Edi Bueno, sopravvissuta alle persecuzioni razziali, ospite della 5a elementare di Bibbona. “Mi promettete – ha chiesto ai ragazzi – che quando incontrerete un bambino ebreo non lo scanserete e penserete a me?”. Il saluto del sindaco Fedeli

Da non perdere, Livorno

Una giornata particolare per gli alunni della quinta elementare di Bibbona, che hanno ascoltato il racconto, toccante e drammatico, di Edi Bueno, livornese classe 1930, sfuggita insieme al fratellino Sirio, ai campi di concentramento. “Mi promettete che quando incontrerete una bambina o un bambino ebreo non li scanserete ma penserete a me?”, la richiesta di Bueno ai ragazzi della quinta elementare.

IMG_3245

“Purtroppo capita ancora oggi – ha sottolineato Bueno – di venire messi da parte e trattati male. Basti pensare agli eventi che si sentono in giro per l’Italia”.

“La signora vi ha raccontato un pezzo di vita vissuta, reale e questa è una cosa importante – ha sottolineato la consigliera comunale Manuela Pacchini – per evitare che tragedie del genere si ripetano. Purtroppo dalla storia non s’impara però sentire una testimonianza diretta di quanto accaduto in quegli anni è molto più forte rispetto a leggere la storia sui libri”.

IMG_3243

Nell’autunno del 1943 la famiglia di Edi Bueno fugge da Livorno e trova rifugio in una casa nel Comune di Santa Caterina a Marlia ma il 5 dicembre dello stesso anno, gli ebrei presenti in paese vengono radunati in un edificio. Su cenno del padre, Edi tenendo per mano il fratellino si nasconde in una stanzina rimanendovi a lungo. Anche il padre riuscì a nascondersi mentre sua madre Dina e l’altro fratello Dino furono condotti nel campo  di concentramento di Auschwitz, insieme con il nonno Davide, la zia Silla, gli zii Renzo Sirio ed Oreste  e i cugini Mario e Reno. Quando dall’interno della stanza non sentirono più alcun rumore, uscirono togliendosi le scarpe si buttarono scalzi nei campi.

IMG_3237

“Hai ancora le ferite sotto i piedi”, chiede un alunno mentre un suo compagno si dice certo che non solo i nazisti hanno sbagliato a fare quello che hanno fatto ma tutti gli altri a dargli supporto e appoggio. “Un incontro educativo e fortemente toccante quello di questa mattina – commenta il sindaco di Bibbona, Massimo Fedeli – e mi auguro che i ragazzi abbiamo tratto una lezione importante, che difficilmente si può trarre studiando sui libri. Le testimonianze sono importanti per ricordare, tutti i giorni, gli orrori del passato”.

“Ci tengo a ringraziare la ‘nonna Edi’, come ama farsi chiamare – ha concluso la consigliera Pacchini – per averci fatto emozionare con i racconti della sua infanzia e Stefano Venturini, padre di un’alunna della quinta elementare e parente della signora Bueno che ha organizzato l’incontro”.

Lascia un commento