i due corsari checcacci fantini ferrari 3 bis

Enzo Jannacci e Giorgio Gaber, la musica si intreccia con il teatro per raccontare la storia di un’amicizia

Arezzo, Teatro e Danza

Musica e teatro per raccontare la storia artistica e di amicizia di Enzo Jannacci e Giorgio Gaber. Sabato 25 agosto 2018, alle 21,30 nella Piazzetta di Cicogna, frazione di Terranuova Bracciolini (Arezzo), va in scena “I due Corsari”. A cura de la Macchina del Tuono. Un breve, ma significativo momento della storia della canzone italiana raccontato da Fabrizio Checcacci e Fabio Fantini (narratori e voce). Due cantanti-attori la cui carriera oscilla tra musica pura, teatro e musical internazionali. Uno spettacolo comico che rende onore al divertimento che le vere amicizie sanno regalare.

i due corsari checcacci fantini ferrari 2Alle 20,00 cena in luogo. Informazioni e prenotazioni al 3280625881-3203667354. Programma completo su www.guasconeteatro.it. Da non perdere la cena preparata con cura dalle signore del paese.

I due Corsari è la storia di un’amicizia tra i giovanissimi Enzo Jannacci e Giorgio Gaber che nel 1958, dopo la collaborazione con Adriano Celentano, decidono di formare un duo canoro. Gaber ha già un contratto con la Dischi Ricordi, ed è appunto per la neonata etichetta milanese che i due andranno a incidere insieme.

i due corsari checcacci fantini ferrari 1

Il genere preminente dei loro pezzi è il nascente rock n’roll, tranne qualche eccezione più melodica, come Il cane e la stella.  Ciò che accomuna, però, tutte le canzoni del loro repertorio sono i testi, sempre umoristici e a volte antesignani del rock demenziale (ad esempio Una fetta di limone, forse il loro brano più noto, con cui partecipano alla Sei giorni della canzone). Nel 1960 il duo si scioglie, principalmente per l’affermarsi di Gaber come solista, e anche Jannacci intraprende a sua volta la carriera di cantautore, ma la loro amicizia non ne risente. Continueranno a vedersi ma a lavorare a distanza, con qualche sporadica ma bellissima collaborazione come “Aspettando Godot”.

Lascia un commento