Focus su Leonardo (partendo da Vinci), ma anche sulle tracce degli Etruschi e dei profumi del Giardino delle Rose… Gli itinerari di maggio 2019 con Enjoy Firenze

Arezzo, Da non perdere, Firenze

Una gita fuori porta a Vinci, paese natale dell’artista e inventore Leonardo, un pomeriggio tra i colori e i profumi dei giardini di Firenze, una passeggiata alla scoperta delle tracce dell’antica civiltà etrusca e romana a Fiesole e uno speciale itinerario attraverso le vie della città, inseguendo i passi del Genio del Rinascimento dal suo arrivo a Firenze: sono questi alcuni degli appuntamenti – otto – del mese di maggio, firmati “Enjoy Firenze”, il cartellone di percorsi guidati alla scoperta dei tesori artistici e architettonici di Firenze e della Toscana in compagnia di esperti e archeologi curato da Cooperativa Archeologia (programma completo su www.enjoyfirenze.it, ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 e a turismo@archeologia.it).

Otto gli appuntamenti del mese, che si apriranno sabato 4 maggio alle 15.45 con la visita fuori porta a Vinci alla scoperta del paese natale del celebre artista, inventore, architetto e scienziato Leonardo, nell’anno del Cinquecentenario dalla sua morte. Durante la visita guidata si avrà l’occasione di scoprire i luoghi familiari al giovane Leonardo da un punto di vista sia storico-artistico, sia paesaggistico. Il percorso si snoderà attraverso il Museo Leonardiano, la chiesa di Santa Croce e la Rocca dei Conti Guidi in una “full immersion” alla scoperta delle radici di questa, per certi aspetti ancora misteriosa, personalità del Rinascimento italiano.

Giardino delle rose

Si prosegue domenica 5 con una suggestiva passeggiata per affacciarsi sulla città immersi nei colori e nel profumo dei fiori, tra il Giardino dell’Iris, con i suoi esemplari coloratissimi, e quello delle Rose, progettato dal Poggi per Firenze Capitale, che ospita circa mille varietà del fiore da cui prende il nome, oltre a una collezione en plein air di sculture dell’artista belga Jean Michel Folon (5/05).

Domenica 12 è in programma “La città dei banchieri” un itinerario per ripercorrere la storia della nascita del primo sistema bancario, così come lo conosciamo oggi, che racconta, attraversando le strade e le piazze di Firenze, il crack delle banche Bardi e Peruzzi negli anni trenta del 1300 e la successiva ascesa della potenza economica della famiglia Medici e come Firenze, nella New York finanziaria di inizio ‘900 sia stata l’icona del massimo splendore da emulare: quando si costruì il Palazzo della Federal Reserve gli architetti si ispirarono a Palazzo Vecchio, a Palazzo Pitti e soprattutto a Palazzo Strozzi, per dare all’edificio, attraverso il richiamo al Rinascimento fiorentino, un’idea di stabilità, forza e sicurezza (12/05).

Sempre a Leonardo sarà dedicata la giornata di giovedì 16 con la visita serale alla nuova, grande mostra di Palazzo Strozzi, che celebra Andrea del Verrocchio, maestro di Leonardo e artista simbolo del Rinascimento a Firenze, attraverso oltre 120 opere tra dipinti, sculture e disegni provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo. Si tratta della prima grande retrospettiva mai dedicata a questo artista (16/05).

Fiesole

Tra le novità di maggio un itinerario (in agenda il giorno 25) a Fiesole, alla scoperta delle tracce dell’antica civiltà etrusca e romana conservate nell’Area Archeologica. Partendo da Piazza Mino, antico foro della città romana, in compagnia di una guida archeologa visiteremo gli scavi del teatro romano, il tempio etrusco, le scenografiche rovine delle terme fino ad arrivare sul colle di San Francesco, dove una volta era l’acropoli della città antica, per un ultimo sguardo al panorama nella luce del tramonto (25/05).

