CORONAVIRUS. Il 10 e 11 maggio si celebra il 171° anniversario della difesa di Livorno. A causa dell’emergenza sanitaria niente cortei, balli e scolaresche. Uno speciale su Granducato Tv

Focus, Livorno
Quest’anno le celebrazioni della difesa di Livorno dalle truppe austriache, 171° anniversario, saranno in forma ricalibrata, in larga parte virtuale, in adeguamento alle restrizioni da Covid-19. La tradizionale deposizione della corona alla Porta San Marco avverrà il 9 maggio alla presenza del solo sindaco Luca Salvetti e del fondatore del Comitato Livornese Risorgimentale Marzino Macchi (sono vietati infatti gli assembramenti). In più uno speciale di Granducato tv (lunedì 11 maggio alle ore 21.15, subito dopo il tg) unirà alle immagini di questa cerimonia, a quelle delle ben più ricche rievocazioni degli anni passati.
Non ci saranno dunque dal vivo scolaresche in corteo, balli risorgimentali in costume, alzabandiera e momenti istituzionali per celebrare le giornate del Maggio Livornese, il 10 e 11 maggio quando Livorno ricorda l’eroismo dei propri concittadini contro l’invasione austriaca del 1849.
La cerimonia sarà diversa, ma non per questo meno sentita rispetto alle precedenti.
Nessun momento di aggregazione, come impone il periodo, ma una “celebrazione virtuale” a cui tutti i cittadini possono prendere parte e conoscere una pagina importante della storia della propria città.
Lo speciale di Granducato sulle celebrazioni di questo 171° anniversario della Difesa Risorgimentale di Livorno permetterà a tutti ascoltare numerosi messaggi  tesi a mantenere vivo il ricordo dei tanti giovani livornesi che con eroismo caddero sotto le cannonate austriache.
Saranno trasmessi i messaggi del sindaco Salvetti, di Cecilia Gambacciani, presidente del Comitato Livornese Risorgimentale, di Alessandro Minardi e di Cristian Satto, rispettivamente presidenti dei Comitati Risorgimentali Nazionale e Toscani.
In programma anche l’intervento del presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani e dello storico Fabio Bertini  che illustrerà la gloriosa pagina storica livornese.
Previsto un messaggio da parte del prefetto di Livorno Gianfranco Tomao. 
Un momento celebrativo importante dunque anche in virtù del 20° anniversario -che cade proprio quest’anno – della costituzione del Comitato Livornese per la Promozione dei Valori risorgimentali. Un’associazione che opera affinchè il patrimonio di ideali  e di aspirazioni del Risorgimento non vada disperso e dimenticato. Un lavoro costante portato avanti, specie con le giovani generazioni e con le scuole di ogni ordine e grado, coinvolgendo 30.000 studenti e 1500 docenti.
Lo speciale televisivo in programma per lunedì 11 maggio racconterà anche tutto questo, trasmettendo momenti importanti di commemorazioni svolte in città negli anni passati.
Si potranno ascoltare, oltre l’inno di Mameli, brani musicali di repertorio relativi alle iniziative fatte con le scuole livornesi ma anche di Cecina e Rosignano, e poi rievocazioni in costume d’epoca, balli risorgimentali, lanci di paracadutisti in Fortezza nuova e piazza della Repubblica.
Momenti salienti di un percorso che il Comitato ha portato avanti negli anni con passione, per infondere alle generazioni attuali quella coscienza democratica e quello spirito di indipendenza e libertà dimostrato dai giovani livornesi di allora.

 

Lascia un commento