CORONAVIRUS. Aggredito mentre stava lavorando un giornalista del Corriere Fiorentino. La solidarietà dell’Ast e dell’Ordine. Chiesa ai prefetti maggiore vigilanza

Focus

ASSOCIAZIONE STAMPA TOSCANA

Piena solidarietà e tutto il sostegno del sindacato unico ed unitario dei giornalisti della Toscana al collega Antonio Passanese del Corriere Fiorentino che martedì 31 marzo 2020 è stato aggredito mentre svolgeva il proprio lavoro a Firenze, da parte del presidente dell’Associazione Stampa Toscana Sandro Bennucci, a nome di tutti gli organismi dirigenti  e della Commissione toscana lavoro autonomo . Il collega, che stava parlando al telefono mentre era impegnato in un servizio su come i fiorentini stiano rispettando le norme per il  contenimento del coronavirus, è stato apostrofato da un rider in bicicletta il quale gli ha augurato di ricevere “due colpi in testa”: una provocazione che il collega non ha raccolto.

Ma l’uomo, un cinquantenne con alle spalle episodi di spaccio di droga, è tornato indietro e, nonostante Passanese si fosse  qualificato spiegandogli che, come lui, stava lavorando, lo ha aggredito con calci e pugni fino a quando non è stato soccorso da due nordafricani e, successivamente, dai carabinieri. Portato in ospedale gli è stata riscontrata una frattura ad una mano e ne avrà per 25 giorni.

“E’ intollerabile – dice il presidente Ast – che i cronisti, i quali già compiono un lavoro difficile e complesso in prima linea in questa situazione di emergenza, possano essere aggrediti senza motivo nel centro di Firenze. Nel formulare al collega gli auguri più affettuosi per una pronta guarigione, il sindacato dei giornalisti toscani invita il Prefetto di Firenze, Laura Lega, e le forze dell’ordine a garantire lo svolgimento del lavoro dei giornalisti che, oggi più che mai, come riconosciuto anche in questa emergenza, è un bene prezioso e al servizio di tutti i cittadini”.

ORDINE DEI GIORNALISTI DELLA TOSCANA

In Toscana si è verificato un nuovo episodio di violenza ai danni di un giornalista. Dopo l’aggressione di Livorno, è accaduto a Firenze. Antonio Passanese, cronista del Corriere Fiorentino è stato insultato e poi aggredito mentre si trovava in strada per realizzare un servizio per la testata. Passanese, al quale va la solidarietà dell’Ordine dei giornalisti della Toscana, ha riportato la frattura a un dito.
Ad accentuare la gravità dell’episodio, di cui si è reso protagonista un rider di una catena di distribuzione, è il fatto che il collega è stato colpito dopo aver mostrato la tessera dell’Ordine all’aggressore, nel tentativo di spiegargli che anche lui stava lavorando. L’Ordine dei giornalisti della Toscana rinnova la richiesta ai prefetti della nostra regione di disporre una maggiore vigilanza delle forze dell’ordine a tutela del ruolo svolto dai giornalisti in queste difficili settimane.
 

Lascia un commento