EFFETTO VENEZIA 2019 / 6. “Mezzanotteemezzo di fuoco”, un saluto con spettacolo pirotecnico. Ma prima il grande Faber, omaggio a De André di Mauro Pagani e Morgan, con Bobo Rondelli. Ma anche Effetto Marmugi, vernacolo e molto altro

E così Effetto Venezia saluta, dopo, cinque giorni di grande festa nello storico quartiere di Livorno. Un saluto con i fuochi d’artificio finali. E un arrivederci al 2020.

effetto_venezia_2019

Sarà un evento di grande musica – quello in agenda per l’ultima sera di Effetto Venezia 2019 – dove non mancheranno sorprese, lo spettacolo “Redenda”, omaggio a De Andrè a venti anni dalla morte. Alle ore 22, sul palco di piazza del Luogo Pio, il M° Mauro Pagani e Morgan proporranno due dischi significativi del grande Faber. Il M° Pagani proporrà “Creuza de ma”, Morgan “Non al denaro, non all’amore né al cielo” un remake del disco del 1971. Ospite speciale Bobo Rondelli.

Lo spettacolo sarà introdotto (ore 21.30) come ogni sera da “Welcome on stage” con Stefano Santomauro e Alessia Cespuglio che, fra battute al veleno e ospiti a sorpresa, intratterranno il pubblico in attesa dei big.

Ancora una serata di grande spettacolazione con musica blues, etno jazz e rock. Sarà presente la Banda Città di Livorno e la Corale Guido Monaco. In Fortezza Vecchia (ore 22) Effetto Marmugi: due ore di risate, comicità dissacrante e livornesità assortira con Claudio Marmugi. Si ride anche al teatro “Enzina Conte” (Centro Culturale Vertigo via del Pallone) con la rassegna di Vernacolo toscano che proporrà in ultima serata la commedia “Pensione Pancaldi”(inizio spettacolo ore 21.30 ingresso 5 euro).

Alle ore 00.30 dalla Fortezza Nuova, “Mezzanotteemezzo di fuoco” spettacolo di fuochi d’artificio che chiuderà l’edizione 2019 di Effetto Venezia.

PIAZZA DEL LUOGO PIO

ore 21.30 – Welcome on Stage

Il salotto di Effetto Venezia con il comico Stefano Santomauro e l’attrice Alessia Cespuglio.

ore 22.00

REDENDA Omaggio a De Andrè con Morgan, Mauro Pagani e Bobo Rondelli
Una serata dedicata a Faber a 20 anni dalla sua morte. Livorno omaggia Faber in una serata dove si alterneranno sul palco il M° Mauro Pagani e Morgan proponendo due dischi significativi dell’artista. Il M° Pagani proporrà il suo (stupendo) Creuza de mä (2004)

Morgan “Non al denaro, non all’amore né al cielo” un remake del disco del 1971 pubblicato nel 2005 dall’artista.

Ospite speciale Bobo Rondelli

Una serata evento di grande musica dove non mancheranno sorprese.

PALAZZO HUIGENS 

ore 21.30

Percorsi Musicali Centro Musicale Polifunzionale presenta:
Ẹ W A “Bellezza Collaterale”

Elisa Arcamone voce, pianoforte Greta Merli chitarra acustica Domenico Marinelli percussioni

BOTTINI DELL’OLIO
ore 20:15 e 21.30

Le Stanze dei Libri

Un anziano custode, conduce un gruppo di persone all’interno di una Biblioteca. Il custode racconta come è stato edificato quel luogo, a cosa serviva un tempo e a cosa serve adesso. Parlerà di libri scritti da autori Livornesi, come Sabatino Lopez, Athos Setti, Carlo Bini. Il nome di questi autori campeggia sulle targhe poste all’ingresso di molte strade cittadine, ma i livornesi non sanno chi fossero questi personaggi e tantomeno che libri hanno scritto; magicamente però, quando il custode prenderà in mano un libro e comincerà a leggerne alcune righe, si materializzeranno alcuni dei personaggi del libro, che rivivranno, per alcuni minuti, il romanzo della loro vita. Lo stesso accadrà per le opere di altri autori, alcuni dei quali ho già citato.

