Dislessia, il Conservatorio Cherubini di Firenze costituisce un gruppo di ricerca per approfondire le tematiche didattiche per studenti con Dsa (disturbi specifici di apprendimento) nell’alta formazione

Firenze

Il Conservatorio Cherubini di Firenze, in occasione della Settimana Nazionale della Dislessia, comunica che ha costituto un gruppo di ricerca con l’intento di approfondire le tematiche inerenti la didattica per studenti con Dsa nell’Alta Formazione. L’iniziativa, che ha come referente la professoressa Alessandra Petrangelo, si pone come obiettivo l’inclusione degli studenti con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) attraverso un percorso formativo che abbia come meta finale il conseguimento di un titolo di studio pieno (sopra  foto Darmanin).

Dopo aver promosso una Giornata di studio dedicata allo stato delle conoscenze attuali riguardo la didattica della musica per studenti dislessici, che si è svolta presso il Conservatorio registrando un considerevole afflusso di partecipanti e nella quale è stata evidenziata l’esigenza di approfondire il tema nell’ambito dei segmenti superiori della formazione musicale (in particolare Licei musicali e AFAM), il gruppo ha successivamente elaborato e presentato il testo Studenti con DSA nell’Alta Formazione Musicale: Linee guida per docenti.

Il documento disponibile sul sito www.conservatorio.firenze.it/en/formazione/studenti-dsa è costituito da tre sezioni: informazioni sulla normativa vigente, ruolo di istituzioni/famiglie/docenti e suggerimenti didattici utili sia a lezione che in sede d’esame. Il testo, presentato recentemente e frutto di un lungo lavoro di ricerca, vuole offrire essenzialmente uno strumento pratico di supporto e di orientamento per docenti, studenti e famiglie in un ambito come quello della didattica musicale nell’Alta Formazione, dove c’è ancora molto spazio per la ricerca.
In quest’ottica il presidio Dsa del Conservatorio Cherubini di Firenze intende costituirsi anche come nucleo nazionale di ricerca sull’argomento.

Lascia un commento