CORONAVIRUS / 29. Livorno, fino al 3 aprile chiusi al pubblico tutti i servizi comunali escluso lo Stato Civile. Nuove modalità per i servizi socio-sanitari

Livorno

Da giovedì 12 marzo e fino a venerdì 3 aprile compreso, date le misure di contenimento coronavirus Covid -19 introdotte con il DCPM del 9 marzo 2020, sono chiusi al pubblico tutti i servizi comunali escluso Stato Civile (12e solo per dichiarazioni di nascita e morte). Palazzo Comunale e Palazzo dell’Anagrafe a Livorno saranno chiusi al pubblico, così come tutte le sedi comunali decentrate.

All’ufficio di Stato Civile (Palazzo Anagrafe, piazza del Municipio 50), si potrà entrare previo appuntamento esclusivamente per i seguenti servizi essenziali :

dichiarazioni di nascita: recapito telefonico 0586/820434

denunce di morte: recapito telefonico 0586/820407- 820003

Le persone interessate esclusivamente a tali servizi e le agenzie funebri, per l’accesso all’Ufficio di Stato Civile dovranno contattare direttamente l’Ufficio di Stato Civile ai sopraindicati recapiti telefonici.

Tutti gli altri servizi di Stato Civile sono momentaneamente sospesi .

Gli estratti/certificati di Stato Civile possono essere richiesti scrivendo all’indirizzo e-mail statocivile@comune.livorno.it allegando fotocopia del documento di identificazione. L’Ufficio provvederà ad inviare gratuitamente all’indirizzo di posta indicato dal richiedente il certificato/estratto con timbro digitale QR CODE.

Come detto, per le stesse motivazioni e nello stesso periodo (giovedì 12 marzo e fino a venerdì 3 aprile 2020) sono sospesi tutti i servizi Anagrafici, erogati presso il Comune nella sede centrale di piazza del Municipio 50 e negli uffici decentrati degli Sportelli al Cittadino area Nord e Sud (Corea e La Rosa).
Si segnala che tra i servizi Anagrafici sospesi sono ricompresi: i certificati anagrafici anche da totem, le carte di identità elettroniche, i cambi di residenza e il ritiro atti presso la Casa Comunale.
Si ricorda che le dichiarazioni di cambi di residenza possono essere inoltrate tramite i seguenti canali: PEC, e- mail istituzionale (anagrafe@comune.livorno.it), fax, raccomandata.

Per informazioni:

URP: tel.0586- 820204/205 Whatsapp: 335-8225555 mail: urp@comune.livorno.it

MODALITÀ DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIO-SANITARI

Comune e Azienda USL hanno stabilito nuove modalità di accesso ai servizi sociali e socio-sanitari dopo il decreto del 10 marzO 2020.

PUNTI INSIEME
Chiudono al pubblico i Punti Insieme. Le persone anziane non autosufficienti ed i loro familiari e le persone con disabilità anziché recarsi di persona nelle sedi dei Centri socio sanitari di via Fiera di Sant’Antonino e di via Impastato a Livorno, di via Carlo Marx a Stagno e di via Don Bosco Collesalvetti, potranno contattare per informazioni gli operatori del servizio nei seguenti orari:
lunedì 9- 10.30
mercoledì 10,30-12
giovedì 9-10.30

al numero telefonico
0586 407714
e per mail
[ mailto:mfabbrizi@comune.livorno.it | mfabbrizi@comune.livorno.it ]

SEGRETARIATO SOCIALE
Anche il Segretariato Sociale sarà chiuso al pubblico e riceverà telefonicamente al numero 0586/824133 nei giorni di martedì e giovedì dalle 9 alle 12 e per mail all’indirizzo [ mailto:mfabbrizi@comune.livorno.it | mfabbrizi@comune.livorno.it ]

AMMISSIONI DI NUOVI OSPITI IN RSA
Per i nuovi accessi autorizzati alle RSA deve essere attivata in fase di ingresso la procedura di controllo prevista dalla circolare della Regione Toscana e comprovata da autocertificazione dell’ospite o del familiare o dell’Amministratore di sostegno, in aggiunta al certificato richiesto al medico medicina generale sullo stato di salute del paziente.

VISITE AI FAMILIARI IN RSA
Salvo necessità e/o situazioni particolari, la cui valutazione è rimessa alle direzioni delle strutture residenziali sociosanitarie, non è consentito l’accesso dei familiari fino al termine delle misure straordinarie sul Covid19.

CENTRI SOCIO SANITARI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI E PERSONE CON DISABILITA’:
Sono chiusi i centri diurni autorizzati ex lr 41/2005 che sono all’interno di RSA e RSD.
Gli altri Centri localizzati all’esterno di strutture sono aperti con l’invito agli utenti contattaree il singolo centro per verificare la disponibilità del trasporto.
I Centri Socio-Educativi per disabili del Comune di Livorno hanno invece sospeso l’attività fino al 3 aprile.

“Stiamo cercando di conciliare l’esigenza di ridurre al minimo i contatti diretti tra le persone per abbattere il rischio dei contagi con quella di garantire i servizi essenziali”, dichiara l’assessore Raspanti. ” Il rischio- sottolinea- in questo momento di inevitabile rarefazione dei rapporti sociali è che le persone più deboli e sole siano ancora più vulnerabili: dobbiamo impedire che questo accada. Voglio ringraziare tutti i dipendenti pubblici e gli operatori dei servizi sociali e socio-sanitari che in questi giorni, pur con le loro comprensibili preoccupazioni, sono al lavoro per portare assistenza alle persone non autosufficienti o con ridotta autonomia. Stiamo facendo verifiche puntuali per accertare che le ditte appaltatrici rispettino quanto previsto dal decreto e dai documenti aziendali di valutazione del rischio, chiedendo agli RSPP di ogni realtà valutazioni sull’adeguatezza delle procedure e delle dotazioni fornite ai lavoratori”.
E nel merito alla questione della sospensione delle visite dei familiari agli ospiti delle RSA, commenta: “Una misura dolorosa, ma necessaria. Avevamo auspicato un provvedimento di questo tipo e la Regione Toscana ha oggi inviato a tutte le Zone Distretto precise indicazioni che vanno in questo senso”.

Lascia un commento