Due giorni dedicati al cinema del Québec: appuntamento il 22 e 23 marzo all’Institut français di Firenze. Cinquant’anni dopo il ’68

Cinema & TV, Firenze

Si terrà all’Istituto Francese di Firenze (piazza Ognissanti), giovedì 22 e venerdì 23 marzo 2018, la quindicesima edizione de “Le giornate del cinema quebecchese”, otto film in programma, 4 lungometraggi e 4 corti, tra fiction e documentari, dedicati al nuovo cinema canadese del Québec, nel corso di due serate curate da Joe Balass, regista canadese (presente nella due giorni fiorentina), quest’anno dal titolo “Amore, Arte e Rivoluzione: 50 anni dopo il 1968”. I film sono con i sottotitoli in italiano e l’ingresso è gratuito fino ad esaurimento dei posti.

La rassegna è dedicata al ‘68, 50 anni dopo, a Parigi e in Québec, uno dei periodi più rivoluzionari della nostra epoca, organizzata in collaborazione con il Conseil des arts et des lettres du Québec, la Société de développement des entreprises culturelles du Québec, la delegazione del Québec a Roma, l’Ambasciata del Canada in Italia, il Conseil des arts du Canada, l’Institut français Milano e l’Institut français Firenze.

In programma anteprime italiane e internazionali che racconteranno la più stringente attualità con uno sguardo alla rivoluzione, quella del ’68, che più di ogni altra della nostra epoca, ha saputo “trasformare” gli aspetti della vita di ognuno di noi, oggi come ieri, dal cinema al teatro, dalla politica alla letteratura, dalla religione all’amore.

Giovedì 22 marzo 2018
All’Istituto Francese di Firenze, in piazza Ognissanti, si parte giovedì 22 marzo, alle ore 18, con la proiezione dei cortometraggi Slurpee di Charles Grenier e Pre-drink di Marc-Antoine Lemir. A seguire (ore 18.45) la prima italiana del documentario Bienvenue à FL di Geneviève Dulude-De Celle, un ritratto di una comunità di studenti di una scuola del Quebec narrati anche attraverso la cinepresa istallata dentro la scuola di Fernand-Lefebvre di Sorel in un periodo in cui gli studenti stanno partecipando alla nascita e all’evoluzione di un progetto fotografico collettivo studentesco e all’imminente ballo di fine anno, raccontandoci come i ragazzi e le ragazze si immaginano il mondo reale (un ritratto futuro prossimo dei sogni di una generazione). Presentato al Toronto International Film Festival.

Locandina film Nelly (3)

In prima serata – alle ore 20 – si terrà la prima italiana di Nelly di Anne Émond, film liberamente ispirato dall’opera autobiografica di Nelly Arcan, nel quale la regista tratteggia un ritratto di donna frammentata, spezzata, divisa nelle sue molteplici identità inconciliabili. Scrittrice e prostituta, star del palcoscenico e amante infelice.

Venerdì 23 marzo 2018
La seconda giornata della rassegna parte, venerdì 23 marzo, parte alle ore 18 con la proiezione dei cortometraggi Regard di L’équipe di Wapikoni Mobile e Les insulaires di Valérie Lessard e la proiezione, a seguire (ore 18.15), del lungometraggio Montréal la blanche di Bachir Bensaddek che filma il ritratto di due migranti algerini in Québec, interrogandosi con schiettezza sul senso di identità e sul significato della parola integrazione.

In prima serata, alle ore 20, Le petite fille qui aimait trop les allumettes di Simon Lavoie, ispirato liberamente a un racconto di Gaétan Soucy, il regista gira in bianco e nero la ricostruzione del mondo antico e dei segreti di una famiglia disfunzionale. Ambientato in una foresta dell’immenso Québec rurale Lavoie realizza un film che racconta dell’adolescenza di una ragazzina, che si chiama “Fratello” e che deve fare i conti con un mondo totalmente dominato dal potere patriarcale e maschile (presentato al Toronto International Film Festival).

“Maggio 1968. Da Parigi – spiega Joe Balass, curatore della rassegna – si infiamma un movimento di rivolta globale che risponde tardivamente alla crisi di un sistema politico consumato, distante dalla gente, affaticato. La ribellione sovverte le regole della scrittura e del pensiero, facendo indignare Pasolini, voce dissonante che ne intuisce segnali intrinsecamente borghesi. Ma da quel pensiero liberato, i confini e i meccanismi dell’immaginazione, della parola, della sessualità e dell’arte, si trasformeranno in modo irreversibile. Cinquant’anni dopo, il cinema del Québec racconta di esperienze collettive, di appartenenza, di fratellanza, di amori, di liberazioni, di partecipazione e, con la sua poetica politica, interpreta la realtà effimera del contemporaneo in modo efficace, testimone attuale di quel movimento e di quei tempi di radicale cambiamento”.

Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano.
Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti disponibili.

http://www.cinemaquebecitalia.com
Su Facebook: Cinema Quebec Italia
institutfrancais-milano.com

Institut français Firenze
Piazza Ognissanti 2 / Firenze
T. 055 2718801
http://institutfrancais-firenze.com/it

Le sinossi dei film

In NELLY di Anne Émond, film liberamente ispirato dall’opera autobiografica di Nelly Arcan, la regista tratteggia un ritratto di donna frammentata, spezzata, divisa nelle sue molteplici identità inconciliabili. Scrittrice e prostituta, star del palcoscenico e amante infelice: più donne in una solitudine, navigano avventurandosi tra esaltazione e disincanto. Storie tossiche di una vita violenta e radicale, vissuta intensamente fino all’ultimo respiro. Appassionata e folle, disperata e necessaria. Presentato al Toronto Film Festival.

E poi MONTRÉAL LA BLANCHE di Bachir Bensaddek filma il ritratto di due migranti algerini in Québec, interrogandosi con schiettezza sul senso di identità e sul significato della parola integrazione. Amokrane fa il tassista. È la notte di Natale e lavora. Kahina si precipita infreddolita nel suo taxi, disperata per aver perduto la sua automobile nella neve. Lui riconosce immediatamente nell’anziana donna una diva pop algerina che credeva morta. Comincia così una notte nomade per le strade della città deserta. Presentato al Rotterdam Film Festival.

Di adolescenti si parlerà nel film BIENVENUE À FL  (nella foto in alto sopra il titolo) di Geneviève Dulude-De Celle, ritratto di una comunità di giovani chiusi nell’universo parallelo della scuola secondaria regionale di Sorel-Tracy. Geneviève Dulude-Decelles installa la sua cinepresa dentro alla scuola Fernand-Lefebvre di Sorel, per raccontarci la nascita e l’evoluzione di un progetto fotografico collettivo studentesco. Raccoglie così le testimonianze, le tensioni e le aspettative per l’imminente ballo di fine anno, raccontandoci come i ragazzi e le ragazze vedono e si immaginano il mondo reale che li aspetta fuori da quelle mura e da cui sentono che stanno per essere travolti: con umorismo, filosofia e coraggio. Ritratto futuro prossimo dei sogni di una generazione. Presentato al Toronto International Film Festival.

LA PETITE FILLE QUI AIMAIT TROP LES ALLUMETTES di Simon Lavoie. Ispirato liberamente a un racconto di Gaétan Soucy, Simon Lavoie gira in bianco e nero la ricostruzione del mondo antico e dei segreti di una famiglia disfunzionale. Ambientato in una foresta dell’immenso Québec rurale, in una ricostruzione da horror gotico noir, Simon Lavoie realizza un film che racconta dell’adolescenza di una ragazzina, che si chiama “Fratello” e che deve fare i conti con un mondo totalmente dominato dal potere patriarcale e maschile. È il racconto del percorso di emancipazione che permetterà a Fratello di crescere, uscendo dall’isolamento totale che il padre e il fratello maggiore le hanno costruito intorno. Dal rapporto instabile con la figura paterna, dalla dinamica di sottomissione al fratello maggiore, esce grazie alla curiosità e all’amicizia di un giovane contadino dal sorriso radioso, che abita in un villaggio non lontano dalla casa degli orrori. Presentato al Toronto International Film Festival.

Corti
REGARD di L’équipe de Wapikoni Mobile – Un colpo d’occhio su una riserva del popolo Innu nel profondo nord quebecchese. I bambini del villaggio si appropriano della cinepresa per mostrarci la loro vita quotidiana.
PRE-DRINK di Marc-Antoine Lemire – Alexe è una giovane trans e Carl un uomo gay. Grandi amici da sempre, una serata passata insieme sconvolge Alexe quando i due decidono di fare l’amore per la prima volta.
LES INSULAIRES di Valérie Lessard – Reinterpretazione coreografica di varie scene di film degli anni ’60, questa danza estrapola le scene originali dal loro contesto narrativo conservandone solo lo schema gestuale e scomponendo i rapporti di forza tra i protagonisti.
SLURPEE di Charles Grenier – Un adolescente alle prese con un feticismo di recente scoperta incontra una prostituta che evoca il suo passato di aspirante lottatore di judo.

 

Lascia un commento