Campiglia Marittima, quattro parchi pubblici per incontrarsi (dopo la pandemia) l’ultimo giorno di scuola. Domande entro il 9 giugno

Focus, Livorno

C’è cosa più triste di una conclusione senza un finale, del termine di un percorso senza un saluto? Ci hanno pensato tanto soprattutto bambini, ragazzi, famiglie e docenti per questo anno scolastico così straziato dalla pandemia, soprattutto per le ultime classi dei vari cicli, quelle classi di ragazzi che dall’anno prossimo saranno in nuovi gruppi nuovi contesti, catapultati senza un adeguato accompagnamento. “Non poteva finire così” di questa opinione è anche il comune di Campiglia Marittima che ha quindi, per consentire un incontro di fine anno agli alunni che concludono un ciclo scolastico (ultimo anno Scuole dell’Infanzia, 5° anno Scuole Primarie, 3° anno Scuole Medie) offre la possibilità di utilizzare quattro dei parchi pubblici presenti nel territorio comunale. Per farlo è stato adottato un vademecum che dà delle indicazioni e regolamenta le iniziative, pubblicato nella sezione notizie del sito web del Comune. 

“Quello che si avvia alla conclusione è stato un anno scolastico senza precedenti per i nostri studenti – spiega l’assessore all’istruzione Iacopo Bernardini  i quali dall’oggi al domani si sono visti privati di quelle esperienze di socializzazione e condivisione tra pari età che costituiscono l’essenza stessa della scuola intesa come comunità educante; a settembre, se per tanti di loro sarà possibile ritrovarsi in classe e riprendere quel filo interrotto a causa dell’emergenza sanitaria, per altri quello che volge al termine rappresenta l’anno conclusivo di un ciclo scolastico, ecco che per questi alunni abbiamo voluto fare in modo che ci sia un vero ultimo giorno di scuola per salutarsi”.

“Un’azione per dare un ultimo giorno di scuola, ai bambini e i ragazzi che frequentano la scuola dell’infanzia, l’elementare e la scuola media nel nostro comune, che come in molte altre parti del mondo, sono stati improvvisamente sradicati dal loro ambiente educativo e scolastico e sono stati per mesi all’interno delle loro abitazioni e non potranno rientrare a scuola se non a settembre – afferma la sindaca Alberta Ticciati  abbiamo pensato a chi quest’anno chiude il percorso del ciclo scolastico frequentato, abbiamo voluto dare loro l’opportunità di salutarsi tra compagni di classe, compagni di banco, tra le amicizie e i legami che si sono instaurati, per salutare educatrici, educatori ed insegnanti, ed abbiamo agito per farlo in sicurezza, fuori dalla scuola, all’interno dei nostri parchi pubblici che hanno le dimensioni adeguate per poter garantire il distanziamento sociale, rispettando tutte le forme di comportamento per evitare il contagio – conclude la sindaca – un piccolo segnale di fiducia e speranza che rappresenta un graduale recupero delle relazioni, della socialità, così importante nella nostra vita e soprattutto in quella dei nostri ragazzi”.

Ed ecco quindi in che modo potranno essere organizzati gli incontri di saluto:  si potranno tenere nella giornata del 10 giugno o nei giorni immediatamente successivi e comunque non oltre sabato 13 giugno. I Parchi messi a disposizione, tutti nella fascia oraria dalle 9:00 alle 12:00, sono a Campiglia Marittima  il Parco della Rocca, a Venturina Terme il Parco Altobelli, il Parco di Tufaia, il Parco di Via Fellini. La durata massima dell’incontro non può essere superiore a 60 minuti e dovrà essere prevista una pausa di 15 minuti tra l’incontro di una classe e il successivo.

Le richieste, con la descrizione dettagliata delle modalità di utilizzo dello spazio, nonché dell’orario di svolgimento dell’incontro, devono essere inviate dalle insegnanti o dai genitori rappresentanti di classe via e-mail entro martedì 9 giugno alla Sindaca del Comune di Campiglia Marittima all’indirizzo sindaco@comune.campigliamarittima.li.it . 

Se non diversamente specificato nella domanda, i richiedenti sono considerati organizzatori dell’incontro a cui compete verificare il rispetto delle modalità e condizioni di svolgimento.

Gli incontri dovranno svolgersi nel rispetto delle distanze sociali prescritte e delle misure di contenimento previste dalla normativa vigente. In particolare: è consentita la partecipazione solo agli alunni della classe, ai rispettivi insegnanti e al personale non docente e non più di due accompagnatori adulti per ogni alunno. L’incontro dovrà svolgersi in forma statica, ovvero dovranno essere previste specifiche postazioni per tutti i partecipanti a distanza di almeno 1 metro (preferibilmente 1,8 metri) in cui dovrà permanere ciascun partecipante per tutta la durata dell’incontro. E’ possibile derogare al mantenimento della distanza solo fra persone che abitano nello stesso nucleo familiare. Tutti i partecipanti (bambini solo se oltre sei anni) devono indossare la mascherina. Non sono consentiti lo svolgimento di spettacoli di alcun tipo, l’allestimento di palchi o altre strutture, lo sporzionamento e o la condivisione di cibo o bevande. 

Lascia un commento