CORONAVIRUS. Campiglia Marittima, una lettera della sindaca Ticciati agli istituti bancari per sostenere le imprese d fronte alla crisi causata dal Covid-19

Focus, Livorno
  • La sindaca di Campiglia Marittima Alberta Ticciati scrive agli istituti bancari per sollecitarli a fare la loro parte nel complesso quadro socioeconomico che ha colpito il paese a causa dell’emergenza sanitaria.

“In considerazione della grave situazione economica e sociale in cui versano imprese e famiglie, vengo a richiedere uno sforzo”. Comincia così la lettera di Ticciati che richiama gli stessi Istituti a dare concretezza alle misure definite dal Governo, tese a supportare le attività, fortemente colpite dal blocco forzoso dovuto al lockdown.

“Il Governo ha ad ora adottato le prime misure di sostegno, certamente non risolutive, ma comunque importanti per dare un minimo di liquidità a chi riparte e soprattutto, fiducia e speranza in questa nuova fase – argomenta la sindaca – Per queste ragioni, nella mia qualità di sindaco del Comune di Campiglia Marittima Vi esorto ad adottare con solerzia gli strumenti a tutela del credito che sono stati emanati dal Governo, affinché possano essere erogati prestiti alle imprese in tempi rapidi, stante la garanzia pressoché totale da parte dello Stato e di provvedere alle sospensioni previste per i mutui prima casa, dove presentate le richieste”.

Una richiesta quella della sindaca, sollecitata da alcune attività che si sono visti negare prestiti, perché già titolari di finanziamenti in corso. 

“È fondamentale in questo momento marciare uniti – scrive Ticciati  e prosegue – Per tali ragioni Vi esorto nuovamente a fare presto, a sostenere le attività e con esse le famiglie che si sostengono grazie a quei redditi, perché come ben noto la situazione economico-sociale è già oggi molto complessa e fragile. Per tutti”.

In chiusura, la sindaca, per condividere le misure, le azioni, le strategie e fornire le corrette informazioni alla cittadinanza chiede la disponibilità ad aprire un tavolo di concertazione “per provare ad affrontare le criticità che si presentano – spiega – e provare insieme a superarle nell’interesse collettivo, ma a caduta con esso, anche nell’interesse particolare di codesti istituti bancari. Come Amministrazione comunale facciamo e faremo la nostra parte”.

Lascia un commento