Cupola del Brunelleschi: nessuna nuova crepa. Ma l’Opera di Santa Maria del Fiore ha deciso di approfondire i rilievi su alcune antiche lesioni

Focus

Nessuna nuova crepa sulla Cupola del Brunelleschi. Le lesioni su cui stanno intervenendo in questi giorni le maestranze dell’Opera di Santa Maria del Fiore sono già stata individuate in passato e monitorate negli anni. L’intervento – nonostante alcune notizie che hanno trovato diffusione in questi giorni – fa parte del normale programma di monitoraggio della Cattedrale che viene eseguito sugli esterni e da due anni anche sugli interni. Lo spiega in una nota l’Opera di Santa Maria del Fiore, che prosegue: “Durante i controlli di quest’anno, effettuati con l’ausilio di una gru con piattaforma, l’Opera di Santa Maria del Fiore ha deciso di approfondire l’andamento di alcune antiche lesioni presenti sull’abside e già individuate dal rilievo dei “plessi fessurativi”, condotto dall’allora Soprintendenza per i Beni ambientali e architettonici di Firenze e avviato dalla Commissione Ministeriale a partire dagli anni Settanta”.

La cupola fiorentina (foto Opera di S. Maria del Fiore, C. Giovannini), come è noto, è soggetta ad un complesso sistema di antiche lesioni e per questo è controllata dal 1952 con strumenti di tipo meccanico e, dal 1978, con un sistema elettronico installato dal Ministero dei Beni Culturali, che può essere considerato il più accurato esistente nel mondo su un complesso monumentale. I dati raccolti in un periodo così lungo di tempo costituiscono un prezioso patrimonio di conoscenza in grado di rivelare non solo il comportamento normale della cupola, ovvero il cosiddetto “respiro” stagionale, ma anche la sua risposta ai vari eventi straordinari subiti in tale periodo, come, ad esempio, alcuni leggeri terremoti e la costruzione del ponteggio dal 1978 al 1996 che fu necessario per il restauro degli affreschi interni.

Lascia un commento