Estate a Villa Trossi, il 26 luglio arriva Manuela Bollani con “C’era una Svolta” che ribalta, fra monologhi e musica, alcuni stereotipi del mondo delle favole

Livorno, Teatro e Danza

Venerdì 26 luglio 2019 alle ore 21.30 a Villa Tossi, in via Ravizza 76,  Ardenza – Livorno, sarà di scena Manuela Bollani (nelle foto) con “C’era una Svolta”. Sospeso tra concerto e cabaret, “C’era una Svolta” è il nuovo spettacolo della cantante e attrice Manuela Bollani: un One-Woman Show musicale, intelligente e ironico, che si diverte a ribaltare alcuni stereotipi del mondo delle favole.

Manuela-Bollani005

Manuela è “sorella d’arte” del noto Stefano Bollani che ha coprodotto lo spettacolo.Tra monologhi e canzoni, “C’era una Svolta” accompagna il pubblico in un viaggio umoristico e surreale, che scatena tante risate e pure qualche riflessione. La gran parte delle nostre credenze, valori, desideri ha la sua radice nelle fiabe che ci venivano raccontate da piccoli: è così che impariamo che esiste il Lupo Cattivo di cui diffidare e il Principe Azzurro che ogni fanciulla attende con impazienza. Chi è avvezzo a raccontare favole ai più piccini sa quanto sia importante non cambiare una sola virgola all’interno della narrazione e così Biancaneve, Cenerentola e Cappuccetto Rosso faranno ogni giorno esattamente le stesse azioni e le stesse scelte.

Ma cosa succederebbe se un giorno…ci fosse una Svolta?!

Magari questi personaggi potrebbero reagire diversamente ai vari eventi e le loro differenti scelte porterebbero a conclusioni inaspettate e così forse scopriremmo che il Lupo non è poi così cattivo, la Nonna non è così affidabile, le Principesse non sono tutte sante e incontrare il Principe Azzurro potrebbe non essere poi una gran fortuna.

Il racconto di “C’era una Svolta” si articola tra parole e musica e, scenicamente, è totalmente incarnato da Manuela Bollani che si sposta abilmente dal ruolo di narratrice a quello di personaggio, anche grazie a bellissimi costumi di scena che permettono all’artista dei cambi veloci ed efficaci.

Lo spettacolo è stato scritto a quattro mani dalla stessa Bollani, che ha curato testi e liriche dei brani, e da Gabriele Landucci, autore e arrangiatore delle musiche originali, eseguite interamente dal vivo dal pianista Massimiliano Grazzini.

“C’era una Svolta” è reduce da successi in giro per la nostra penisola e la produzione esecutiva è stata curata da Simone Giusti, direttore artistico di Rockopera, compagnia con la quale la Bollani collabora da anni, e dal pianista Stefano Bollani..

C’era una svolta… ma nessuno la vedeva mai, al massimo qualcuno ci andava a sbattere di tanto in tanto. Fatto sta che c’era una svolta e quel giorno Cappuccetto Rosso la imboccò, causando un’interruzione nel continuum spazio-temporale nel Regno dell’Eterno Ritorno. E così il Mondo della Favole esplose. Fine. Scherzo. Ma nemmeno troppo. Nel nuovo mondo, il lupo cattivo non è cattivo e la nonna è una gran contaballe! La svolta non guarda in faccia a nessuno, è inarrestabile, irriverente e inesorabile. La svolta partorisce personaggi strani, mai esistiti, tuttora inesistenti, come il Deus in macchina e il sosia di Charlie Chaplin. La svolta parla con la bocca piena, ruba al povero per dare al ricco e ama il prossimo suo… come il prossimo suo. E il prossimo…potresti essere proprio tu!

Ingresso 10 euro

Info e prenotazioni: Fondazione d’Arte Trossi-Uberti, Via Ravizza n.76 / tel. 338 5081221 – 339 2422134

Lascia un commento