CORONAVIRUS. Anche Luisa Spagnoli chiude dall’11 marzo i 150 punti vendita in Italia per ridurre le occasioni di contagio

Moda e Artigianato

Anche l’azienda Luisa Spagnoli, per dar seguito alle indicazioni delle istituzioni, di ridurre al minimo le occasioni di contagio, chiude dall’ 11 marzo 2020 temporaneamente tutti i suoi 150 punti vendita in Italia. In continuità con le misure preventive finora adottate e per non esporre ad alcun rischio la salute di dipendenti e clienti.  In questi giorni, più che mai, tutti i cittadini sono chiamati ad esser responsabili dei propri comportamenti per loro e per la collettività.

“Gli imprenditori, in particolar modo, devono adattarsi velocemente e senza esitazioni ai nuovi modelli imposti – dice Nicoletta Spagnoli, amministratore delegato e presidente della Luisa Spagnoli Spa –  affrontando in prima persona l’emergenza, cercando di adottare tutte le misure contingenti necessarie, anche le piu’ difficili, mantenendo allo stesso tempo una visione a lungo termine che possa garantire la continuità aziendale con la speranza di lasciarci presto tutto alle spalle”.

Lascia un commento