Lo spettacolo si pone gli stessi obiettivi de “Le Stanze Livornesi”: divulgare la conoscenza di fatti e personaggi della Storia e della Cultura della nostra città. Quando abbiamo realizzato questo tipo di spettacolo nel museo di Villa Mimbelli lo abbiamo chiamato: “Le stanze del Museo”. Nel caso attuale lo chiameremo: “Le stanze dei libri”.

Con Emanuele Barresi, Alessia Cespuglio, Claudio Marmugi, Claudio Monteleone, Stefano Santomauro. Regia di Emanuele Barresi; Costumi Adelia Apostolico, Trucco Paola Gattabrusi, Foto di scena Domenico Cascio, Realizzazione costumi, Costumeria Capricci

Biglietto € 10 – ridotto € 8 (over 70 e tessera soci Compagnia degli Onesti )

Info e prenotazioni: 3498169659 anche con sms indicando giorno, orario spettacolo, nome e numero di biglietti

SCALI DELLE BARCHETTE

Corali cittadine

ore 21,30 Corale Guido Monaco Etno-Jazz
Il coro è composto da otto Cantanti e dal chitarrista Dario Paganin. Attualmente il gruppo è diretto dal M. Dario Paganin e si presenta con una nuova formazione. Un viaggio tra la Grecia e il Salento, dalle tradizioni di Sicilia e Sardegna fino ai ritmi dei popoli africani e sudamericani

MERCATO CENTRALE

ore 21
Il Bocca TV – Show cooking
Cucina toscana (e non solo) variopinta in vernacolo livornese.

di e con Simone De Vanni e Andrea Giovannini

La ricetta del giorno: Cee Finte

Le cee finte sono l’ennesimo esempio di quanto il livornese sia in grado di trovare, con quell’ironia disincantata che gli appartiene, un nome ad un piatto che delle cee ha soltanto la finzione. Innanzitutto, per cee si intendono le ceche, ossia delle anguille non ancora adulte che è proibito pescare. Per sopperire a questa grave mancanza, il livornese ha pensato bene di inventarsi una ricetta che assumesse l’aspetto di questi pesci, partendo da delle comuni razze chiodate.

L’idea è semplice e geniale allo stesso tempo: cucinare delle razze, sfilettarle in modo che somiglino a delle piccole anguille e chiamarle appunto cee finte, o anche “voglia delle cee”, perché delle cee vere non se ne vede neanche l’ombra.

Piatto povero che risente appunto della voglia di qualcosa che non si può avere e che richiama lo spirito livornese un po’ nostalgico ma sempre ironico e pronto a mettersi in gioco con quello che ha.

FORTEZZA VECCHIA

Quadratura dei Pisani  

ore 19 Welcome on sofà conducono Alessia Cespuglio e Stefano Santomauro

ore 22 – Effetto Marmugi

Il ritorno del comico Claudio Marmugi a “Effetto Venezia“, all’interno del contenitore “Cabarezza – Il cabaret in Fortezza”: due ore di risate, comicità dissacrante, satira e livornesità assortita, per ridere ma anche un po’ riflettere, tra una stoccata e l’altra, sul mondo e chi lo abita.

LARGO STROZZI
Spazio Blues Palco “Manlio Pepe” ore 21.30
Steak Blues Band

Maurizio Fanelli, (Mr. Steak), Riccardo Lazzeri, Mauro Levrier Manetti, che da decenni scrivono la storia del tessuto musicale labronico, insieme a Giordano Citi, storico batterista del gruppo, con il nuovo ingresso di Paolo Fara alla chitarra, da qualche anno rientrato nell’underground blues labronico e non solo, propongono un variegato repertorio funky-blues, da Popa Chobby a Buddy Whittington, Jeff Healey, Tommy Castro, James Browne, Blues Brothers e tanti altri, in una scaletta coinvolgente e con tanto groove.
ore 23.00 Jam Session. Nella serata si alterneranno musicisti, di rilievo nel panorama del blues labronico, per rendere omaggio al musicista livornese “Manlio Pepe”, Jam Session Blues aperta a tutti

