Causa Covid-19 annullato (anche in concomitanza con l’avvio della stagione scolastica) il Surf Jam previsto il 19 settembre 2020 al Nimbus Surfing Club a Marina di Pietrasanta

Versilia

A causa dei timori suscitati dal crescere dei casi positivi al Covid-19, visto l’avvio della stagione scolastica, il Nimbus Surfing Club si vede costretto ad annullare il Surf Jam 2020 in programma il 19 settembre 2020 presso la sede di Marina di Pietrasanta.

Queste le motivazioni del Nimbus Surfing Club attraverso le parole del presidente Giovanni Briganti: “Con enorme dispiacere annunciamo l’annullamento della terza edizione del Surf Jam. Visto l’andamento dei casi positivi al Coronavirus in queste ultime settimane, e il senso di responsabilità che accomuna tutti noi sportivi ma padri e madri prima di tutto, dopo un accurato dibattito interno abbiamo ritenuto opportuno cancellare la terza edizione del Surf Jam. È stata una decisione davvero sofferta, considerando gli sforzi fatti finora e la bellissima risposta da parte di shaper, artigiani e associazioni che avrebbero colorato la spiaggia del Nimbus in quella lunga giornata di festa. Ci teniamo a ringraziare per il supporto che tanti surfisti e skater hanno dimostrato in questi mesi, non vedendo l’ora di godersi insieme a noi questa terza edizione del Surf Jam. Speriamo di poterci lasciare presto alle spalle questa difficile situazione e poter organizzare con maggiore serenità la prossima edizione del 2021”. 

Il Surf Jam 2020 era stato pensato come la più grande esposizione italiana di shaper, artigiani, artisti del surf e skate made. Gli organizzatori avevano messo a punto il programma in lunghi e appassionati mesi di lavoro. Viste le adesioni di espositori (una trentina) e le prenotazioni dei partecipanti, erano attesi in Versilia almeno un migliaio di simpatizzanti “green”, attratti dalle onde e dalla vita a contatto e nel rispetto della natura. Il Surf Jam era stato pensato come una vetrina dedicata alle piccole realtà artigiane all’insegna della condivisione e del sano divertimento in onore dello sport e dell’ambiente. Si sarebbe dato appuntamento al Nimbus Surfing Club un popolo green che ovviamente si sarebbe riversato su strutture ricettive e attività commerciali locali. Nel rispetto delle normative vigenti anti Covid, gli organizzatori avevano già limitato l’affluenza ponendo un tetto massimo alle partecipazioni, con corretti distanziamenti fra le postazioni degli espositori, nella sicurezza di tutti che avrebbero dovuto rispettare le norme d’igiene di legge. Ma purtroppo, visto il dilagare dei positivi nel nostro Paese, in previsione di dover affrontare al meglio una stagione scolastica e un inverno lavorativo, la presidenza ed il consiglio del Nimbus Surfing Club rimandano la festa all’anno prossimo. (Nella foto sopra il titolo: particolare della copertina che era stata preparata per l’edizione 2020 del Surf Jam).

Lascia un commento