Alla scoperta della Colonna Traiana e della mostra nella Limonaia del Giardino di Boboli. Ma anche il percorso sull’Arno da Ponte alle Grazie a Ponte S. Trinita sui barchetti originali dei renaioli. Con Enjoy Firenze il 25 e 29 agosto

Firenze, Focus

Come fu possibile nell’antica Roma trasportare e innalzare i blocchi alti 40 metri, percorsi da una vertiginosa scala interna, della Colonna Traiana? Domenica 25 agosto 2019 sarà possibile scoprirlo grazie alla visita guidata alla mostra “Costruire un capolavoro: la Colonna Traiana” ospitata nella Limonaia del Giardino di Boboli. L’appuntamento è a cura di Enjoy Firenze®, il cartellone di percorsi guidati alla scoperta dei tesori artistici e architettonici di Firenze e della Toscana in compagnia di esperti e archeologi curato da Cooperativa Archeologia (programma completo su www.enjoyfirenze.it, ingresso a pagamento alle visite, prenotazione obbligatoria allo 055-5520407 e a turismo@archeologia.it)

Concepita per celebrare le vittorie militari in Dacia dell’imperatore Traiano, la Colonna è anche un monumento alla sapienza tecnologica e costruttiva del mondo romano. Le esperte guide di Enjoy Firenze sveleranno ai partecipanti tutte le fasi di quest’impresa colossale. Anche grazie ai supporti multimediali, sarà possibile ripercorrere lo straordinario viaggio dei giganteschi blocchi marmorei dalle cave di Luni fino all’antico porto di Roma risalendo il Tevere, dove gli sforzi di architetti e scultori trasformarono la pietra in uno dei monumenti più celebri al mondo. Un capolavoro che mirava a celebrare in eterno i trionfi bellici dell’imperatore Traiano che vide inaugurare questo capolavoro di ingegneria il 12 maggio del 113 d.C. all’interno del Foro, e che continua a impressionare ancora oggi nonostante i quasi 2000 anni che ci separano dalla sua costruzione.

Il prossimo appuntamento con Enjoy Firenze sarà quello di giovedì 29 agosto 2019 con un suggestivo percorso sui barchetti originali dei renaioli, nel tratto monumentale dell’Arno che va da Ponte alle Grazie a Ponte S. Trinita, per scoprire Firenze da un altro punto di vista. 

 

Lascia un commento