaming su:  https://www.youtube.com/watch?v=j_E9qKDbNvQ

Programma

ore 11

Saluti Istituzionali

Alessandra Nardini Assessore per l’Università e la cultura della Memoria della Regione Toscana

Giuseppe Castaldo Prefetto di Pisa

Michele Conti Sindaco di Pisa

Luciano Barsotti Presidente di Fondazione Livorno

 

Presentazione del volume 

Marina Riccucci, membro del CISE , presenta Il dovere della parola. La Shoah nelle testimonianze di Liliana Segre e di Goti Herskovitz Bauer (Pisa, Pacini, 2021) e la documentazione videoregistrata*

Intervento a distanza di Goti Herskovitz Bauer

Ore 12.00

Cerimonia di conferimento della Laurea Magistrale Honoris Causa in Scienze per la Pace alla Senatrice Liliana Segre

Apertura della Cerimonia
Paolo Maria Mancarella, Magnifico Rettore dell’Università di Pisa

Lettura della motivazione
Eleonora Sirsi, Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Scienze per la Pace

Laudatio
Gadi Luzzatto Voghera, Direttore del Centro Documentazione Ebraica Contemporanea
Noemi di Segni, Presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei)

Cerimonia di Consegna della Laurea Magistrale Honoris Causa

Lectio Magistralis
Liliana Segre, Senatrice della Repubblica (intervento a distanza)

 

Info e Contatti:
cerimoniale@unipi.it

Lascia un commento