“COVID-19: costruire il futuro”: presentazione al Caffè Letterario Le Murate del libro a cura di Claudio Paravati (Fondazione circolo Rosselli) con prefazione di Valdo Spini

Firenze, Libri & Fumetti

Fino alla fine dell’estate e oltre, presso il Caffè Letterario Le Murate (Piazza delle Murate 1, Firenze; ingresso libero) si potrà fruire, oltre del consueto servizio bar e ristora7nte, di una programmazione regolare di eventi tardo-pomeridiani e serali all’aperto: presentazioni di libri, concerti, spettacoli di danza. Tutto a ingresso libero, ma nel rispetto della normativa anti-covid: raggiunta la capienza massima consentita, non si potrà entrare finché qualcuno non sarà definitivamente uscito (ingressi contingentati); per questo è consigliabile prenotare allo 055 234 6872.

Mercoledì 26 agosto 2020 alle 19 si presenta un volume dal tema fin troppo attuale: COVID-19: costruire il futuro,– a cura di Claudio Paravati (Fondazione circolo Rosselli), con prefazione di Valdo Spini; entrambi saranno presenti ad aprire la discussione, alla quale poi interverranno Irene Micali, assegnista di ricerca all’Università di Firenze, Alberto Di Cintio, della Fondazione Italiana Bioarchitettura, Emanuele Vannucci, ricercatore dell’Università di Pisa, Antonella Di Bartolo, Dirigente dell’Istituto Sperone-Pertini di Palermo.

Un volume recentemente pubblicato (edito da Com Nuovi Tempi, 202 pp., 15 euro), nato dalla collaborazione tra la Fondazione Circolo Fratelli Rosselli di Firenze e il Centro Studi e Rivista Confronti di Roma, che raccoglie studi, analisi e proposte di natura economica, politica, sociale e giuridica, che spaziano dall’ambito accademico al terzo settore.

«Nel cuore dell’inaspettata, e con effetti purtroppo drammatici, pandemia del COVID-19 che ha investito anche il nostro Paese, è emersa l’urgenza di dare il proprio contributo ragionando sul da farsi, per progettare immediatamente un presente e un futuro – se possibile – migliori», dichiara il direttore del Centro Studi Confronti Claudio Paravati, curatore del volume. «Quale futuro? È una domanda – dice Valdo Spini, presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli, nella Prefazione – che ci si siamo posti ripetutamente, magari anche retoricamente. Ma nel 2020, dopo lo scoppio della pandemia del Covid-19, è un interrogativo drammatico. Il futuro, naturalmente, riguarda in primo luogo i giovani, proprio quelli che nel recente periodo di blocco delle attività non hanno potuto vivere in presenza i loro momenti formativi. I mesi vissuti all’insegna della lotta alla pandemia, hanno visto emergere nel nostro Paese uno spirito di fraternità e di solidarietà che ha animato il sacrificio e l’impegno di tanti, particolarmente dei cittadini più esposti al rischio. Questo spirito deve trovare il suo prolungamento in ideali democratici forti che lo sostengano e lo alimentino anche dopo la conclusione dell’emergenza sanitaria. E, tra questi, torna di attualità il socialismo liberale, quello che vuole coniugare l’etica pubblica della responsabilità collettiva con lo spirito di iniziativa economica, il lavoro e l’impresa, il ruolo del pubblico con il ruolo del privato nell’economia».

Il libro raccoglie non solo i contributi di Elena Granaglia, Stefano Grassi e Emanuele Vannucci, relatori del webinar organizzato dalla Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e Centro Studi e Rivista Confronti, ma anche i pezzi a firma di Francesco Carbini, Vittorio Cogliati Dezza, Antonella Di Bartolo, Michele Mioni, Michael Musetti, Claudio Paravati, Giulia Piccioni, Andrea Puccetti, Nicolò Sambugaro, Lucilla Spini, Gabriella Traviglia; la prefazione è a firma del presidente Valdo Spini.

In apertura verrà presentato anche il Quaderno del Circolo Rosselli n. 2/2020 “Costruire il dopo” a cura di Emanuele Vannucci.

 

Giovedì 27 agosto ore 21.30 Trio Zarlingo. Il trio Zarlingo, costola del quintetto dei Ragazzi Scimmia, è formato da Gabriele Mori (piano, voce, kazoo) Guido Masi (chitarra) e Andrea Brogi (batteria).

 

Venerdì 28 agosto 21.30 concerto: Marco Di Maggio duo. Marco Di Maggio: chitarra e voce; Matteo Giannetti: contrabbasso. Rock’n’roll e rockabilly con un duo che pare un’orchestra. Marco Di Maggio è esponente di punta della scena R’n’R internazionale ed è considerato dalla stampa specializzata come uno tra i migliori chitarristi mondiali.

 

Sabato 29 agosto 21.30 concerto: folk sudamericano con  Sinedades. Erika Boschi: voce e percussioni; Agustin Cornejo: chitarra, basso e voce; Gianni Apicella: batteria; Matteo Scarpettini: percussioni.

Domenica 30 agosto ore 21.30 Rocky Horror Picture Show

 

Lascia un commento