FIPILI HORROR FESTIVAL. Dal 9 all’11 ottobre torna (dopo il rinvio a causa della pandemia) l’evento della paura tra cinema, letteratura e arte. Mostra omaggio a Fellini (dal giorno 8), le proiezioni eil super ospite Elio Germano in “Segnale allarme. La mia battaglia VR”

Focus, Livorno

Il FIPILI Horror Festival, costretto a rimandare la sua nona edizione fissata nel consueto appuntamento primaverile, torna a Livorno con un ricco calendario di eventi venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 ottobre.  

Proiezioni, mostre, presentazioni letterarie e tanti ospiti, tra i quali l’attore Elio Germano, per il festival che indaga la paura nel cinema, nella letteratura e nell’arte. Da giovedì 8 ottobre il sipario del festival si alzerà sulla mostra omaggio a Federico Fellini, in occasione del centenario della nascita. L’esposizione dedicata al maestro del cinema si terrà nel polo del museo della città all’interno della biblioteca ed è organizzata in collaborazione con il comune di Livorno e la cooperativa Itinera. Felliniana si articola in tre parti: una collettiva di disegnatori che riuniti attraverso una call omaggeranno attraverso i loro segni gli aspetti visionari e onirici del regista, una archivistica a cura della biblioteca Labronica che mette a disposizione film, documenti, carteggi, fotografie per aprire percorsi di approfondimento e conoscenza dell’opera del maestro; la personale di Valentina Restivo “Fare l’aggettivo” un parterre gigantesco di personaggi, a volte protagonisti di una pellicola, altre cameo indimenticabili divenuti delle vere e proprie icone. Tutti (o quasi) uniti per rappresentare quel confine labile nell’opera di Fellini tra sogno e realtà, tra verità e menzogna. Ancora una mostra stavolta negli spazi del cinema i 4 mori con CINEX, presentata in anteprima durante Effetto Venezia e dintorni 2020, ha come protagonista il cinema come spazio e vuole celebrarlo con un mash-up fotografico di cinema dismessi e teatri abbandonati d’Italia. La rassegna di Urban Exploration Photography è stata organizzata dal Festival con la curatela di Giulia Barini, la collaborazione delle associazioni “Ascosi Lasciti” e “Livorno come era” col supporto del Comune di Livorno.

 

Venerdì 9 ottobre il festival entra nel vivo e apre al Cinema Teatro 4 Mori (Via Pietro Tacca, 16) con la proiezione dei cortometraggi in concorso, un appuntamento fisso della tre giorni sempre alle ore 14:00. Il festival ogni anno indice un concorso video per cortometraggi italiani e stranieri, che si divide in due sezioni da una parte, horror e thriller, dall’altra fantasy e fantascienza. L’ultimo giorno del festival verranno rivelati i vincitori di questa edizione.

Alle ore 16:30, Elio Germano sarà ai 4 mori con lo spettacolo Segnale d’allarme. La mia battaglia VR. (Sopra il titolo e a lato. ph. Enrico De Luigi). In questo spettacolo che è considerato uno dei primi esperimenti di teatro in realtà virtuale, l’attore si cimenterà in un monologo parlando dei mali che attanagliano la nostra epoca, e del proprio impegno, per rivelare infine quanto dobbiamo aver “paura di noi stessi”. Gli spettatori saranno muniti di visori oculus per assistere allo show in realtà virtuale e al termine potranno incontrare l’attore per un dibattito intorno al progetto. L’evento sarà replicato alle ore 20:00. 

Alle 17:30 si terrà la l’incontro con lo scrittore Valerio Aiolli, che dialogherà con gli autori Enrico Pompeo e Michele Cecchini. In quest’occasione verrà presentato Nero ananas edito dalla prestigiosa casa editrice francese di gialli e di noir Voland, candidato al Premio Strega 2019. Il libro che racconta in modo spietato ed evocativo gli anni dal 1969 al 1973 in Italia, a partire dalla bomba di Piazza Fontana.   

Alle 19:00 si terrà la cerimonia di premiazione per i concorsi letterari indetti dal festival: “La paura fa 90 (righe)” che, come si può evincere dal titolo, è dedicato a racconti di paura che devono essere condensati in un massimo di novanta righe di testo. A seguire, un incontro tra due critici cinematografici “cult”: Federico Frusciante, noto per il suo canale YouTube e per la sua videoteca Videodrome, e Claudio Bartolini, fondatore di Bietti Edizioni. Dialogheranno per introdurre un film a scatola chiusa. Nel pomeriggio dalle 14:00 al Cinema Teatro 4 Mori andranno in onda i cortometraggi in concorso. Fino alle 17:00 saranno proiettate le opere di produzione italiana, mentre dalle 17:30 alle 18:30 ci saranno quelle di produzione straniera. Parallelamente, alle 17:30, il festival si sposta nel Quartiere Venezia ai Bottini dell’olio (via Dei Bottini Dell’Olio, 7) per l’incontro letterario con l’illustratrice e autrice di cartoni animati Sara Colaone e lo scrittore e fumettista Luca De Santis, autori di In Italia sono tutti maschi di cui presenteranno la nuova edizione con contenuti extra per un capolavoro che ha ricevuto il Premio Attilio Micheluzzi 2009 come Miglior fumetto ed è stato tradotto in oltre 10 paesi. Modera la giornalista Virginia Tonfoni. Nel 1938 l’Italia fascista promulgava le sue leggi razziali. A differenza di quelle tedesche, non menzionavano particolari provvedimenti contro gli omosessuali. In Italia, infatti, erano tutti maschi, attivi, virili e poco inclini a tali debolezze. Queste furono le parole con cui Mussolini liquidò ufficialmente la questione. Sappiamo invece che fu attuata una fitta repressione e che dal 1938 al 1942 circa 300 omosessuali italiani vennero mandati al confino. La narrazione prende l’avvio da questi fatti e si ispira alla figura di uno dei testimoni di questa vicenda. 