In programma domenica 26 uno speciale itinerario attraverso le vie della città, inseguendo i passi del Genio del Rinascimento dal suo arrivo a Firenze. Partendo dal quartiere di Sant’Ambrogio, dove Andrea del Verrocchio aveva la sua bottega, si proseguirà verso l’Ospedale di Santa Maria Nuova, dove si dice che Leonardo abbia effettuato dissezioni sui cadaveri per studiarne l’anatomia; e verso il Giardino di San Marco, una sorta di scuola d’arte dove Lorenzo il Magnifico ospitava giovani e promettenti talenti (fra i quali anche Michelangelo); per terminare al Monastero di Sant’Orsola, che nel Quattro e Cinquecento ospitava una comunità di monache francescane. Tra loro spese gli ultimi anni di vita anche Lisa Gherardini, celebre modella de La Gioconda.

Villa Varignano

Ad arricchire le proposte di Enjoy Firenze, due iniziative fuori porta. La prima a Portovenere (il 4 maggio) con un laboratorio per bambini alla Villa romana del Varignano (foto a sinistra), esempio di villa rustico-marittima di epoca romana, situata in una conca del golfo dei Poeti. L’attività ha lo scopo di illustrare i diversi utilizzi che gli antichi romani facevano dell’olio, approfondendo un particolare aspetto della vita quotidiana in cui l’olio era protagonista, attraverso la produzione di essenze profumate, seguendo le indicazioni fornite dalle fonti antiche (4/05). La seconda (il 10 maggio) a Loro Ciuffenna, dove la forza della natura, la potenza dell’acqua e l’ingegno dell’uomo si combinano per dare vista a un capolavoro di armonia e bellezza. Dalla pieve di Gropina, gioiello di arte e architettura romanica, ci sposteremo a Loro Ciuffenna, già castello, per entrare e visitare il borgo e il Museo Venturino Venturi, dedicato all’opera di questo artista eclettico, pittore e scultore, una delle personalità più interessanti del Novecento, nato proprio a Loro. Giunti al “fondaccio”, si varcherà il Ciuffenna attraverso il bellissimo “ponte a schiena d’asino”; per arrivare fino all’antico mulino azionato con la forza dell’acqua (19/05).

Per ulteriori informazioni www.enjoyfirenze.it. Ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 e a turismo@archeologia.it

CALENDARIO ITINERARI CULTURALI DI MAGGIO

***Domenica 5 maggio, ore 17.00

Giardini a primavera: il Giardino dell’Iris e il Giardino delle Rose

Piazzale Michelangelo, sotto la statua del David

Una suggestiva passeggiata per affacciarsi sulla città, immersi nei colori degli iris e nel profumo delle rose. Il Giardino dell’Iris ha la sua sede naturale proprio a Firenze per il legame che la città ha sempre avuto nella storia con questo fiore, che compare anche nel suo gonfalone. Il Giardino delle Rose, progettato dal Poggi per Firenze Capitale, ospita circa mille varietà del fiore da cui prende il nome; in questo luogo incantato è conservata una collezione en plein air di sculture dell’artista belga Jean Michel Folon.

Durata della visita 2 ore

Ingresso gratuito al Giardino delle Rose

Contributo visita al Giardino dell’Iris euro 5

Auricolari (facoltativi) 1,50€

Prezzo della visita 12€, speciale soci Coop 10€, bambini 8€

A cura di Cooperativa Archeologia

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it

***Domenica 12 maggio, ore 10.00

La città dei Banchieri: la nascita delle banche moderne, una storia fiorentina

Ritrovo alla fontana di Piazza Santa Croce, lato via de’ Benci

In un momento storico in cui le banche sembrano arrivate al capolinea, un itinerario per ripercorrere la storia della nascita del primo sistema bancario, così come lo conosciamo oggi. Già nel Medioevo a Firenze esistevano le due più grandi banche dell’Europa di allora, quella dei Bardi e dei Peruzzi, con filiali in tutta Europa, che prestavano denaro a mercanti e regnanti.

