2019

Bòtti vietati e norme di sicurezza: una panoramica delle ordinanze comunali in Toscana

Firenze, Focus, Livorno, Uncategorized, Versilia

In tutta la Toscana, in vista della lunga notte di Capodanno, le amministrazioni comunali hanno diffuso le ordinanze che regolano la sicurezza per quanto riguarda i botti e non solo. In alcuni Comuni è stato vietato l’uso di spray al peperoncino. 

Di seguito alcuni esempi di ordinanze nelle diverse località (per Firenze è pubblicata, su questo sito, nella scheda che indica tutti gli eventi di San Silvestro/Capodanno).

LIVORNO / Nella notte tra il 31 dicembre 2018 e il primo gennaio 2019 è vietato far scoppiare petardi di ogni tipo nelle vicinanze di una serie di luoghi sensibili della città. Una misura che, a differenza di quanto accaduto negli anni passati, perde il suo carattere di straordinarietà e diventa strutturale, essendo stata inserita all’interno del Regolamento di polizia urbana entrato in vigore il 27 luglio scorso. È vietato gettare oggetti accesi o esplodere petardi in luoghi pubblici o aperti al pubblico o destinati ad uso pubblico, ossia:

a) in prossimità di ospedali;

b) case di cura o di riposo;

c) luoghi di culto e cimiteri;

d) aree di sgambatura cani, canili e cliniche veterinarie;

e) nelle aree in cui vi sia concentrazione organizzata di persone.

“Ogni anno, il 31 dicembre, si festeggia la notte di San Silvestro – sottolinea il sindaco Filippo Nogarin -. Non si tratta un evento eccezionale e dunque non si capisce il motivo per cui si debba ricorrere a misure straordinarie come le ordinanze sindacali, che tra l’altro sono facilmente impugnabili. Aver inserito il divieto di scoppiare petardi in un Regolamento approvato dal Consiglio comunale, al contrario, rende questa misura ancora più efficace. Il nostro obiettivo è semplice: tutelare l’incolumità delle persone che si recheranno in piazza a festeggiare ed evitare di terrorizzare i moltissimi animali domestici che vivono nelle case dei livornesi che troppo spesso il 31 dicembre finiscono chiusi in una stanza in attesa che finiscano i botti”. Come previsto dal Regolamento comunale, le violazioni a queste disposizioni prevedono una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra 25 e 500 euro.

ROSIGNANO MARITTIMO / Durante le feste sul territorio comunale di Rosignano Marittimo è vietato accendere fuochi, esplodere petardi o lanciare oggetti accesi – incluse le lanterne volanti alimentate a fiamma viva (sky lantern) – in luoghi pubblici o privati senza autorizzazione. Il divieto è sancito dal  Regolamento Comunale di Polizia Urbana e per la Convivenza Civile (articolo 4) per la necessità di garantire la sicurezza di tutti i cittadini. La trasgressione è punita con una sanzione pecuniaria di 100 euro.      

La Polizia Municipale di Rosignano intensificherà i controlli per verificare il rispetto del regolamento comunale, anche a seguito dell’invito alla vigilanza da parte della Prefettura di Livorno e dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani – Anci. 

CECINA /  Il sindaco di Cecina ha emesso un’ordinanza valida fino al 15 gennaio 2019 per limitare lo scoppio di petardi e fuochi d’artificio. Riguarda in particolare tutti quei luoghi dove possono concentrarsi le persone, come le piazze, tutta la zona pedonale e le vie limitrofe, le aree gioco dei bambini e le aree cani. Per chi trasgredisce sono previste sanzioni fino a 500 euro.

“Si tratta – spiega il sindaco Samuele Lippi – di una misura necessaria che anche quest’anno abbiamo deciso di attuare per limitare l’utilizzo dei cosiddetti ‘botti’, sia per ragioni di sicurezza delle persone, sia per gli effetti negativi che questi hanno sugli animali d’affezione, sulla quiete pubblica e sull’ambiente stesso”.

PIETRASANTA / Poche, chiare e semplici “regole” e norme di comportamento per garantire a tutti di godersi il concertone di San Silvestro ed il conto alla rovescia in Piazza Duomo in assoluta sicurezza e serenità. Piazza Duomo sicura con il potenziamento anche della vigilanza con l’impiego di guardie private ma non blindata: è questa la linea guida dell’amministrazione comunale di Pietrasanta di Alberto Stefano Giovannetti che come per il Camel Ponce, il brindisi spontaneo che aveva richiamato la notte della vigilia di Natale nel centro storico oltre 5mila presenze, ha fissato in un’ordinanza i punti da rispettare. E come con il Camel Ponce sarà importante la collaborazione con i gestori dei locali del centro storico e soprattutto degli avventori chiamati al rispetto del bene collettivo e della città: “Abbiamo fissato poche ma chiare regole di comportamento – anticipa il primo cittadino, Giovannetti – nei confronti del quale però non ci saranno sconti. L’invito è al buonsenso e al rispetto degli altri. E’ questa la condizione per salvaguardare una bella tradizione come quella della festa di Capodanno in Piazza Duomo, a cui parteciperanno molte famiglie con bambini. Saranno rafforzate tutte le misure di sicurezza con i new jersey all’ingresso del centro storico, vigilanza privata a presidi e controllo del perimetro in ausilio alla nostra Polizia Municipale e alle forze dell’ordine. Ricordo che è attiva la videosorveglianza. Il concerto di Capodanno in Piazza Duomo deve essere una festa di tutti e per tutti: è questo lo spirito con cui deve essere vissuta”. Il Sindaco coglie l’occasione per fare gli auguri ai cittadini: “Buon anno a tutti. Ci vediamo in Piazza Duomo…”.

L’ordinanza ricalca, a grandi linee, l’ordinanza emessa in occasione del Camel Ponce: è vietato a chiunque di introdurre, detenere e trasportare all’interno dell’area oggetto dell’ordinanza, contenitori in vetro o metallo di alimenti e bevande così come è vietato a chiunque di abbandonare in luogo pubblico qualunque contenitore vuoto di bevande in particolar modo di vetri, alimenti, rifiuti e altri oggetti che possano creare pericolo ai fruitori delle aree pubbliche o di uso pubblico. Per i gestori dell’attività è vietato vendere per asporto alimenti e bevande in contenitori o recipienti di vetro o metallo dalle 22 alle 6. Sul fronte invece dei botti è l’assessore alla Polizia Municipale, Andrea Cosci ad invitare i cittadini al non utilizzo soprattutto nei luoghi di aggregazione e di concentrazione: “in Piazza Duomo l’attenzione sarà massima”.

Lascia un commento