La guida Lonely Planet e l’incontro con il direttore Angelo Pittro. Appuntamento il 29 ottobre a Villa Bardini

Firenze, Focus

Un appuntamento d’eccezione con Lonely Planet e il suo direttore Italia Angelo Pittro conclude lunedì 29 ottobre 2018 alle ore 18.30 (Costa san Giorgio, 2 – tel 055 20066233 – Ingresso libero; si consiglia la prenotazione su www.villabardini.it) il ciclo dei Talk a Villa Bardini dedicato ai grandi temi della contemporaneità. Una iniziativa di Fondazione CR Firenze realizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Wimbledon e con la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron ed inserita nella programmazione dell’Estate Fiorentina 2018 del Comune di Firenze.

Per l’occasione sarà a Firenze la guida più amata nel mondo e il direttore Lonely Planet Italia Angelo Pittro dialogherà con il pubblico sul tema ‘Viaggiare con passione’, nel quale approfondirà i Best in Travel 2019 (ovvero i luoghi che la più famosa guida nel mondo ha selezionato come prossime mete di viaggio), racconterà la storia della Lonely Planet e darà alcuni consigli su come diventare autori di guide.

Questo incontro conclude il calendario dei ‘talk’ che questa estate ha ospitato al complesso Bardini personalità di grande livello tra i quali “I dodici candidati del Premio Strega” (ospiti del festival ‘La città dei Lettori’ grazie alla collaborazione con la Fondazione Bellonci e il Premio Strega), il giornalista ed esperto di economia Alan Friedman, il maestro Federico Maria Sardelli, due effervescenti musicisti come Bobo Rondelli e Willie Peyote, e Aldo Nove, scrittore e conoscitore di profumi nell’appuntamento in collaborazione con Fragranze di Pitti Immagine.

‘’Siamo molto soddisfatti del successo ottenuto da questa nostra proposta – dichiarano i presidenti delle Fondazioni CR Firenze Umberto Tombari e Bardini e Peyron Jacopo Speranza – che confermano l’interesse, anche di un pubblico giovane, per una proposta di qualità. E’ stata anche una ulteriore occasione per far conoscere questo luogo magico a tanti fiorentini e turisti che ancora non lo hanno scoperto’’.

Lascia un commento