La città dei banchieri

Negli anni ‘30 del 1300, a causa di una terribile crisi finanziaria “europea”, che portò a una grave recessione, i banchi dei Bardi e dei Peruzzi fallirono, schiacciati rispettivamente da un debito di 900.000 e 600.000 fiorini, una cifra esorbitante per l’epoca. A Firenze, il crack bancario portò sulla scena nuovi attori finanziari: è infatti a questo punto che si colloca l’incredibile ascesa della famiglia Medici. Il nuovo banco fondato dai Medici nel 1397, che tuttavia mai raggiungerà le dimensioni dei suoi progenitori falliti una cinquantina d’anni prima, sarà importante perché introdurrà una nuova forma societaria, molto simile a quella che oggi chiamiamo holding: il banco fiorentino aveva infatti le caratteristiche di una holding company di varie società riunite in un organismo più grande. Il banco non ebbe presidi ad Oriente né più filiali delle trecentesche compagnie dei Peruzzi o dei Bardi, tuttavia i Medici seppero creare un brand, un alone di esclusività: possiamo immaginare che via Larga, dove sorgeva il palazzo di famiglia, nel Quattrocento e buona parte del Cinquecento abbia assunto lo stesso significato che Wall Street ha rappresentato tra l’Ottocento e il Novecento. Agli inizi del Novecento, nella New York dei grandi banchieri, era infatti Firenze l’icona del massimo splendore da emulare: quando si costruì il Palazzo della Federal Reserve gli architetti si ispirarono a Palazzo Vecchio, a Palazzo Pitti e soprattutto a Palazzo Strozzi, per dare all’edificio, attraverso il richiamo al Rinascimento fiorentino, un’idea di stabilità, forza e sicurezza. Questo e molto altro racconteremo durante il tour, percorrendo le strade e le piazze alla ricerca della potenza economica e finanziaria di un tempo e delle famiglie che la resero possibile.***

Durata dell’itinerario 2 ore

Prezzo 14€, speciale soci Coop 12€, bambini 8€

Auricolari 1,50€ (facoltativi)

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it 

A cura di Cooperativa Archeologia

***Giovedì 16 maggio, ore 21.00

Verrocchio, il maestro di Leonardo – Visita alla mostra di Palazzo Strozzi

Ingresso di Palazzo Strozzi, Piazza Strozzi

Verrocchio Madonna col Bambino2

Visita alla nuova, grande mostra di Palazzo Strozzi, evento di punta delle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci: la straordinaria rassegna celebra Andrea del Verrocchio, maestro di Leonardo e artista simbolo del Rinascimento a Firenze, attraverso oltre 120 opere tra dipinti, sculture e disegni provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo. Si tratta della prima grande retrospettiva mai dedicata al Verrocchio: oltre a celebri capolavori dell’artista, la mostra raccoglie anche opere dei più famosi artisti della metà del Quattrocento legati alla sua bottega, come Domenico Ghirlandaio, Botticelli, Perigino e Leonardo da Vinci, il suo allievo più famoso. Attraverso eccezionali prestiti e confronti finora inediti sarà possibile ricostruire la formazione di Leonardo e lo scambio con il maestro, ricostruirne gli esordi e offrire uno sguardo sulla produzione artistica a Firenze all’epoca di Lorenzo Il Magnifico.

Durata della visita 2 ore

Biglietto di ingresso alla mostra + diritti di prenotazione 11€

Auricolari (obbligatori) euro 1€

Prezzo della visita guidata 14€, scontato per soci Coop 12€, bambini 8€

Prenotazione obbligatoria allo 055 5520407 e a turismo@archeologia.it 

A cura di Cooperativa Archeologia

***Sabato 25 maggio, ore 15.00

A Fiesole, passeggiando sulle tracce degli Etruschi e dei Romani

Ingresso dell’Area Archeologica, via Portigiani 1, Fiesole

Passeggiare a Fiesole non è solo un’esperienza indimenticabile per la natura, l’arte e la storia che si incontrano lungo il percorso, ma anche per le straordinarie vedute che, con un colpo d’occhio, consentono di abbracciare la valle dell’Arno e lo spettacolare panorama di Firenze! Con questa passeggiata andremo alla scoperta delle tracce dell’antica civiltà etrusca e romana conservate nell’Area Archeologica di Fiesole. Visiteremo gli scavi del teatro romano, il tempio etrusco, le scenografiche rovine delle terme e il vicino Museo Archeologico, in cui sono conservati i reperti rinvenuti durante gli scavi e molti materiali acquisiti da raccolte private e donazioni. Alla fine, saliremo sul colle di San Francesco, dove una volta era l’acropoli della città antica, per un ultimo sguardo al panorama nella luce del tramonto. La visita sarà condotta da una guida archeologa.

