Su il sipario: al “Niccolini” c’è Maria Cassi

Firenze, Teatro e Danza

Lunedì 5 Dicembre 2016 (ore 21), al Teatro Niccolini di Firenze, torna attesa ospite del cartellone degli Amici della Musica l’attrice Maria Cassi, versatile e comunicativa interprete autrice e regista di spettacoli rappresentati in tutto il mondo (come Crepapelle, My Life with Men… and Other Animals, Attente al lupo), per confrontarsi stavolta con Italo Calvino: Frammenti s’intitola la serata, che vedrà l’attrice affiancata dal chitarrista Marco Poggiolesi, al quale è legata da un sodalizio artistico ben collaudato (biglietto 10 euro, previste riduzioni).

Uno spettacolo costruito su pagine dal romanzo “Il barone rampante”, dai racconti “Tutto in un punto” e “Furto in una pasticceria”: «scelte – racconta Cassi – seguendo le tracce di motivi gastronomici: come quando, nel “Furto in una pasticceria”, la signora Ph(i)nko annuncia che vorrebbe preparare con le sue mani tagliatelle per tutti». E quella parola, ‘tagliatelle’, pare far riversare davanti ai nostri occhi una succulenta cascata di pasta fatta a mano. «Sono brani – prosegue l’attrice – che comunicano la cultura e il piacere del buon cibo, e tale, a sua volta, da poter suscitare il piacere della lettura: la speranza è quella di infondere nelle nuove generazioni un divertimento, un amore per la lettura che ci può e ci dovrebbe accompagnare per tutta la vita come un’amica fedele e amorosa». Il tutto cucinato con un approccio al testo originale e dinamico, che abbia però «una sua forza drammaturgica» e che troverà un suo fondamentale ingrediente nella musica. «Marco Poggiolesi creerà con la sua chitarra un vero e proprio tappeto musicale a questi passi tratti da Calvino: il nostro è un lavoro di tessitura musicale, con le letture che vengono trattate proprio come delle partiture». Francisco Tarrega, Emilio Medina con le sue atmosfere flamenco, John Coltrane, sono questi alcuni dei nomi che ascolteremo avvicinati alle parole di Calvino, in una dimensione che spesso guarda al gusto per l’improvvisazione tipico del jazz. «L’augurio – dice Maria Cassi, – è quello di comunicare piacere, riflessione, amore e fiducia a coloro che ascoltano e che, incuriositi, si avvicinano sempre e sempre di più alla parola scritta, indispensabile e meravigliosa maestra di vita».

Per saperne di più: http://edizioniteatrodelsalecibreofirenze.it — www.marcopoggiolesi.com

IL BAULE DEI SOGNI FRA S. MARIA A MONTE E S. CROCE SULL’ARNO

Il Baule dei sogni sabato 3 dicembre, 2016 alle 16.30 propone al teatro Comunale di Santa Maria a Monte una delle ultime produzioni di Giallo Mare Minimal Teatro Cappuccetto e la nonna! con Vania Pucci per bambini da 5 a 10 anni. Una dolce nonnina nella sua casetta dal tetto rosso tra il gatto e i fiori, tra pentole e gomitoli di lana, insegna alla piccola Cappuccetto come difendersi dal lupo per diventare grande, perché la nonna lo sa che il lupo ci prova sempre, è stata anche lei una piccola Cappuccetto. Nel programma del Baule a Santa Maria a Monte: sabato 17 dicembre C’era una volta un cuore; sabato 14 gennaio 2017 Hansel e Gretel, ovvero la trappola perfetta; sabato 21 Rosa; sabato 28 Areste Paganos e la farina del diavolo.

Domenica 4 dicembre 2016 il Baule è  invece al teatro Verdi di Santa Croce sull’Arno: alle 17 va in scena L’elefantino Babar dei Gogmagog per bambini dai 3 ai 10 anni. La storia narra di Babar, un giovane elefante che rimasto senza mamma nel cuore di una foresta selvaggia, fugge e arriva in una grande città. Qui trova accoglienza presso la casa di un’anziana ricca signora che rapidamente trasforma l’orfanello in un perfetto cittadino, civilizzato, scolarizzato, ben vestito ed educato. Da questa nuova vita però Babar non riesce a cancellare la nostalgia delle proprie origini. Le domeniche del Baule tornano poi a gennaio 2017: domenica 15 con Buongiorno buonanotte e domenica 22 con Le 12 fatiche di Ercole.

Biglietto per bambini 3 euro, per adulti 4,50 euro.
Per informazioni ci si può rivolgere a Giallo Mare Minimal Teatro 0571 81629 – info@giallomare.it.

TEATRO DI ANTELLA: “LORO DI NAPOLI” E “RADIO OLIMPIA LIBERA”

Sabato 3 dicembre 2016 alle 21 la stagione del Teatro di Antella prosegue con “Loro di Napoli”, raffinato omaggio alla tradizione partenopea per il progetto di Giovanni Vitali “Recitare con la musica” in collaborazione con Opera di Firenze/Maggio Musicale Fiorentino (ingresso 7/5 euro). Una città, Napoli. La sua lingua, la sua musica. Le canzoni napoletane rappresentano una letteratura di importanza storica sia che scaturiscano dalle penne di compositori importanti, sia che siano frutto dall’ispirazione di musicisti meno famosi. Il comune denominatore è la loro straordinaria invenzione melodica, lo strettissimo rapporto tra musica e testo e i forti legami con la tradizione popolare. Qualcuno, non senza fondamento, le ha paragonate ai Lieder tedeschi. Le fonti letterarie, forse, non raggiungono quelle altezze, la musica in molti casi sì. Mezzosoprano Antonella Carpenito, Pianoforte Fabio Maggio, Voce recitante Luigi Fiorentino.

Infine domenica 4 dicembre 2016 alle 17 “Radio Olimpia Libera”: l’Olimpo si tramuta in una stazione radiofonica dove tre simpatiche divinità si divertono a fare i dj investiti dai racconti bisbigliati dai loro radioascoltatori. Racconti che parlano di mondi immaginari senza confini né pregiudizi, facendo della diversità un prezioso tesoro da custodire. Racconti che parlano di sogni. I protagonisti, talvolta dèi talvolta dj, rivivono questi bisbigli solleticando la propria immaginazione e trasformandoli in realtà. Con Lorenzo Girolami, Valentina Testoni, Elisa Zuri, testi di Natalia Bavar, regia di Matìas Endrek (7 euro). Tutti i dettagli su www.archetipoac.it oppure allo 055 621894.

Lascia un commento