TURANDOT-regia Alfonso Signorinilow

FESTIVAL PUCCINI. 17 serate d’opera, 25mila spettatori (+ 25% sul 2016) e 1,3 milioni di incasso. Già pronto il cartellone 2018 che guarda oltre Torre del Lago

Concerti e Lirica

“Un festival ‘stellare’ quello della 63° edizione che ha portato sul red carpet del Gran Teatro Giacomo Puccini grandi personaggi del mondo dello spettacolo, Andrea Bocelli, Valeria Marini, Simona Ventura, Nicoletta Mantovani, Federica Panicucci, Stefania Sandrelli, della politica, della moda ed istituzionali e che ha visto alternarsi sul palcoscenico in riva al Lago di Puccini grandi stelle della lirica. Ottimo il risultato del botteghino – è stato detto nella conferenza stampa finale dell’edizione 2017 del Pucciniano – che supera la previsione, mentre cresce ancora la presenza di pubblico straniero”.

IMG_2348
La platea del Gran Teatro di Torre del Lago prima dell’inizio di un’opera

La Fondazione Festival Pucciniano, intanto, è già al lavoro sul programma 2018 che presenta un cartellone ancora più ricco di eventi e di novità con la prestigiosa tournée in Finlandia. Nuove produzioni di Tosca, Madama Butterfly e del Trittico, di cui si celebra nel 2018 il centenario della prima rappresentazione.

Una edizione “stellare” – è stato detto – da incorniciare quella che si è conclusa a Torre del Lago con la rappresentazione de La Bohème la sera del 30 agosto 2017. Una stagione particolarmente ricca di eventi che ha preso il via il 9 luglio e che per due mesi ha richiamato pubblico da tutto il mondo per assistere agli spettacoli proposti dalla Fondazione Festival Pucciniano.
La straordinaria partecipazione di pubblico, 55 le nazioni di provenienza degli spettatori del Festival Puccini 2017 con un deciso trend di crescita di pubblico straniero, da sempre il fiore all’occhiello del Festival Puccini, l’eccezionale visibilità massmediatica, anche all’estero, la presenza di delegazioni e ospiti istituzionali prestigiosi oltre ad un nutrito parterre di Vip sono elementi concreti e tangibili che fanno del Festival Puccini un evento straordinariamente partecipato, conosciuto ed apprezzato.

17 serate d’opera oltre a concerti, mostre, conferenze che hanno richiamato nel Teatro di Puccini 25 mila spettatori paganti con un incremento del 25% rispetto alla edizione dello scorso Festival, quello del 2016. Questo il dato più significativo dal punto di vista quantitativo che emerge dal primo consuntivo della stagione 2017. Il botteghino registra, complessivamente, oltre 1.300.000 euro di incasso ripartiti tra le opere in cartellone di una edizione dalla forte connotazione internazionale dedicata alla Francia.  che ha impegnato oltre 170 persone tra artisti e tecnici.

Turandot Uno scatto dalla PROVA GENERALE
Uno scatto dalla prova generale di “Turandot”

Numerosi i concerti a Torre del Lago e nelle altre location del festival tra cui ricordiamo i concerti lirici a Villa Paolina realizzati anche con la Fundacion Incanto di Managua istituzione fondata in collaborazione con la Fondazione Festival Pucciniano per la formazione di artisti nicaraguensi; tra gli eventi di prestigio si annovera poi il Concerto sinfonico dell’Orchestra del Festival Puccini realizzato il 27 agosto sul palcoscenico della Versiliana a suggello dell’intesa tra il Comune di Viareggio ed il Comune di Pietrasanta per l’integrazione e la promozione dei due festival, nell’ambito della quale le due istituzioni hanno anche realizzato una campagna congiunta di promozione. Non è mancata nemmeno la collaborazione con i maestri del Carnevale di Viareggio che hanno contribuito a realizzare l’evento cloud del Festival Puccini, ovvero l’apprezzata nuova produzione di Turandot che ha visto il debutto di Alfonso Signorini e la direzione del presidente della Fondazione Festival Pucciniano Alberto Veronesi. Un nuovo allestimento dell’incompiuta di Puccini in coproduzione con il Teatro Nazionale della Georgia accolto sin dalla prima rappresentazione da unanimi consensi richiamando a Torre del Lago numerosi inviati dei mezzi di informazione e un nutrito parterre di ospiti Vip. Molto apprezzate dal pubblico tutte le altre proposte artistiche, Tosca per la regia di Enrico Vanzina, La Boheme per la regia di Maurizio Scaparro, La Rondine per la regia di Pamel Kartaloff oltre alla prima assoluta dell’opera da camera contemporanea Jeanne D’Arc.

prima turandot ospiti
Simona Ventura con Alberto Piselli (foto Umicini)

