Così una borsa diventa un cult: la nuova Soft Sofia Saddle e l’eccellenza del “fatto a mano” secondo Ferragamo

Dalla borsa best seller Sofia, nata con la primavera-estate 2009 e subito diventata una grande diva fra gli accessori Salvatore Ferragamo, i creativi del brand sono partiti per dare nuovo personalità e funzione ad una linea che è entrata per merito tra i grandi classici. Trattata con estremo orgoglio e cura, viene spesso ripresa e rivisitata. Oggi la sua linea è ritornata protagonista assoluta attraverso un’inedita interpretazione che l’ha trasformata nella linea Soft Sofia Saddle. Complice uno speciale tipo di pelle, la Saddle Soft, ed un processo minuzioso nella lavorazione che riporta alla tecnica dei maestri sellai e già nel suo nome è evocata la sua nuova attitudine .

softsofia
La borsa Soft Sofia in un’immagine della campagna primavera-estate 2017 di Ferragamo

La prima apparizione della Soft Sofia è avvenuta sul sofisticato catwalk della collezione donna primavera-estate 2017, dove è stata protagonista tra gli accessori di punta dell’ultimo fashion show Salvatore Ferragamo, con uno stile rinnovato ed un’attenta regia che l’ha guidata in un “assolo vincente”. Ed è già comparsa al braccio di donne famose, come le attrici Monica Bellucci e Freida Pinto, la super modella Karolina Kurkova e la collega Karlie Kloss, Eleonora Abbagnato… La nuova Sofia, viste le premesse, costituirà molto di più di una reinterpretazione dell’iconica borsa-madre. Resteranno sì alcuni punti fermi: l’uso del ‘gancio’, il distintivo elemento metallico simbolo della linea, il morbido manico a mano, insieme all’opzione della tracolla staccabile. Tutta nuova invece la particolare ricerca sul materiale ed il suo speciale trattamento che ne cambiano radicalmente l’immagine. Soft Sofia Saddle è la Sofia che si veste di naturalezza. La foggia è trasformata, così il peso, come il tocco alla mano. Il risultato è una borsa dal nuovo profilo molto morbida, dagli spigoli smussati, che ti porta nel mondo dell’alta tradizione artigianale della selleria. Questo sia attraverso la selezione dei pellami eccezionalmente morbidi e duttili – il Saddle Soft – dall’effetto setoso al tatto e che in alcuni punti risulta leggermente irregolare – sia per le tecniche di lavorazione che esaltano la tecnica propria del tuscany leather. Tutti elementi che insieme al design contemporaneo Ferragamo, non lontano da un sofisticato comfort, concorrono a dare alla classica handbag una nuova identità molto natural.

Le prime ad essere realizzate saranno in quattro varianti colore, della pelle più pregiata e morbida. Quella tabacco, che risulta molto vicina al cuoio naturale usato dai maestri sellai, ora tornata tra le nuance del desiderio. Una particolare tonalità nude, meglio riconosciuta come beige Ferragamo, un nuovo blu navy, o in alternativa il nero antracite. Una sofisticata variante nude della Soft Sofia Saddle del più pregiato crocodile, è pensata per quel pubblico femminile che non rinuncia ad un tocco di luxury contemporaneo. 

Luci puntate, dunque, sull’imminente apparizione nelle vetrine Ferragamo di Soft Sofia Saddle e sulle sue future preziose interpretazioni di creatività e di stile. A completamento di stagione diventeranno almeno otto le sue varianti. Tutte accomunate da un unico fil rouge: la maestria di alta tradizione Ferragamo. Un “fatto a mano” che ha per scopo l’eccellenza e ne sintetizza l’estetica.

DETTAGLI TECNICI: COSÌ SI COSTRUISCE LA BORSA-ICONA

Innumerevoli sono i passaggi necessari a questa lavorazione a spigoli smussati, tutta rigorosamente handmade e che ha come protagonista assoluta la pelle Saddle Soft. Questo tipo di pelle, straordinariamente morbida e plasmabile – grazie ad una tecnica molto naturale di lavaggio e di concia che ha già al suo attivo 50 anni di storia – è usata soprattutto nel mondo della selleria ed è già di per sé espressione di eccellenza e di unicità. Una vera tradizione caratteristica dell’artigianalità made in Florence, anche la preziosa e tecnicamente difficile lavorazione a costola che richiede una precisione millimetrica. Sarà questa a delineare, senza sbavature e con estrema perfezione la sagoma della borsa e le conferirà quel carattere di oggetto di eterno valore. La fodera, anch’essa in pelle, è lavorata in piano, e anche questo processo, prevede una spiccata manualità. Viene perfettamente stesa sulla pelle, come se fosse il suo rovescio e, una volta fatta aderire perfettamente, si procede al taglio e alla cucitura. La naturale duttilità della pelle Saddle Soft – trattata con olii naturali che la proteggono dai graffi e dai danni del tempo – accompagna perfettamente tutti i dettagli della Soft Sofia Saddle: dalle ricche cornici esterne ai tagli al vivo sul quadrante anteriore che nascondono una funzionale tasca piatta, dal marchio Salvatore Ferragamo impresso a fuoco nella cornice alle pregiate cuciture a maglietta anche queste realizzate a mano, che riportano all’assoluta artigianalità del manufatto ed alla rivisitazione della grande tradizione della selleria equestre orentina. Insostituibile il dettaglio del ‘gancio’ Ferragamo, sia come fibbia di chiusura sia come decoro.

Lascia un commento