FESTIVAL PUCCINI 2021. “Pierrot Lunaire” di Schönberg nel nuovo stazione della Pachina rossa nei pressi del Gran Teatro di Torre del Lago. Con il soprano Livia Radio e l’Ensemble Giorgio Bernasconi diretto da Marco Angius. Il 10 agosto alle ore 21.15

L’opera Pierrot Lunaire  di Arnold Schönberg in scena il 10 agosto 2021 a Torre del Lago nel nuovo spazio “teatro della Panchina rossa” del Parco della Musica Giacomo  Puccini. Lo spettacolo nasce da una  collaborazione con l’Accademia del Teatro alla Scala e si inserisce nel progetto di Puccini la musica e il mondo che esplora il rapporto di Giacomo Puccini con i compositori del suo tempo

Protagonisti di questa rappresentazione   il soprano Livia Rado e l’Ensemble Giorgio Bernasconi  (foto in basso) con la direzione del Maestro Marco Angius (foto sopra il titolo).

Tante le novità di questo cartellone 2021 del Festival Puccini, tra cui il progetto Puccini la musica e il mondo attraverso il quale il direttore artistico Giorgio Battistelli propone di esplorare nuovi orizzonti musicali;  quelli dei giovani compositori, con Tanti Baci, ma anche di quei compositori coevi di Puccini  che suscitarono l’interesse e la curiosità del Maestro di Torre del Lago. Tra questi certamente Arnold Schönberg, musicista austriaco che coltivò la sua passione per la musica arrivando ad avere una sua formazione musicale praticamente da autodidatta. Tra le sue opere il Pierrot Lunaire, composta  nel 1912, che vide la sua prima, alla presenza di Giacomo Puccini,  il  1° aprile 1924 nella Sala Bianca di Palazzo Pitti a Firenze in un concerto organizzato dagli Amici della Musica. Puccini avvertiva già i primi sintomi di una malattia che lo avrebbe strappato al suo tempo ma non volle rinunciare alla curiosità di ascoltare questo musicista che poi avrebbe segnato la storia della musica contemporanea e aperto nuovi orizzonti nella musica del Novecento.

Pierrot Lunaire è basato su un ciclo di Lieder facenti parte di una raccolta di 50 poesie del simbolista Albert Giraud, delle quali Schönberg ne scelse 21. Assurta a simbolo della musica moderna, l’opera di Arnold Schönberg Pierrot Lunaire condensa e rivela nelle Tre cantiche (versi a metrica variabile e senza rima) principi espressivi che suonano come aforismi, che esprimono ma non sentenziano un pensiero. Un personaggio, quello di Pierrot, che nell’opera di Schönberg racchiude in sé dinamiche e caratteristiche ambivalenti, quando non antitetiche: spirito sognatore, romantico, macabro, paranoico che tesse con la luna, un dialogo. Due anime sulla scena, Pierrot la luna, protagonista della scrittura di Schönberg ma anche di Puccini.

Protagonisti di questa unica rappresentazione di Torre del Lago (10 agosto 2021 ore 21,15)  nel nuovo spazio “teatro della panchina rossa” il soprano Livia Rado e l’Ensemble Giorgio Bernasconi, con la direzione del Maestro Marco Angius: cinque esecutori per otto strumenti – pianoforte, flauto (alternato con l’ottavino), clarinetto in la (alternato con il clarinetto basso in si bemolle), violino (alternato con la viola) e violoncello – estesi verso l’acuto e il grave. La voce che sfiora le altezze, si svincola dall’intonazione di esse, si fa corpo ritmico assieme al piccolo ma agguerrito insieme da camera. Corpi che seguono rotte individuali dissociate, essendo distanziati persino fisicamente sul palcoscenico. E una voce femminile recitante (Sprechgesang): il canto è escluso dalla voce mediante l’utilizzo di una modalità di recitazione ‘stimbrata’. Il rapporto tra voce e ensemble risulta quindi profondamente rivoluzionato con la presenza della recitazione testuale collocata a livello degli strumenti e proiettata in uno spazio indefinito ma concreto.

A partire dal 6 agosto 2021, in attuazione del DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n. 105, è richiesto a tutti gli spettatori del Festival Puccini di esibire agli ingressi del Teatro, oltre al biglietto, il certificato verde o green pass.

Per acquisto biglietti 0584 359322 – Posto unico  20.00 euro

 

Lascia un commento