Da Castel Boccale a Cala del Leone controllato dai sub della Polizia municipale di Livorno lo stato dei corpi morti degli atolli di salvataggio

Livorno

Il corpo sommozzatori della Polizia Municipale di Livorno affiancato dalla Polizia Provinciale ha effettuato un sopralluogo per visionare lo stato dei corpi morti degli atolli di salvataggio collocati dall’Amministrazione Comunale nel 2005 da Castel Boccale sino a Cala del Leone.

Lo rende noto l’assessora al Demanio Viola Ferroni, spiegando che, nell’ambito delle azioni e delle attività avviate in materia di sicurezza sul nostro litorale – oltre alla cartellonistica relativa alla balneazione e ai progetti estate sicura e sorveglianza spiagge Covid-19.

l’Amministrazione comunale ha avviato un percorso diretto al ripristino del sistema degli atolli presenti su un tratto di mare nell’area naturistica. “Nel mese di gennaio si è svolto un incontro con la Capitaneria di Porto che, pur non avendo competenze dirette sul posizionamento degli atolli, si è resa da subito pienamente disponibile ad affiancare l’Amministrazione nell’iter di ricollocamento” afferma l’assessore “Una sensibilità istituzionale che merita di essere riconosciuta e ringraziata”.

Gli atolli nel 2005 furono collocati da Castel Boccale sino a Cala del Leone con una operazione che vide impegnati anche i Vigli del Fuoco oltre alla Polizia Municipale.

A causa della situazione venutasi a creare con la pandemia, le attività di verifica e di intervento hanno subito un drastico rallentamento ma il nucleo di Polizia municipale specializzato ha dunque avviato la ricognizione sui “corpi morti” a suo tempo collocati.

“Dal sopralluogo è emerso che il lavoro deve ripartire da zero cosa che ci impegniamo a fare garantendo lo stanziamento delle risorse necessarie, consapevoli dell’importanza dell’intervento per la sicurezza della balneazione” conclude l’assessore.

Lascia un commento