23 settembre, da Lampedusa la musica per la pace lambirà il Mediterraneo. A Castiglioncello suona Dimitri Grechi Espinoza

Musica

Aperitivo e musica nel Prato di fronte al mare, nel Parco del Castello Pasquini di Castiglioncello per onorare e partecipare al grande concerto che sabato 23 settembre 2017 da Lampedusa risuonerà su tutte le coste del Mediterraneo per diffondere pace e dialogo. Lampedusa come porta del Mediterraneo, crocevia di popoli, sarà la direttrice di orchestra di Peace Drums. L’evento, che ha inizio alle ore 19, conta più di 100 concerti, che in contemporanea dalle sponde del Mediterraneo, coinvolgendo città come Venezia, Istanbul, Izmir, Beirut, Gaza, Tel Aviv, Alessandria d’Egitto, Bengasi, Tunisi, Malta, Cipro, Gibilterra, Barcellona, Marsiglia e molte altre. Quando i tamburi inizieranno a suonare sulla spiaggia di Lampedusa, 15 nazioni differenti risponderanno contemporaneamente in streaming, con un impatto globale. Il concerto diffuso verrà trasmesso live dal sito e dalla pagina Facebook dell’ARCI (@PeaceDrumsLampedusa).
Per un giorno il suono che attraverserà il Mediterraneo non sarà l’eco delle guerre o dei motori delle carrette del mare che trasportano i migranti, ma battiti di tamburi in onore dei battiti del cuore di chi è partito dalla sua Terra. Il tamburo, da sempre strumento di comunicazione per le lunghe distanze, trasmetterà un messaggio di pace e di amicizia, tra popoli che si affacciano sul Mediterraneo, un mare che tornerà ad essere luogo di scambio culturale come è sempre stato.

L’appuntamento di Castiglioncello, organizzato in collaborazione con Arci Solidarietà, Pangòno Pangòno, Mestizaje, Libera, Tavolo per la pace bvdc, Legambiente, Oxfarm Italia e Armunia/ progetto SpostaMenti, si animerà dalle ore 19 alle ore 21 nel prato che si affaccia sul mare, di fronte all’ingresso del Castello Pasquini a Castiglioncello e ospiterà l’esibizione del talentuoso sassofonista Dimitri Grechi Espinoza (foto sopra il titolo) e del percussionista Moussa Ndiaje. La serata è accompagnata da un aperitivo con prodotti preparati dai ragazzi ospiti dei progetti di accoglienza di ArciSolidarietà. L’ingresso è gratuito.

Lascia un commento