Il Fondo Spadoni di storia contemporanea (dai movimenti sindacali ed operai alla politica e ai partiti) donato alla Biblioteca Labronica

Focus, Livorno

La Biblioteca Labronica “ Francesco Domenico Guerrazzi” di Livorno si arricchisce di un’ulteriore donazione: il Fondo Spadoni, un cospicuo complesso di volumi inerenti la storia contemporanea, la storia dei partiti e dei movimenti politici, come dei movimenti sindacali e operai. Ugo Spadoni è stato infatti uno storico e scrittore livornese del pensiero politico del novecento; a lui si devono importanti pubblicazioni sulla storia del movimento operaio a Livorno nel corso del XX secolo fino al secondo dopoguerra. Il Fondo donato alla Biblioteca raccoglie tali pubblicazioni così come numerosi volumi di storia che riportano all’interno interessanti appunti e postille manoscritte da parte dello storico livornese  (nell’immagine sopra il titolo particolare di “Quarto Stato”, celeberrima opera di Giuseppe Pellizza da Volpedo).

Ugo Spadoni nasce a Livorno il 20 gennaio del 1923. Studia presso l’Università di Pisa dove poi diverrà docente di Storia dei partiti e dei movimenti politici e di Storia del sindacalismo e del movimento operaio presso la Facoltà di Scienze Politiche. Studioso dei movimenti socialisti e cattolici, collaborò a diverse riviste storiche, tra cui “Nuova rivista storica” e “Critica storica”. Tra i suoi volumi si ricordano : “Il pensiero filosofico e storiografico di Antonio Gramsci” (Palermo,1966); “Capitalismo industriale e movimento operaio a Livorno e all’isola d’Elba. 1180-1913” (Firenze, 1970); “I lavoratori e il socialismo. Contributo alla storia del movimento operaio in Toscana. 1870-1922 (Pisa, 1984); “Giovanni Gronchi nell’azione cattolica, nel partito popolare, nella confederazione italiana dei lavoratori”; vol. 1: 1904-1922″ (Firenze, 1992).
Il professor Spadoni è morto a Livorno il 14 luglio 2014.

Il Fondo sarà consultabile, non appena terminate le operazioni di riordino e catalogazione , presso la Biblioteca “Guerrazzi” di Villa Fabbricotti.

Lascia un commento