Danza e arte a Pietrasanta, il festival chiama sessanta allievi. Il 19 giugno primo test di fronte al “Peace Frame”

Sono arrivati, dall’Italia e dall’estero. Così il Dap Festival (Danza e Arte a Pietrasanta) inizia ufficialmente domenica 18 giugno 2017 con una grande cena su invito presso l’Henraux. Dopodiché già a partire da lunedì 19 giugno oltre sessanta giovani allievi saranno divisi per classi e prenderanno parte alle lezioni dei grandi artisti giunti da tutto il mondo a Pietrasanta. Sono giovani e giovanissimi, decine e decine arrivati a Pietrasanta – come accennato – da tutta Italia ma anche da Alabama, New York, Maryland, Puerto Rico, Russia, Connecticut, Londra, Atlanta per conoscere i migliori danzatori del mondo. Resteranno insieme alle loro famiglie fino a luglio, avendo scelto la città versiliese per perfezionare la tecnica di danza a fianco di maestri come il danese Sebastian Kloborg, il norvegese Thomas Johansen, la brasiliana Miriam Barbosa, lo svedese Sigge Modigh e molti altri. Sarà un vero e proprio college, già accreditato come “study abroad” dalla Troy University dell’Alabama. Quello del college internazionale è un progetto aperto a professionisti e studenti dai 13 anni di età con l’opportunità, poi, per una decina di loro di venire selezionati da Sebastian Kloborg per il Gran Galà finale del 1° luglio al teatro de La Versiliana (i biglietti sono in vendita anche su TicketOne). Per i tanti studenti presenti sarà un’esperienza decisamente importante, fiore all’occhiello del Dap Festival. Al mattino faranno scuola, provando passi e coreografie che poi sfoceranno nello spettacolo del 29 giugno al Teatro Comunale (ingresso 15 euro, 10 per gli studenti di danza). Le lezioni giornaliere toccheranno varie specialità: classica, contemporanea, repertorio, improvvisazione, composizione coreografica, gyrokinesis per danzatori e pilates al Teatro Comunale, ma anche prove aperte al pubblico (definite “spettacoli al passeggio”) in varie location cittadine.dappino2

Il 19 giugno dalle 19 alle 21.30 i passanti potranno assistere ad una performance attorno alla scultura “Peace Frame” di Artist Nall (posizionata in modo permanente fra piazza Crispi e la centralissima via Mazzini). La coreografia di stasera sarà curata da Miriam Barbosa (brasiliana) e Javier Dzul (principe Maya). Miriam Barbosa è una grande esperta di gyrokinesis, la specialità che tanto piace a star come Madonna per la capacità di migliorare la flessibilità dei movimenti e l’allineamento dello scheletro. Javier Dzul discende invece da una dinastia di regnanti maya, nato e cresciuto nella giungla del Messico meridionale in cui ha nutrito il proprio lato creativo attraverso i riti di danza tribale per poi diventare primo ballerino del “Ballet Nacional de Mexico”. Insieme, la Barbosa e Dzul, anime calde dell’America del sud, nello spettacolo del 22 a Teatro Comunale (biglietti 15 euro) proporranno due passi intitolati “Blood memories” e “Wayob/Nahual”. Martedì dalle 18.30 alle 20.30 sarà la volta del russo Boris Shipulin nel tratto discendente del Pontile di Marina di Pietrasanta; mercoledì alle 21.15 i ragazzi saranno di nuovo in centro nei pressi della “Peace Frame”; quindi venerdì doppio spettacolo libero: tra le 7 e le 9 presso “N’Uovo” del georgiano Prasto nel Parco de La Versiliana con le coreografie di Adrienne Hicks e James Boyd, quindi al Pontile alle 21.30; di nuovo doppie prove aperte il sabato: tra le 20 e le 22 con Sigge Modigh e la prima ballerina del Royal Swedish Ballet Mayumi Yamaguchi in Sant’Agostino dove si replica tra le 22 e le 24 con l’italiano (unico coreografo nazionale presente) Gennymatt Prodancers; infine (ultimo appuntamento con le prove pubbliche) mercoledì 28 tra le 7 e le 9 presso la “Key to a Dream” di Kan Yasuda con Thang Dao e i primi ballerini del Ballet Austin Texas.

 

Dove: sul territorio comunale di Pietrasanta, con luoghi focali il Teatro Comunale, il Parco della Versiliana e le principali opere d’arte collocate permanentemente in slarghi e piazze.
Tutte le informazioni sul sito: www.dapfestival.it

 

Lascia un commento