Al via (il 26 aprile) il corso di formazione per giovani guide naturalistiche el progetto GioNaT organizzato dalla Provincia di Livorno e dal Museo di storia naturale del mediterraneo

Il 26 aprile 2021 si svolgerà l’evento di presentazione con il quale prenderà il via al corso “GioNaT, giovani guide naturalistiche in Toscana”, organizzato dalla Provincia di Livorno e dal Museo di Storia Naturale del Mediterraneo con il sostegno di UPI, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Azione Province Giovani e il patrocinio di AIGAE Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche.

Il corso, completamente gratuito, fornirà a 30 giovani l’opportunità di una formazione specifica per avvicinarsi al mondo delle guide naturalistiche. Argomenti centrali delle lezioni saranno la descrizione degli aspetti ambientali, naturalistici, antropologici e culturali del territorio, nonché le attività legate alla progettazione, programmazione e svolgimento di laboratori ed iniziative di didattica, educazione, interpretazione e divulgazione ambientale. Sono, inoltre, previste visite ad ambienti naturali di particolare rilevanza ecoambientale, etnologica ed ecologica.

“Un’importante occasione per conoscere più da vicino un lavoro dinamico, interessante, a contatto con la gente e con la natura – sottolinea la presidente della Provincia, Marida Bessi – , che permetterà ai giovani di avvicinarsi al patrimonio naturalistico della nostra regione”.
Tenuto conto delle numerose le richieste pervenute, rispetto ai posti disponibili, i partecipanti saranno selezionati in base ai criteri indicati nel bando stesso.

All’incontro di inaugurazione, che si svolgerà in videoconferenza con inizio alle ore 10, interverranno la presidente Bessi, Claudia Giovannini per l’Unione Province Italiane (UPI), Nino Martino e Vittorio Francesco Ruberto, rispettivamente direttore tecnico di AIGAE e coordinatore di AIGAE Toscana. Saranno presenti i rappresentanti del Museo di Storia Naturale e del partenariato.

L’evento sarà inoltre visibile in streaming sulla pagina Facebook del Museo.
Il corso, pur non consentendo l’iscrizione alla lista delle guide ambientali della Regione Toscana, costituisce un punto di partenza e di formazione propedeutica a questa interessante professione.

Lascia un commento