CORONAVIRUS. Comune di Livorno: già consegnati a 1.531 famiglie buoni di solidarietà alimentare per 500mila euro

Focus, Livorno

Circa 2600 richieste arrivate per mail e allo sportello, tra l’1 e il 2 aprile 2020; 16.663 buoni da 50 euro stampati e punzonati a tempo di record dalla stamperia comunale il 3 aprile; un totale di 500mila euro in buoni già consegnati, tra le 9 e le 20 di sabato 4 aprile in 18 sportelli comunali, a 1.531 nuclei familiari livornesi con i requisiti per ritirarli. Tutte persone che hanno dimostrato di aver perso il lavoro o aver subito gravi danni economici a causa delle misure restrittive da Covid 19.

Si è svolta con grande celerità, se non addirittura con ritmi frenetici, l’operazione con cui il Comune di Livorno ha trasformato gli 833 mila euro, assegnati a fine marzo dal Governo nell’ambito del fondo di solidarietà alimentare, in borse della spesa di beni di prima necessità da acquistare nei centri livornesi di grande distribuzione e nei negozi di vicinato.

“Anche se ci dicono che siamo tra i primi grandi Comuni ad aver completato l’operazione, non ci interessano medaglie in una ipotetica gara tra Enti locali su chi ha fatto prima nel consegnare questi soldi ai cittadini – commenta il sindaco di Livorno Luca Salvetti. “Ci premeva invece puntare sulla concretezza e sulla velocità, per far sì che le persone in questo momento più fragili, ovvero quelle che si sono trovate in difficoltà economica a causa dell’emergenza coronavirus, avessero immediatamente disponibili delle risorse gestire la quotidianità dal punto di vista alimentare. Perchè l’emergenza socioeconomica – evidenzia Salvetti – rischia sicuramente di essere altrettanto grave in Italia dell’emergenza sanitaria, con tante attività chiuse e tante persone mandate a casa”.

Da lunedì 6 aprile 2020 la Giunta comunale sarà al lavoro per individuare le modalità per assegnare i restanti 333mila euro del Governo, cifra alla quale saranno aggiunti fondi donati dai cittadini livornesi attraverso un conto corrente aperto dal Comune proprio per queste finalità di sostegno socio-economico, con l’obiettivo di far rientrare nella contribuzione chi è rimasto fuori dalla distribuzione odierna per pochi requisiti mancanti.

  • Il primo cittadino coglie l’occasione per ringraziare i dipendenti comunali che in un momento così difficile si sono prestati a lavorare con impegno e in fretta senza risparmiarsi, così come i colleghi della Provincia che hanno collaborato alla distribuzione. “Voglio ringraziare inoltre – dice il sindaco Salvetti – tutte le associazioni di volontariato che hanno collaborato con la Protezione Civile comunale fin dal primo momento, la Polizia Municipale e le altre Forze dell’ordine che verificano senza sosta che le persone rispettino le regole. E un ringraziamento a tutti livornesi per come stanno affrontando questo difficile periodo”.

Lascia un commento