LA BOHEME FESTIVAL PUCCINI 2018

FESTIVAL PUCCINI 2018 / 12. Debutta il nuovo allestimento della Bohème con la regia di Alfonso Signorini, scene e costumi di Leila Fteita. La voce di Mimì è quella di Elena Mosuc

Concerti e Lirica, Versilia

Nel 64mo cartellone del Festival Puccini di Torre del Lago, edizione 2018,  debutta venerdì 27 luglio (replica il 3 agosto) il nuovo allestimento di “La Bohème” con la regia di Alfonso Signorini,  sul podio il M° Alberto Veronesi Nel cast Elena Mosuc che interpreta Mimì, Francesco De Muro che è Rodolfo e Lana Kos nel ruolo di Musetta.

La struggente storia d’amore di Mimì e Rodolfo, la spensierata allegria e i sogni della giovinezza sullo sfondo di una Parigi “in esplosione” in tutti i campi delle arti sarà messa in scena a Torre del Lago in una produzione che è un omaggio all’Impressionismo francese.

Nelle scene, Leila Fteita ricostruisce il vibrato della luce che si posa sulle case di Parigi con una pittura mossa come facevano i pittori impressionisti sulla loro tela. Ci saranno i grandi viali che caratterizzano i grandi boulevard, un grande caffè al centro – il Cafè Momus – mentre il terzo atto é un omaggio al capolavoro di Claude Monet “ la gazza “. Leila Fteita firma anche i costumi che saranno in stile con il periodo parigino che segna il trapasso tra l’800 e il ‘900 . Donne e uomini molto eleganti che passeggiano con ombrelli e cappellini per le strade di Parigi. E in mezzo a tutto questo fervore la storia dimessa di Mimì.

C’è un punto della Bohème nel 3 atto in cui Mimì canta: “soli d’inverno è cosa da morire… ci lasceremo alla stagion dei fior”. È una delle pagine non solo più efficaci dal punto di vista musicale e drammaturgico di Puccini, ma racchiude in sé il vero leit motiv dell’intero dramma: la compartecipazione del cuore. Così Alfonso Signorini descrive il suo approccio registro all’opera: “Ogni azione, ogni accento, ogni dramma che si sviluppano nel corso di quest’opera meravigliosa trovano un pieno significato nel tentativo di capirsi e di essere capiti. Le schermaglie amorose tra Musetta e Marcello, i tira e molla tra Mimì e Rodolfo non cantano altro che il bisogno di sentirsi capiti e di sentirsi amati”.

Dimentichiamoci per una volta di Mimì distrutta dalla tisi, con lo scialletto di lana sulle spalle, talmente ingenua da fermarsi sulla porta di Rodolfo in attesa che il vento spenga il suo lume. Mimì seduce con la sua grazia, con la sua femminilità, con la sua civetteria. Quando Rodolfo le chiede: “che faremo al ritorno?” Lei risponde con un: “curioso” che racchiude tutta la sensualità e l’erotismo del miglior Puccini. A Torre del Lago, nel teatro adiacente alla dimora dove il Maestro mise in musica la triste storia di Mimì e Rodolfo, l’opera andrà in scena con un cast di interpreti straordinari, diretti da Alberto Veronesi che del repertorio pucciniano è un raffinato esecutore. “Ho diretto la mia prima Bohème proprio qui a Torre del Lago; è un’opera che amo particolarmente, quattro quadri, come affreschi separati, che non guardano più allo svolgersi drammatico dell’azione, ma che presentano una situazione particolare: cartoline di vita bohémien. La musica è bellissima, basti pensare all’aria di Mimì nel finale “Ma quando vien lo sgelo”: un momento di bellezza musicale indescrivibile che lascia senza fiato”.

Mimì sarà il soprano rumeno Elena Mosuc, considerata dal pubblico e dalla critica una delle maggiori interpreti del bel canto romantico. Poi c’è Rodolfo Francesco Demuro, tra i migliori tenori italiani, dotato anche di grande capacità attuariale, mentre nei panni di Musetta troviamo la bravissima Lana Kos, già acclamata dal pubblico di Torre del Lago nei panni di Liù. Mauro Bonfanti sarà Marcello. Daniele Caputo è Schaunard, Alessandro Guerzoni  interpretaColline . Completano il cast Benoit / Angelo Nardinocchi;  Alcindor / Carmine Monaco D’Ambrosia; Parpignol / Federico Bulletti; Sergente dei doganieri / Filippo Lunetta; Un doganiere / Andrea Del Conte.
Scene e Costumi Leila Fteita. Disegno luci Valerio Alfieri. Assistente alla regia Luca Ramacciotti. Orchestra e Coro del Teatro di Tbilisi Coro delle Voci Bianche del Festival Puccini, Maestro del Coro voci bianche Viviana Apicella

BIGLIETTERIA / Biglietti da € 19,50 – Tel. 0584359322

www.puccinifestival.it

Lascia un commento