 

FORTEZZA NUOVA – Falsabraga

Palco “Mirco Pacini”

Effetto Live

Domenica 4 agosto
ore 21.30 Mindrip

I Mindrip nascono nel marzo 2018 e dopo qualche mese di assestamento decidono di dedicarsi alla stesura di brani inediti mescolando più generi: dall’alternative al prog Metal, mantenendo sempre una base melodica affiancata a una voce pulita femminile. Nel 2019 hanno costruito un repertorio sia di inediti sia di cover dei loro artisti di riferimento, suonando in locali del pisano come il Route66 e Deposito Pontecorvo, jam session organizzate dal Backstage Academy e altri eventi locali.

ore 22.30 Southern Snakes
I Southern Snakes sono una band formatasi a fine 2016, composta da musicisti livornesi e pisani, tutti con molta esperienza live alle spalle e provenienti da influenze musicali diverse. Così come è distinguibile dal nome della band, propongono brani dall’inconfondibile stile “southern rock” portando sul palco una scaletta di classic rock con sonorità dell’America sudista, come Lynyrd Skynyrd, ZZ Top, 38 Special, Alman Brothers, Creedence Clearwater Revival, e molti altri. Da Luglio 2018 alla voce è arrivato un altro livornese, Roberto Sardelli.

e inoltre ore 23 Esperanto
La Band nasce nel 2014, da un’idea di Moreno Vivaldi, batterista e percussionista e Lorenzo Del Ghianda, fisarmonicista. Ben presto alla formazione si aggiunge il più giovane dei tre, Francesco Spera, chitarrista, bassista e cantante. È stato proprio lui a tirare fuori dal cilindro il nome della band: Esperanto, come l’omonima lingua che aveva come scopo proprio quello di voler essere universale in ogni angolo della terra. Il quarto elemento Francesco Coppedè un bassista e contrabbassista che proviene dal jazz e conservatorio ,nel 2019 viene integrata nella band la violista/violinista Marta Degl’Innocenti, musicista proveniente da un ambito classico. Il loro è un vero e proprio “giro del mondo”, dove la musica è il mezzo di trasporto. Un viaggio con un itinerario ben preciso, in cui in un’unica serata si potranno ascoltare ritmi e melodie di ispirazione balcanica, ma anche gitana, sudamericana, irlandese e ovviamente anche tarantelle e pizziche.

TEATRO “ENZINA CONTE”

presso il Centro Culturale Vertigo
Direzione Artistica Marco Conte      

Rassegna di Vernacolo toscano

Compagnia “Poveri ma ganzi” di Cecina

Pensione Pancaldi di Luigi Prota

Da un’idea di Valerio Di Piramo, regia Carlo Rotelli

La vicenda della commedia si svolge tutta nella portineria di una pensione a due stelle Pensione Pancaldi prende inizio dall’arrivo di due clienti residenti a Firenze, Carla e Mario Altomiri, i quali hanno deciso di trascorrere un breve periodo di ferie a Genova. L’elemento intorno al quale ruota tutta la commedia è la profonda avversione che la signora Altomiri nutre nei confronti del popolo livornese, infatti, nel momento in cui la stessa scopre che i gestori della pensione sono livornesi, comincia ad avere delle crisi di panico…
Umberto, titolare della pensione insieme alla moglie Ines, la figlia Igora, la cognata Corrada, sono l’emblema della livornesità, proprio quella peculiarità che Carla Altomiri “odia profondamente” e con la quale si ritroverà alla fine, suo malgrado, a dover “fare i conti”.

PIAZZA DEI DOMENICANI

Ore 21.15
Banda Città di Livorno

La Banda Città di Livorno è la banda “storica” di Livorno, rifondata nel 1977 da Comune di Livorno, Provincia e Istituto Musicale “P. Mascagni” (tutt’ora soci della banda), nata nel solco della tradizione legata alla antica “Banda Cittadina Livornese” (1905 che ha avuto Giacomo Puccini come presidente onorario.)

FORTEZZA NUOVA
24.30 Fuochi d’artificio

Lascia un commento