Durata circa 2 ore circa

Biglietto di ingresso all’Area Archeologica: intero 10€, ridotto 6€ per ragazzi dai 7-18 anni, studenti universitari e per gruppi oltre le 10 persone, gratuito under 6, residenti nel Comune di Fiesole, disabili con accompagnatore

Prezzo della visita guidata 12€, soci Coop 10€, bambini 8€

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it 

A cura di Cooperativa Archeologia 

***Domenica 26 maggio, ore 10.00

Sulle tracce di Leonardo a Firenze

Appuntamento in Piazza Sant’Ambrogio, davanti alla Chiesa.

Enjoy Firenze® vi porta a scoprire la Firenze di Leonardo! Seguiremo un itinerario attraverso le vie della città, inseguendo i passi del Genio del Rinascimento dal suo arrivo a Firenze.

Leonardo nella bottega del Verrocchio

Inizieremo scoprendo i luoghi dell’esordio come artista di Leonardo. Partiremo perciò dal quartiere di Sant’Ambrogio, dove Andrea del Verrocchio, che fu per tanti anni maestro di Leonardo, aveva la sua bottega.

Gli studi di Anatomia

Proseguiremo poi fino all’Ospedale di Santa Maria Nuova, il più antico di Firenze, dove si dice che Leonardo abbia effettuato dissezioni sui cadaveri per studiarne l’anatomia. Scopriremo insieme quanti dei racconti fioriti intorno a questa macabra vicenda siano veritieri e quanto siano frutto della fantasia e delle malelingue del tempo.

Palazzo Vecchio e il Giardino di San Marco

Andremo anche a caccia dei luoghi in cui Leonardo lavorò a Firenze. A Palazzo Vecchio si cimentò nella realizzazione della celebre Battaglia di Anghiari con una tecnica sperimentale che gli costò la buona riuscita dell’intera impresa. Sembra che Leonardo lavorasse anche nel Giardino di San Marco, una sorta di scuola d’arte dove Lorenzo il Magnifico ospitava giovani e promettenti talenti (fra i quali anche Michelangelo).

La Gioconda

Il nostro itinerario terminerà al Monastero di Sant’Orsola, che nel Quattro e Cinquecento ospitava una comunità di monache francescane. Tra loro spese gli ultimi anni di vita anche Lisa Gherardini, celebre modella de La Gioconda, che venne poi sepolta nel complesso di Via Guelfa. Da quest’anno è stato dato l’avvio ad un nuovo progetto di riqualificazione, che forse un giorno renderà visitabile l’ex monastero.

Durata circa 2 ore

Prezzo della visita 16€, speciale soci Coop 14€, bambini 8€

Auricolari (facoltativi) 1,50€

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it 

A cura di Cooperativa Archeologia

***Sabato 4 maggio, ore 15.45

Fuori Porta

“Vinci. Alle origini di Leonardo”

Appuntamento in Piazza della Libertà, presso la statua del Cavallo di Leonardo, a Vinci

Nell’anno del Cinquecentenario dalla morte di Leonardo da Vinci, Enjoy Firenze propone una visita guidata alla scoperta del paese natale del celebre artista, inventore, architetto e scienziato. Avremo l’occasione di scoprire i luoghi familiari al giovane Leonardo da un punto di vista sia storico-artistico, sia paesaggistico.

Vinci

La cittadina di Vinci (a sinistra una panoramica) ha un forte legame anche con la natura che la circonda, un legame fortemente percepito anche dal giovane Leonardo. Leonardo visse a lungo nella magnifica campagna del Montalbano, che circonda il centro abitato. È in questo luogo che crebbe il Genio leonardiano, affidato alle amorevoli cure del nonno, ser Antonio da Vinci, osservando la natura che lo circondava, fonte di ispirazione costante per le sue sperimentazioni. Infatti Leonardo è conosciuto come uno dei più prolifici inventori di tutti i tempi, grazie ad una visione eccezionalmente proiettata nel futuro. Attraverso la visita al Museo Leonardiano conosceremo i segreti delle sue incredibili macchine, grazie ai modelli ricavati direttamente dai suoi progetti. Il nostro percorso di visita includerà la chiesa di Santa Croce, dove si conserva ancora il fonte in cui Leonardo fu battezzato, e la superba Rocca dei Conti Guidi. Qui sarà possibile visitare la mostra “Leonardo a Vinci. Alle origini del Genio”, organizzata in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, che racconta gli esordi di Leonardo in relazione con la sua città natale. In questa sede saranno eccezionalmente visibili le carte private della famiglia, ma anche il primo disegno mai realizzato dal Genio di Vinci. Una “full immersion” alla scoperta delle radici di questa, per certi aspetti ancora misteriosa, personalità del Rinascimento italiano.

