Arte, moda, tessuti, musica: viaggio nell’Italia degli anni ’50

Arte

La mostra “Tra Arte e Moda. Nostalgia del futuro nei tessuti d’artista del dopoguerra” –  Museo del Tessuto di Prato (via Puccetti 3), dove resterà aperta fino al 19 febbraio 2017 – si arricchisce in questo autunno 2016 di un nutrito  calendario di incontri organizzati per raccontare alcuni aspetti della cultura e della società italiana degli anni Cinquanta. Così a partire da mercoledì 3 novembre e per tutta la durata della mostra, sono stati messi in agenda conferenze, concerti, visite esperienziali e molto altro ancora. Sarà un lungo viaggio alla scoperta della creatività che a partire dall’immediato dopoguerra pervase e contaminò tutte le arti, nonché rivoluzionò i modi di vivere, di abitare, di vestirsi.

LE CONFERENZE. Si comincia giovedì 3 novembre 2016 alle ore 21 con una panoramica generale sull’arte italiana illustrata da Mauro Pratesi, professore ordinario di Fenomenologia delle Arti Contemporanee all’Accademia di Belle Arti di Firenze. A seguire la conferenza di Marino Livolsi, mercoledì 23 novembre 2016 alle ore 21, professore ordinario di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano dal titolo “Il mondo nuovo. La tv nell’Italia povera e ingenua degli anni Cinquanta” che illustrerà i cambiamenti che in quel decennio avvengono nella pubblicità e nella comunicazione.

IL DESIGN. Il design diventa invece protagonista mercoledì 25 gennaio 2017 grazie alla presenza di Tommaso Fantoni Borsani dell’Archivio Osvaldo Borsani, erede dello spirito creativo che ha caratterizzato l’opera del celebre architetto, progettista e designer che negli Cinquanta ha rivoluzionato il modo di abitare (foto grande in alto) con la celebre Poltrona P40, esposta per la prima volta alla Triennale di Milano del 1957, rivestita con un tessuto disegnato da Lucio Fontana i cui bozzetti sono esposti in mostra. Il ciclo di conferenze proseguirà poi con la Fondazione Archivio Capogrossi di Roma (data da definire) che promuove e valorizza la figura e le opere del celebre artista; la professoressa Francesca Romana Morelli indagherà il rapporto del pittore con le arti tessili, di cui il Museo espone alcune importanti testimonianze. In programma anche altri incontri sul tema della moda italiana del periodo.artemoda

LA RADIO E LE SETTE NOTE. L’arte passa anche attraverso la musica. Ecco allora che il calendario si arricchisce anche di alcuni appuntamenti musicali: venerdì 18 novembre 2016 va in scena il repertorio radiofonico italiano dal 1924 al 1954 a cura di Radiorchestra, uno spassoso ensemble di otto elementi che interpreterà brani celebri ispirati allo swing americano. Giovedì 15 dicembre 2016 alle ore 21 un appuntamento imperdibile con “La Fisarmonica della Regina Loana”: Gianni Coscia, fisarmonicista jazz di fama, dialogando con il musicologo Stefano Zenni, ripercorrerà le musiche italiane del dopoguerra attraverso la trama del libro La misteriosa fiamma della regina Loana, scritto dall’amico Umberto Eco. Le note del pianoforte del maestro Claudio Bianchi andranno in scena il 19 gennaio 2017 con un concerto sulle colonne sonore delle più belle pellicole della seconda metà del secolo scorso: da Trovajoli ai film di Totò, dal Gattopardo a Otto e mezzo, passando al cinema da Oscar con Casablanca e Colazione da Tiffany, per chiudere con un assaggio di Broadway con Porgy and Bess e West Side Story.

LE VISITE. Ogni terza domenica del mese, a partire da domenica 20 novembre  2016per un totale di quattro appuntamenti, una speciale visita esperienziale alle ore 17 condurrà il visitatore alla scoperta di alcune selezionate opere esposte nella mostra presso il Museo del Tessuto di Prato. La guida accompagnerà il pubblico alla ricerca di un inedito punto di vista per confrontarsi ed avvicinarsi all’arte astratta anche grazie a curiose attività pratico manuali.

Tutte le informazioni e i costi: www.museodeltessuto.it

Per i membri del Museo del Tessuto Supporter Club: posto riservato per gli eventi ad ingresso libero e gratuità per gli eventi a pagamento.

Lascia un commento