CORONAVIRUS / 77. Cecina, nella caserma Villa Ginori di Marina la quarantena per i passeggeri di una nave da crociera? Il sindaco Samuele Lippi si oppone e firma una difesa al Dipartimento di Protezione Civile Nazionale

Da non perdere, Livorno

La Caserma Villa Ginori di Marina di Cecina potrebbe nei prossimi giorni accogliere per la quarantena un numero considerevole di cittadini attualmente a bordo di una nave da crociera.

villa ginori

“Mi è appena giunta questa notizia (nlla serata di giovedì 26 marzo 2020) e mi oppongo con forza a questa possibilità – dichiara il sindaco Samuele Lippi -. Mi auguro che si tratti solo di un’ipotesi e che tale resti. Il Comune di Cecina si distingue da sempre per l’attenzione alle esigenze sociali, alla solidarietà, alla condivisione, come sta dimostrando anche in questo periodo di emergenza con la distribuzione di mascherine a tutti coloro che hanno necessità. Ma un’operazione come quella ventilata è in questo momento assolutamente ingiusta, irragionevole ed illegittima anche per i soggetti che, loro malgrado, sono coinvolti. La caserma non è pronta ad essere immediatamente trasformata in una struttura sanitaria d’emergenza per persone affette da coronavirus. Ma soprattutto accoglierli significherebbe mettere in estrema difficoltà il nostro ospedale e tutta la rete di assistenza sanitaria del nostro territorio, soprattutto nel caso in cui queste persone dovessero avere bisogno di essere ospedalizzate. Faccio presente che al momento secondo l’Azienda Usl i casi positivi accertati nel nostro Comune sono 20: i cittadini che la caserma Ginori dovrebbe accogliere sono il doppio e rappresentano un carico insostenibile dal momento che avviene mentre la trasmissione del COVID 19 nella provincia di Livorno e nel comune di Cecina aumenta quotidianamente e l’ospedale di Cecina, piccolo presidio di periferia, sconta già da tempo le inevitabili difficoltà del momento”.

Il sindaco Lippi, “seppure con estremo dispiacere”, ha proceduto a firmare una diffida al Dipartimento di Protezione Civile Nazionale dal trasferire alla Villa Ginori di Cecina Mare o comunque sul territorio comunale questo gruppo di persone. “Sono pronto ad oppormi in tutte le sedi e in tutti i modi possibili a questa ipotesi. Ci rendiamo piuttosto disponibili ad attivarci per condurli nelle proprie abitazioni in modo che possano scontare a casa la quarantena”.

Lascia un commento