20190722_cibart-2019_IMG_4468

Arte e cibo nel segno di Leonardo da Vinci nel 500° anniversario della morte. Cibart invade per tre giorni (dal 26 al 28 luglio) il centro storico di Seravezza

In cantina e in cucina, Versilia

Dopo Michelangelo Buonarroti, Leonardo da Vinci. Il festival internazionale Cibart che lo scorso anno ha reso omaggio al grande scultore fiorentino, celebra dal 26 al 28 luglio 2019 il Genio del Rinascimento nel cinquecentesimo anniversario della morte. Una tre giorni leonardiana all’insegna del connubio fra arte e cibo, fra mente e corpo, fra ideale e materiale nella consueta cornice del centro storico di Seravezza, per l’occasione trasformato in un grande spazio di esposizioni e di spettacoli a cielo aperto. La manifestazione è organizzata dall’associazione Cibart con la collaborazione del Comune di Seravezza e della Fondazione Terre Medicee.

Cibart è la grande kermesse che da quattro anni, a fine luglio, trasforma Seravezza in una caleidoscopica ribalta della creatività, del gusto, della sorpresa. Nel contesto urbano, tre giorni di grande suggestione con appuntamenti cadenzati a ogni ora: scultura, pittura, street-art, sand-art (creazioni con la sabbia), ebru-art (dipinti sull’acqua), fotografia, danza, momenti di riflessione e di approfondimento culturale, musica dal vivo, percorsi del gusto, letture. Tre lunghe serate di ininterrotta meraviglia.

Tema conduttore, Leonardo da Vinci. Il suo rapporto con il cibo, ad esempio. Lui che alla corte di Ludovico Il Moro fu anche Gran Maestro di cerimonie e che da ragazzo lavorò come garzone di taverna e gestì per qualche tempo la locanda “Le tre rane” con Sandro Botticelli. Se ne parlerà anche attraverso la presentazione di libri, come ad esempio “Leonardo non era vegetariano. Dalla lista della spesa di Leonardo alle ricette di Enrico Panero”, Maschietto Editore. E ancora: Leonardo e i quattro elementi naturali. Un tema affascinante, che ispirerà la grande mostra d’arte contemporanea (lo scorso anno parteciparono oltre centocinquanta artisti da tutto il mondo) allestita nel centro storico, per l’occasione diviso in quattro settori: Acqua, Terra, Fuoco, Aria. Un omaggio agli studi naturalistici che Leonardo condusse per l’intera sua vita. A corollario dell’esposizione un gran numero di eventi e performance, anch’essi dedicati ai quattro elementi, originali installazioni di urban knitting e creazioni artistiche sospese sulle chiare acque dei torrenti Serra e Vezza. Ospite d’onore della rassegna sarà una delegazione di artisti coreani, dopo che negli anni passati il festival ha accolto gli studenti della prestigiosa China Academy of Art e dell’Università Re Juan Carlos di Madrid.

Irresistibili i richiami culinari: un’intera sezione con i truck dei migliori street food della Penisola; i vini in degustazione al chiar di luna; i molti localini del centro aperti fino a notte fonda con menù e specialità selezionate ad hoc per l’evento.

Non mancheranno le chicche di carattere storico-artistico. Come il libro “Frammenti di arte francese in Versilia. I monumenti Henraux” di Andrea Tenerini, che sarà presentato domenica sera 28 luglio, dedicato ai monumenti votivi conservati nel quattrocentesco Duomo di Seravezza, realizzati facendo largo uso di pregiatissimi marmi e brecce locali. Uno di questi, commissionato dagli Henraux, imprenditori che nell’Ottocento diedero nuovo impulso all’escavazione del marmo a Seravezza, opera del grande architetto francese Charles Garnier, autore dell’Opéra di Parigi.

Nelle tre serate dell’evento sarà attivo un servizio di collegamento gratuito con navette fra il centro storico di Seravezza e il parcheggio del terminal ferroviario di Querceta.

IL PROGRAMMA NEL DETTAGLIO

Venerdì 26 luglio 2019
ore 19:00
–        Discorso inaugurale a cura di Walter Bandelloni
–        Apertura esposizioni nel centro storico e a Palazzo Rossetti
–        Apertura street food
–        Inizio sessioni di body-art
–        Piazza Carducci: talk show “Perdersi in un bicchier d’acqua” a cura di Fabrizio Diolaiuti
ore 20:00
–        Piazza Carducci: presentazione del libro “Leonardo non era vegetariano”, Maschietto editore
ore 20:30
–        Palazzo Santini: Viaggio nelle “Armonie delle sfere”
ore 21:00
–        Duomo: Concerto degli “Archibaleno”
ore 21:30
–        Ponte passerella: performance Momolab
ore 21:45
–        Spettacolo sul fiume: violino e danza
ore 22:00
–        Piazza Carducci: spettacolo sand-art di Donatello Pentassuglia
ore 22:30
–        Ponte passerella: spettacolo arte coreana

Sabato 27 luglio
ore 19:00
–        Apertura esposizioni nel centro storico e a Palazzo Rossetti
–        Apertura street food
–        Inizio sessioni di body-art
ore 19:20
–        Palazzo Santini: Viaggio nelle “Armonie delle sfere”
ore 19:45
–        Piazza Carducci: presentazione “Leonardo e i quattro elementi” a cura della storica dell’arte Sara Taglialagamba
ore 21:00
–        Ponte passerella: performance Momolab
ore 21:30
–        Piazza Carducci: spettacolo ebru-art di Lara Androvandi
ore 21:45
–        Piazza Carducci: spettacolo sand-art di Donatello Pentassuglia
ore 22:00
–        Ponte passerella: spettacolo fontane danzanti
ore 23:00
–        Duomo: performance arte coreana
ore 23:30
–        Piazza Carducci: spettacolo ebru-art di Lara Androvandi

Domenica 28 luglio
ore 19:00
–        Apertura esposizioni nel centro storico e a Palazzo Rossetti
–        Apertura street food
–        Inizio sessioni di body-art
ore 19:30
–        Piazza Carducci: presentazione libro “Frammenti di arte francese in Versilia. I monumenti Henraux” a cura di Andrea Tenerini
ore 20:00
–        Palazzo Rossetti: Viaggio nelle “Armonie delle sfere”
ore 20:45
–        Piazza Carducci: spettacolo sand-art di Donatello Pentassuglia
ore 21:15
–        Ponte passerella: performance Momolab

ore 21:20
–        Piazza Carducci: performance teatrale “Icaro” di Walter Bandelloni
ore 21:45
–        Duomo: performance arte coreana
ore 22:00
–        Piazza Carducci: spettacolo ebru-art di Lara Androvandi
ore 22:15
–       Piazza Carducci: Floydian Night – Pink Floyd Tribute

 

Lascia un commento