Durata 3 ore

Prezzo della visita 14€, speciale soci Coop 12€, bambini 8€

Biglietto di ingresso al Museo comprensivo della mostra Leonardo a Vinci. Alle origini del genio intero 13€; 10€ per gruppi oltre le 15 persone, ragazzi da 14 a 18 anni over 65; ridotto speciale 8€ ragazzi dai 6 ai 14 anni, portatori di handicap; gratuito bambini fino a 6 anni non compiuti.

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it 

A cura di Cooperativa Archeologia

***Sabato 4 maggio, ore 10.00

IL TORCHIO OLEARIO DEL VARIGNANO – Gli antichi romani e l’uso dell’olio di oliva

Laboratorio per bambini dai 6 ai 12 anni

Villa romana del Varignano, via del Varignano Vecchio, Loc. Le Grazie-Portovenere (SP)

Situata in una bella conca nel Golfo dei Poeti, circondata da olivi, la villa romana del Varignano costituisce un interessantissimo esempio di villa rustico-marittima di epoca romana. La villa unisce le caratteristiche della villa marittima di otium con quelle di un’avviata azienda agricola, strutturata per garantire un alto grado di produttività legato alla lavorazione e produzione dell’olio di oliva. Costituisce per la Liguria un caso unico perché conserva la zona residenziale, dove viveva il signore con la sua famiglia, e la zona agricola destinata alla produzione. Partendo dall’analisi delle importanti evidenze della “pars fructuaria” della Villa, l’attività ha lo scopo di illustrare i diversi utilizzi che gli antichi romani facevano dell’olio. Il laboratorio approfondirà un particolare aspetto della vita quotidiana in cui l’olio era protagonista, attraverso la produzione di essenze profumate, seguendo le indicazioni fornite dalle fonti antiche.

Durata circa 1 ora e 30 minuti

Biglietto di ingresso 3€, gratis under 18

Costo del laboratorio per bambini 6€

Le attività si realizzano con un minimo di 10 partecipanti

NOTA: È necessaria la presenza di almeno un adulto per prenotazione

Prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 o a turismo@archeologia.it 

A cura di Cooperativa Archeologia in collaborazione con Area Archeologica e Sistema Museale dell’Antica Città di Luna.

***Domenica 19 maggio, ore 15.00

Fuori porta

Loro Ciuffenna. L’incanto della natura, la forza dell’acqua e la mano dell’uomo.

Appuntamento al parcheggio della Pieve di Gropina- Loro Ciuffenna (AR)

Quando la forza della natura, la potenza dell’acqua e l’ingegno dell’uomo si combinano in sintonia ne scaturisce inevitabilmente un capolavoro di incommensurabile bellezza e armonia.

Loro Ciuffenna

Passeggiare per Loro significa ammirare la potenza della natura che ha inesorabilmente inciso la gola rocciosa, ma anche ammirare la pazienza e la caparbietà dell’uomo che ha incanalato pazientemente tanta potenza a proprio vantaggio. Inizieremo dalla pieve romanica di Gropina gioiello di arte e architettura romanica. A seguire ci sposteremo a Loro Ciuffenna, già castello, dove entreremo per la piccola e antica porta. Qui visiteremo il borgo e il Museo Venturino Venturi, interamente dedicato all’opera di questo artista eclettico, pittore e scultore, una delle personalità più interessanti del Novecento, nato proprio a Loro. Giunti al “fondaccio”, varcheremo il Ciuffenna attraverso il bellissimo “ponte a schiena d’asino”; per arrivare fino all’antico mulino azionato con la forza dell’acqua.

Durata 2 ore circa

Biglietto di ingresso al Museo Venturino Venturi intero 4€, ridotto 7-12 anni e gruppi

oltre i 15 pax 2€, gratis under 6

Consigliata offerta per la Pieve di Gropina min. 1€ a pax

Prezzo della visita 16€, prezzo speciale riservato ai soci Coop 14€, bambini 8€

A cura di Cooperativa Archeologia

Lascia un commento