CORONAVIRUS. Campiglia Marittima, attivato il prelievo a pedale alle ‘casine d’acqua’. #DiamociUnaMano!: attivata la consegna di spesa e farmaci a domicilio

Focus, Livorno

CAMPIGLIA MARITTIMA / PREVENIRE IL VIRUS ALLE CASINE D’ACQUA: ATTIVATO IL PRELIEVO A PEDALE

Adeguamenti alle fontanelle dell’acqua alta qualità di Campiglia Marittima e Venturina Terme per escludere il pericolo di diffusione del coronavirus.  L’intervento è stato eseguito da Asa e consiste nella disattivazione del pulsante erogatore, sostituito da un pedale posto in basso alla base della casina. A Venturina è possibile continuare a prelevare l’acqua naturale, mentre è temporaneamente sospesa l’erogazione della lievemente frizzante. A Campiglia, dove da entrambi gli erogatori sgorga l’acqua naturale, uno è chiuso e rimane in funzione solo quello dotato del pedale. “In questo modo – spiega la sindaca Alberta Ticciati – si evita l’interruzione del servizio e si consente alla cittadinanza di prelevare l’acqua senza toccare il pulsante, superficie che potenzialmente potrebbe favorire la diffusione del virus. Un ringraziamento ad Asa da parte dell’Amministrazione comunale per l’intervento eseguito”.

CAMPIGLIA MARITTIMA / #DIAMOCIUNAMANO! – ATTIVATA LA CONSEGNA DI SPESA E FARMACI A DOMICILIO

Il servizio gratuito #DiamociUnaMano! di consegna spesa e farmaci a domicilio, ormai è attivo da qualche giorno nel Comune di Campiglia Marittima, con grande soddisfazione degli utenti, degli esercizi commerciali aderenti e dei volontari che lo svolgono. Il servizio, si ricorda, è rivolto a persone anziane ultra settantenni sole, a persone affette da patologie, da problemi di salute o impossibilitate a provvedere direttamente, o tramite parenti e conoscenti, all’acquisto dei beni di prima necessità. Per richiedere il servizio i cittadini in possesso degli requisiti indicati possono, attualmente, chiamare il numero unico 3666382285. 

Gli altri cittadini interessati non in possesso dei requisiti, possono, comunque, rivolgersi direttamente a tutte le altre attività che svolgono, in autonomia, consegna a domicilio dei generi alimentari e programmare con queste la consegna della spesa. Molte sono le attività che svolgono questo tipo di servizio e i rispettivi recapiti telefonici possono essere acquisiti sul sito e sulla pagina facebook del Comune di Campiglia.

Diversa, invece, la modalità per chi si trova impossibilitato ad uscire perché sottoposto a quarantena o a isolamento fiduciario. Per tutti loro il numero da chiamare per la consegna della spesa e/o dei farmaci a domicilio è il 3404909451, istituito dal Comune di Campiglia in collaborazione con le associazioni di volontariato iscritte negli elenchi di protezione civile al Gevot e cioè Croce Rossa e Misericordia. A questo numero telefonico risponde la sala operativa della Croce Rossa che raccoglie la comunicazione della lista della spesa. La spesa sarà poi consegnata a domicilio dagli operatori specializzati della Croce Rossa stessa a Venturina Terme e dintorni, e della Misericordia a Campiglia capoluogo.

  • “Fra qualche giorno – spiega la sindaca di Campiglia Marittima – i due numeri troveranno una sintesi nel numero unico istituito dalla Società della Salute Valli Etrusche su precisa richiesta della Regione Toscana e che verrà prontamente comunicato a tutta la cittadinanza una volta reso attivo”.

“La quarantena e/o l’isolamento fiduciario – afferma Ticciati –  lungi dal rappresentare modalità di esclusione sociale, rappresentano, al contrario, forme di garanzia della salute pubblica e della riservatezza personale che debbono essere gestite dall’Amministrazione nel miglior modo possibile. Per questo motivo accanto al servizio descritto di spesa a domicilio, l’Amministrazione comunale ha messo a disposizione il numero telefonico della protezione civile al quale un operatore risponderà dal lunedì al venerdì per far fronte ad ogni necessità, imprevisto o bisogno diverso dai precedenti che si presentasse ai soggetti sottoposti a quarantena e/o ad isolamento fiduciario (ad esempio guasti, interruzioni utenze ecc.) al fine di metterli in contatto con i partner più appropriati e preparati per fronteggiare situazioni di questa natura”.

Inoltre, per le sole persone in quarantena (per quelle in isolamento fiduciario il conferimento è analogo a tutti gli altri cittadini) è stato disposto dalla Regione Toscana un diverso sistema di raccolta rifiuti che, oltre ad essere, naturalmente, domiciliare è anche diverso nelle modalità di conferimento e viene svolto due giorni la settimana mediante appositi kit.

L’attenzione dell’Amministrazione comunale sulla differenziazione dei canali di approvvigionamento, dello smaltimento e del controllo è massima. “Un pensiero affettuoso alle persone ammalate – dichiarano la sindaca Ticciati e la Giunta comunale – e tutta la vicinanza dell’Amministrazione comunale a tutte le persone che ogni giorno con sacrificio rispettano le restrizioni della loro vita quotidiana. Non facciamo mai mancare la solidarietà, la responsabilità e il senso di appartenenza alla nostra comunità. Non ci sono ‘colpevoli’ da trovare o persone da isolare. Soltanto insieme, con intelligenza, rispetto dell’altro e lucidità potremo  superare questo terribile momento. Avanti quindi è con il contributo di tutti. #andràtuttobene”.

 

Lascia un commento