Come sostenere le associazioni di volontariato che hanno bisogno di personale dinamico e finanziamenti. Un webinar della Fondazione Livorno

Focus, Livorno

Le associazioni del volontariato sono sempre più utili e insostituibili per integrare le prestazioni del servizio pubblico, soprattutto nel settore sociale e socio sanitario. Ma la platea di cittadini che è dovuta ricorrere al sostegno delle associazioni del terzo settore si è drammaticamente allargata in questo ultimo anno sotto il peso delle emergenze economiche, sociali e sanitarie procurate dal Covid.

Il volontariato chiede aiuti. Ha bisogno di risorse: finanziamenti ma anche personale giovane e dinamico che possa sostituire la vecchia guardia, quella che ha fondato le associazioni e che tanto ha dato in termini di generosità e impegno ma che ha elevato ad una soglia piuttosto alta l’età media del corpo dei volontari. 

Intanto il mondo va avanti e nuovi strumenti finanziari si stanno affermando. Di alcuni di essi potrà sicuramente beneficiare il terzo settore, quell’universo che in Italia muove l’8 per cento del PIL.

È stato esteso anche agli Ets, per esempio, il Superbonus, l’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, antisismici, fotovoltaici ecc. Per facilitare l’accesso alle detrazioni, l’Enea, agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile, d’intesa con il Ministero dello Sviluppo Economico e con l’Agenzia delle Entrate, ha messo a disposizione un sito WEB e una guida rapida bonus casa per la trasmissione dei dati relativi agli interventi edilizi e tecnologici e per la consultazione delle pratiche in corso. 

Altri strumenti sono in corso di sperimentazione e potranno portare nuova linfa.

Il Social Green Deal dell’impresa sociale Fratello Sole – che realizza l’efficientamento energetico di immobili di immobili del terzo settore – sta dimostrando come l’energia possa diventare una chiave di emancipazione dalla povertà. Nel mondo sono i più poveri a vivere tra le discariche e sono le famiglie più modeste a fare fatica nel sostenere le spese energetiche. L’energia pulita estesa a tutti è un obiettivo primario per un mondo migliore.

Fondazione Etica, invece, da 13 anni sta portando avanti il suo percorso di innovazione in ambito politico e sociale basato sull’etica pubblica e la sostenibilità. Così è stato a Rispescia, nel parco della Maremma grossetana, dove, insieme a altri enti, ha sostenuto il progetto dell’associazione Lu.Ci per riportare alla vita una vecchia colonia che negli anni ’50 accoglieva gli orfani dei contadini e che diventerà un polo di aggregazione con ristorante bio dai costi sostenibili e prodotti a chilometro zero provenienti dalle aziende agricole del parco regionale. La gestirà una cooperativa, che offrirà lavoro a disoccupati, disabili, ex carcerati, migranti ed altri soggetti in difficoltà ma coinvolgerà anche gli studenti dell’istituto alberghiero della zona.

Sono questi gli argomenti che saranno analizzati con gli esperti del settore nel corso del quarto webinar (segue quelli rivolti agli Anziani, al Dopo di Noi e ai Giovani) dedicato da Fondazione Livorno ai problemi sociali emergenti e agli interventi da promuovere per affrontarli. L’appuntamento è per il 26 febbraio 2021, alle ore 16.

Programma

Introduce Cinzia Pagni Vicepresidente Fondazione Livorno

Interventi

Federico Testa Presidente Enea Bonus ristrutturazioni e risparmio energetico

Fabio Gerosa Presidente Fratello Sole Il Social Green Deal: terzo settore e transizione ecologica

Paola Caporossi Direttore di Fondazione Etica Investimenti a impatto sociale: ripensare il sociale come motore di sviluppo economico

      

Conclusioni di Fabio Serini Consigliere di Amministrazione Fondazione Livorno

 

 

Link per accedere al WEBINAR:

 

https://zoom.us/j/95081971150?pwd=K3VtVkN2cExUTlJRdURTUXM1d0phdz09

Passcode: fondazione

ID webinar: 950 8197 1150

 

Lascia un commento