CAPODANNO A FIRENZE. “He Made the Moon and Stars”, il grande evento promosso da Musart dalle ore 22 sul sagrato di Santa Maria del Fiore. Con il gospel e il “Breve racconto lunare” dell’attore Fabrizio Raggi

Firenze, Focus
Religiosità, passione e bellezza si uniscono martedì 31 dicembre 2019 in piazza Duomo a Firenze in occasione di “He made the moon and stars”, il grande evento di capodanno a ingresso libero organizzato dall’associazione Musart. Dalle ore 22, sul sagrato della Cattedrale della Basilica di Santa Maria del Fiore, musica gospel insieme agli ensemble Orlando Gospel Singers e The Pilgrims Gospel.  Tra un brano e l’altro, l’attore Fabrizio Raggi presenterà “Breve racconto lunare”, con testi di Samel Beckett, Gianni Rodari, Garcia Lorca, ma anche di Domenico Modugno, Loredana Bertè, Arnold Schönberg… Poeti, musicisti e artisti che hanno narrato, cantato, soprattutto riposto sogni e speranze, in quel piccolo faro acceso: la luna!

L’immaginario prende così il sopravvento sulla scienza. La luna “da conquistare” torna tra le pieghe del fantastico: “Io vorrei abitarci sulla luna – disse un bambino – perché niente ha senso. Siamo noi a dare senso alle cose e spesso, questo appare come l’eco di qualcosa che non c’è più”.

Attore e regista, Fabrizio Raggi si è diplomato presso la Scuola Internazionale di teatro di Roma. Ha recitato, tra gli altri, con  Giorgio Albertazzi, Giuseppe  Patroni Griffi, Dario Fo, Gigi Proietti, Ugo Gregoretti… Noto anche al pubblico televisivo, ha  partecipato alle serie R.I.S., Don Matteo, La Squadra, Cento Vertrine (Padre Christian). Da anni è attivo anche sul fronte didattico come  coach di set e actor coach, in Italia e all’estero.
 
A fare gli onori di casa sarà la giornalista e conduttrice radiofonica Eva Edili.

L’evento “He made the moon and stars” è realizzato dall’associazione Musart nell’ambito del Capodanno a Firenze 2020 promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E.
 
Info tel. 055 667566 – 055 2768224 – info@muse.comune.fi.it
http://www.flightfirenze.it/capodanno

Lascia un commento