Festival della Valle d’Itria: titolo inaugurale (14, poi 26 e 29 luglio 2020) sarà “La rappresaglia” di Saverio Mercadante in occasione del 150mo della morte

Fuori Toscana

Il Festival della Valle d’Itria svela i primi nomi degli artisti che saranno impegnati nelle principali produzioni della prossima edizione della manifestazione, la quarantaseiesima, che si svolgerà dal 14 luglio al 2 agosto 2020 a Martina Franca. Dopo l’annuncio dei titoli e l’apertura della vendita dei biglietti, ecco quindi delinearsi in modo più dettagliato la proposta artistica dell’estate che verrà.

Fabio Luisi
Fabio Luisi

Il titolo inaugurale, scelto in occasione dei 150 anni dalla morte del compositore pugliese Saverio Mercadante, è La rappresaglia di Saverio Mercadante (14, 26 e 29 luglio 2020) che sarà affidato, come nella più sentita tradizione del Festival, due giovani artisti che si sono distinti nella scorsa edizione: il direttore d’orchestra Michele Spotti e il regista Davide Gasparro; il primo era stato sul podio del Palazzo Ducale per Il matrimonio segreto di Cimarosail secondo aveva ideato la regia degli intermezzi per il progetto “L’opera in masseria. 

francesca dego
Francesca Dego, violinista

Il direttore musicale Fabio Luisi salirà invece sul podio del Palazzo Ducale per un doppio appuntamento: il titolo operistico Gli amanti sposi di Ermanno WolfFerrari (19, 24, luglio e 1 agosto) da un celebre testo di Goldoni, affidato alla regia del pugliese Walter Pagliaro – artista dalla prestigiosa carriera sia nel mondo della prosa che della lirica – e il Concerto Sinfonico del 2 agosto che avrà come solista la violinista Francesca Degotra gli artisti più richiesti della scena musicale internazionale, impegnata nel Concerto per violino di Wolf-Ferrari già inciso per la Deutsche Grammophon. Il programma del concerto sarà completato dalla Sinfonia n. 7 di Beethoven, compositore del quale si celebrano nel 2020 i 250 anni dalla nascita. 

Altro ritorno atteso è quello di George Petrougià direttore dell’Orfeo di Porpora la scorsa estate, che nel 2020 sarà sul podio della Leonora di Ferdinando Paër (25, 28 e 31 luglio), scritta sullo stesso soggetto usato da Beethoven per il suo Fidelio; la messa in scena martinese di questa rarità sarà firmata da Andrea Chiodiregista teatrale al suo debutto operistico. 

Per tutti questi appuntamenti al Palazzo Ducale, l’Orchestra sarà quella del Petruzzelli di Bari. 

Lascia un commento