Foto un momento workshop Cav

Cala il sipario su Michelangelo Reload, ma è già pronta per i giovani artisti una seconda edizione speciale per dicembre 2018

Versilia

Weekend di arte contemporanea al Centro Arti Visive con “Michelangelo Reload” che ha consegnato alla storia di Pietrasanta l’energia creativa dei giovani protagonisti del workshop che ha messo di fronte i giovani artisti selezionati (Lorenzo Bottari, Alessandra Cecchini, Gennifer Deri, Jonas Marcel Kolecki, Kaspar Ludwig, Hannes Mussner, Francesco Penci, Marco Ranieri, Alessandra Sarritzu, Antonio Sibidè) ed affermati artisti nelle vesti di docenti e visiting curator come Massimiliano Pelletti, Daniele Bacci, Michelangelo Consani, Giuseppe Donnaloia, Aron Demetz, Paolo Bertoncini Sabatini, Paolo Emilio Antognoli).

Al centro del percorso sviluppato dalla Fondazione Cav e curato da Alessandro Romanini la materia, non solo il marmo – materiale per antonomasia di Pietrasanta insieme al bronzo – ma anche pittura, fotografia, disegno e video, discipline espressive rilette in una dinamica combinatoria nuova e sperimentale, che tengono insieme armonicamente la conoscenza dell’arte, l’eredità dalla tradizione e le innovative sperimentazioni tecnologiche e linguistiche della contemporaneità. Le stanze dell’ex convento, sede della Fondazione partecipata dal Comune di Pietrasanta, hanno infatti ospitato prima gli studenti e le lezioni teoriche e pratiche e poi, sabato 10 e domenica 11 novembre 2018, i lavori realizzati dai giovani corsisti raccogliendo un grande consenso di pubblico, critica ed addetti ai lavori con molti galleristi, artigiani ed artisti presenti anche stranieri come i docenti e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Dusseldorf.

Un successo oltre ogni aspettativa che, visto il gran numero di richieste, sarà riproposto già nel mese di dicembre con un’edizione speciale. “Il workshop – spiega Liliana Ciaccio, presidente della Fondazione Cav – era esplicitamente ispirato all’idea di eredità michelangiolesca, nel senso della multidisciplinarietà e di quel sistema virtuoso di trasmissione diretta del sapere che ha legato da sempre maestro-discepolo e artista-artigiano, trasmissione che lega quindi anche le dinamiche di creazione e produzione. Il Cav è un luogo nato per ospitare corsi e progetti di questo tipo, centro di eccellenza per la formazione artistica in un territorio che è da secoli una delle eccellenze nella produzione artistica e workshop di questo tipo mettono le due cose in sinergia, valorizzando anche la tradizione e la specificità del territorio di Pietrasanta, per questo abbiamo ricevuto anche il patrocinio del Comune e il supporto di Artigianart. Il successo del format di Michelangelo Reload conferma questo principio ancora una volta e ribadisce il ruolo di punto di riferimento che il Cav può svolgere nella vita artistica di Pietrasanta, con la sua capacità di aprirsi per accogliere discenti, docenti, collaboratori da tutto il mondo, promuovendo la tradizione artistica del territorio, formando nuovi artisti che potranno trovare nel tessuto artigiano i laboratori dove sviluppare i propri lavori e nella Fondazione, un centro di formazione all’avanguardia e vivace”.

Lascia un commento