Un anno straordinario il 2017 – è stato definito – per la Fondazione Festival Pucciniano che ha preso avvio con l’eccezionale tournée in Iran la prima istituzione musicale occidentale a suonare musica occidentale nella capitale iraniana dopo la rivoluzione degli ayatollah. Il Festival ha esportato le sue produzioni in Nicaragua, per il secondo festival Puccini dell’America latina, in Corea dove è stata messa in scena l’applauditissima produzione di Madama Butterfly firmata da Kan Yasuda e per la regia da Vivien Hewitt e in Ungheria dove è stata messa in scena Junior Butterfly nell’ambito del prestigioso festival Bartok di Miskolc produzione del Festival Puccini, sequel di Madama Butterfly che racconta la vita del figlio di Cio Cio San e di Pinkerton.
Punto di forza delle interpretazioni operistiche sul palcoscenico del Festival a fianco di grandi nomi del panorama artistico internazionale da Piotr Beczala a He Hui, a Martina Serafin, Donata D’Annunzio Lombardi, Stefano La Colla, Karine Babajanyan, Carmen Giannattasio, solo per citarne alcuni, sono stati gli artisti formati a Torre del Lago con i Corsi di perfezionamento dell’Accademia del festival Puccini; oltre 20 giovani artisti chiamati a sostenere ruoli in varie produzioni ed in particolare a certificare il successo di La Rondine nell’edizione del centenario per la regia di Pamel Kartaloff sovrintendente dell’opera nazionale di Sofia.

VERSO IL 2018
La Fondazione Festival Pucciniano ha inviato giovedì 31 agosto 2017, all’indomani dell’ultima recita della stagione 2017, alla fidelizzata rete di tour operator il calendario del 64° Festival che si svolgerà dal 14 luglio e che renderà lo speciale omaggio alla Spagna e ai paesi di lingua spagnola. Uno speciale Gala di Inaugurazione, un grande evento è in programma poi il 13 luglio, mentre il calendario 2018 prevede nuove produzioni di Tosca e Madama Butterfly, continuando la collaborazione con il Teatro Nazionale di Tiblisi (Georgia). Tra le nuove proposte del cartellone 2018 spicca poi un nuova produzione de Il Trittico per la celebrazione del centenario della prima rappresentazione. Il programma prevede poi la ripresa di Turandot, di La Bohème con le scene di Luciano Ricceri e, a cura dei Teatri Ospiti, le messe in scena di Manon Lescaut, Turandot, la Bohème.
Con gli artisti dell’Accademia del Festival Puccini, la Fondazione Festival Pucciniano proporrà nel suo originale cartellone una Zarzuela, l’operetta spagnola, genere intermedio fra il dramma e l’opera, simile all’opéra comique francese, all’operetta italiana. E per valorizzare il compositore Giovanni Pacini protagonista della vita culturale viareggina del suo tempo l’opera “Il Convitato di Pietra” che vide la sua prima rappresentazione proprio a Viareggio in occasione del Carnevale del 1832 e ripresa in tempi moderni al Festival Rossini in Wildbad, in Germania nel 2008 e nel 2015 al Teatro Verdi di Pisa e al Teatro di San Girolamo di Lucca.
A cavallo tra luglio e agosto del 2018 la Fondazione Festival Pucciniano si prepara ad una importante tournée in Finlandia al prestigioso Festival di Savonlinna che vedrà impegnati Solisti, Orchestra e Coro del Festival Puccini, oltre a tecnici per 6 recite di due titoli puccini di grande appeal Turandot e Tosca sotto la direzione del Maestro Alberto Veronesi presidente della Fondazione Festival Pucciniano. Tra le novità della programmazione 2018, allo studio, la volontà di mettere in scena opere anche in spazi di Viareggio.

GIORGIO DEL GHINGARO, SINDACO DI VIAREGGIO

“Qualità, conti a posto e un po’ di Gossio: una bellissima stagione sviluppata con il gioco di squadra”

«Il primo elemento che mi preme evidenziare è quello di aver fatto in questa sede (il Municipio di Viareggio, ndr) la conferenza stampa conclusiva del Festival. Un gesto simbolico che sottolinea la stretta collaborazione fra Comune e Fondazione che questo anno si è compiuta in maniera perfetta».

prima turandot ospiti
Ospiti alla prima di “Turandot”: Valeria Marini (al centro) con a fianco il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro (secondo da sx – foto Umicini)

Così il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro sul Festival Puccini durante la conferenza consuntiva che si è tenuta nel palazzo comunale.  «Questa amministrazione – ha continuato il sindaco – aveva chiesto ad inizio stagione varie cose. Prima di tutto collaborazione: da sempre andiamo sollecitando una regia unica rispetto alle iniziative e direi che abbiamo centrato l’obiettivo. Poi avevamo chiesto qualità. La qualità è indispensabile per avere grandi numeri e per competere con gli altri grandi festival lirici nazionali. E anche in questo siamo riusciti e l’aumento del pubblico del 25% lo dimostra. Era poi necessario uscire dalla ‘normalità’: creare qualcosa che attirasse il grande pubblico, che portasse il festival alla ribalta della stampa. Volevamo che del Festival si parlasse: così è stato. Abbiamo avuto una prima ‘gossippara’ e attirato l’attenzione sul Festival ma soprattutto su Viareggio.  Avevamo chiesto che si rimettessero a posto i conti e così è stato. La prospettiva di risanamento è alle porte.  Insomma abbiamo fatto un gran lavoro di squadra e credo che questa sia la via giusta da portare avanti.  Termino ringraziando tutti coloro che hanno permesso questa bellissima stagione – ha sottolineato Del Ghingaro – compresa la Regione Toscana nella persona dell’assessore Monica Barni, auspicando una stagione ancora migliore per il 2018. Per il prossimo anno – ha concluso Del Ghingaro – avremo ancora più gente e ancora più ribalta».

 

Articoli Correlati

Lascia un commento