Alle 18:30 ci sarà Il Giro dell’Horror, una docu-serie di Luca Ruocco, Paolo Gaudio e Francesco Abonante prodotta dalla rivista InGenereCinema, gazzetta del cinema horror e del fantastico in collaborazione con lo studio Space Off. Una serie di documentari che raccontano in ogni puntata un protagonista dell’horror made in Italy.

Alle 20:30, verrà proiettato il film Letto n. 6 (Italia 2020) diretto da Milena Cocozza e prodotto dai Manetti Bros e Carlo Macchitella. Un horror di fantasmi con Carolina Crescentini come protagonista, che recita la parte di una dottoressa in un ospedale pediatrico, che di notte rivela i suoi terribili segreti di quando la struttura era un manicomio infantile. La regista, che esordisce con questo lungometraggio, sarà presente in sala e introdurrà la propria opera. 

I Paguri

Domenica 11 ottobre il festival si risveglia con una proiezione a scatola chiusa. Nel pomeriggio saranno proiettati i cortometraggi in vista della premiazione che si terrà alle ore 19:00. Alle 17:30 ci sarà l’incontro con lo sceneggiatore Emiliano Pagani e il disegnatore Daniele Caluri che presenteranno in anteprima nazionale il nuovo volume “Don Zauker: L’origine del male e altre storie”. Continua per Feltrinelli Comics la serie inaugurata da Ego te dissolvo del dissacrante e irresistibile Don Zauker, l’esorcista creato dal genio dei Paguri, il vulcanico duo di fumettisti labronici, che con questo libro proseguono la saga del loro personaggio e, allo stesso tempo, ne recuperano le radici. Una parte del libro è infatti costituita da una nuova storia, realizzata appositamente, e da materiale inedito, mentre il resto raccoglie una serie di episodi originariamente pubblicati sul leggendario “Vernacoliere”, in una versione totalmente rivista dagli autori. 

A concludere il festival alle 22:30, Federico Frusciante introdurrà un film che non è mai arrivato nelle sale, ma che ha già fatto molto parlare di sé: The Lighthouse (USA 2020) di Robert Eggers con protagonisti Willem Dafoe e Robert Pattinson. Un dramma in bianco e nero girato in 35mm, presentato a Cannes nella sezione Quinzaine des Réalisateurs e successivamente candidato ad un Premio Oscar nella categoria Miglior Fotografia, The Lighthouse è tra i film più attesi dell’anno e giunge a chiudere in grande la manifestazione grazie alla collaborazione con Universal Home Video. Il film verrà proiettato in versione doppiata in italiano con sottotitoli in inglese grazie alla collaborazione con Universal Pictures Italia

IL PROGRAMMA 

Venerdì 9 ottobre – Cinema i 4 mori

Ore 14:00 – 16:00  Proiezioni concorso cortometraggi 

Ore 16:30 – 18:30  Segnale d’allarme. La mia battaglia VR. Spettacolo e a seguire incontro con Elio Germano.

Ore 17:30 – 18:30 Nero Ananas – Incontro con l’autore Valerio Aiolli. Partecipano Enrico Pompeo e Michele Cecchini (Sala LEM, palazzo compagnia Portuali)

Ore 19:00 – 20:00 Premiazione concorso letterario (Sala LEM, palazzo compagnia Portuali)

Ore 19:00 – 20:00 Proiezioni concorso internazionale cortometraggi 

Ore 20:30 – 22:30  Segnale d’allarme. La mia battaglia VR. Spettacolo e a seguire incontro con Elio Germano.

Ore 22:30 – 00:00 Proiezione film a scatola chiusa (cinema i 4 mori)

Sabato 10 ottobre 

Ore 14:00 – 17:00  Proiezioni concorso cortometraggi (cinema i 4 mori)

Ore 17:30 – 18:30 In italia sono tutti maschi: Incontro con gli autori Sara Colaone e Luca De Santis, modera Virginia Tonfoni (polo dei Bottini dell’Olio )

Ore 17:30 – 18:30 Proiezioni concorso internazionale cortometraggi (cinema i 4 mori)

Ore 18:30 – 19:30 Il Giro dell’Horror: docu-serie a cura di Ingenerecinema (cinema i 4 mori)

Ore 20:30 – 22:30 Letto N6: proiezione del film introdotto dalla regista Milena Cocozza (cinema i 4 mori)

Ore 22:30 – 00:00 Proiezione film a scatola chiusa (cinema i 4 mori)

Domenica 11 ottobre 

Ore 12:00 – 13:30 Proiezione film a scatola chiusa

Ore 14:00 – 17:00  Proiezioni concorso cortometraggi 

Ore 17:30 – 18:30 Don Zauker – L’origine del male e altri racconti: presentazione in anteprima nazionale Incontro con gli autori Emiliano Pagani e Daniele Caluri, modera Virginia Tonfoni 

Ore 19:00 – 20:00 Premiazione concorsi cortometraggi 

Ore 20:00 – 22:00 Proiezione film a scatola chiusa

Ore 22:30 – 00:00 The Lighthouse: Proiezione in anteprima nazionale, introdotta da Federico Frusciante

 

Info e prenotazioni

www.fipilihorrorfestival.it

Si segnala che il programma potrebbe subire piccole variazioni.

 

Ufficio Stampa FIPILI Horror Festival:FIPILI

Lascia un commento