foto

Milano Fashion Week, dopo Pitti Uomo arriva il gusto toscano con la finocchiona Igp abbinata allo champagne

In cantina e in cucina

Anche il cibo alla Fashion Week di Milano e non poteva certo mancare la Toscana con le sue specialità e la sua moda. L’appuntamento è fissato per le ore 19 nell’accogliente “Milano Fashion Library” in piena zona Navigli dove sabato 24 febbraio 2018 verrà proposto l’interessante binomio tra finocchiona IGP e champagne, accompagnato da pane cotto in forno a legna e da schiacciate, oltre ad una selezione di vini tipici toscani.
La formula, creata dal vignaiolo Federico Minghi in collaborazione con il giornalista enogastronomico Claudio Zeni, è stata sperimentata per la prima volta a Firenze in occasione di Pitti Immagine Uomo presso lo stand della Famiglia Landi.

Finocchiona 2 – Fette

 

E proprio a Milano la storica azienda di Empoli ripropone il binomio tra moda ed enogastronomia presentando gli ultimi esclusivi modelli del brand all’interno della suggestiva Milano Fashion Library ed accostandoli ad una degustazione all’insegna dell’eccellenza. “Con Federico vogliamo bissare a Milano il grande successo del format ‘Finocchiona IGP e Champagne’ divertendoci a coccolare e stupire giornalisti e buyer – sottolineano Simone e Marco Landi – all’interno di un momento conviviale per scambiarci sensazioni ed idee in un luogo di grande visibilità come Milano. La proposta di ‘Finocchiona IGP e Champagne’ rappresenta quello che noi facciamo con i nostri capi nella moda utilizzando materiali di grande qualità e della tradizione cercando sempre di proporre linee e modelli innovativi”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Alessandro Iacomoni, presidente del Consorzio di Tutela della finocchiona IGP: “E’ con piacere che proseguiamo la collaborazione con questo nuovo e goloso appuntamento. La finocchiona IGP e la moda non sono mondi lontani perché alla base c’è la ricerca dell’eccellenza e del gusto, sono due mondi che si sposano per promuovere il bello e il buono, entrambi espressione del territorio”.

Lascia un commento