Ritratto-di-Baldassarre-Castiglione-Raffaello-Sanzio

Raffaello, Tiziano, Michelangelo e altri grandissimi: alla Fondazione Ragghianti “Il genio in opera. L’arte sullo schermo”

Arte, Lucca

La Fondazione Ragghianti di Lucca propone un nuovo ciclo di proiezioni sull’arte. Grazie alla collaborazione con l’Opera del Duomo – Centro di Arte e Cultura e Lucca Film Festival – Europa Cinema, con il sostegno di Artemachina, a partire da sabato 13 gennaio 2018 prende il via la rassegna IL GENIO IN OPERA. L’arte sullo schermo, dedicata a grandi esponenti della storia dell’arte occidentale dal Rinascimento al XX secolo, che si terrà a Lucca nella sala conferenze “Vincenzo Da Massa Carrara” del complesso monumentale di San Micheletto (in via San Micheletto 3) e nel salone del Vescovato (in piazzale Arrigoni), entrambi a Lucca. Tiziano e Raffaello, Michelangelo, Monet e Toulouse-Lautrec, Van Gogh e Gauguin, Matisse e Picasso sono i protagonisti di questo percorso audiovisivo d’eccezione. Nel solco tracciato da Carlo Ludovico Ragghianti, teorico e pioniere dell’utilizzo del mezzo audiovisivo come strumento per illustrare l’opera d’arte e il processo creativo che la genera, IL GENIO IN OPERA raccoglie una serie di documentari di alta qualità, alla cui realizzazione hanno contribuito storici dell’arte internazionali e prestigiose istituzioni museali e di ricerca. Il ciclo di proiezioni è incentrato su uno specifico format, della durata complessiva di un’ora, che prende spunto dall’opera di un artista per illustrarne il percorso e la biografia, dalla formazione culturale alle influenze, analizzando le scelte tecniche, i rapporti con la committenza e gli avvenimenti politici, sociali e culturali del tempo.  Si inizia sabato 13 gennaio, alle ore 17:30, nella sala conferenze “Vincenzo Da Massa Carrara”, in San Micheletto, con due filmati dedicati rispettivamente a Raffaello Sanzio e a Tiziano Vecellio, due protagonisti del Rinascimento, che hanno influenzato con il loro stile le generazioni artistiche successive. Il primo, nato a Urbino nel 1483, rappresentante di quella temperie culturale e artistica che ha nel disegno lo strumento cardine del processo creativo, che da Firenze si sprigionò nel resto dell’Europa; l’altro, Tiziano, paladino “colorista” che elesse Venezia a luogo di residenza e lavoro, lontano dagli influssi di Roma e aperto all’Oriente.
Il documentario su Raffaello prende spunto dall’amicizia dell’artista urbinate con Baldassar Castiglione, e dal ritratto a lui dedicato (nella foto sopra il titolo), per illustrare l’opera del maestro, i suoi rapporti artistici, la filosofia e l’arte del periodo. Il legame con il maestro-collega Giorgione e la vivace atmosfera culturale di Venezia sono invece i riferimenti da cui prende avvio l’originale documentario su Tiziano.
Si prosegue giovedì 18 gennaio, alle ore 18 nel salone dell’Arcivescovato, con un appuntamento dedicato a Michelangelo e in particolare alla Cappella Sistina e alla Sagrestia Nuova della Basilica di San Lorenzo a Firenze (di cui ricorre il cinquecentesimo anniversario dell’incarico, conferito a Buonarroti il 19 gennaio 1518).
Monet e Toulouse-Lautrec (sabato 3 febbraio alle ore 17:30 nel Salone dell’Arcivescovato) sono i protagonisti della proiezione successiva, seguiti da Van Gogh e Gauguin (sabato 10 febbraio alle ore 17:30 nel Salone dell’Arcivescovato). Chiudono il ciclo due grandi figure dell’arte moderna come Picasso e Matisse, sabato 17 febbraio alle ore 17:30 nella Sala conferenze “Vincenzo Da Massa Carrara”.
Tutti gli incontri sono a ingresso libero.

PROGRAMMA DELLE PROIEZIONI

FONDAZIONE RAGGHIANTI, sabato 13 gennaio 2018, ore 17:30
Visioni fra pittura e letteratura
Raffaello Sanzio. “Ritraendo Baldassar Castiglione” (30 minuti)
Tiziano. Il concerto campestre (30 minuti)

Salone dell’Arcivescovato, giovedì 18 gennaio 2018, ore 18
Michelangelo: il genio e lo spazio sacro
Michelangelo. La Cappella Sistina (33 minuti)
Michelangelo. La Sagrestia Nuova in San Lorenzo a Firenze (25 minuti)

Salone dell’Arcivescovato, sabato 3 febbraio 2018, ore 17:30
La realtà fra impressione e immaginazione
Claude Monet. Le ninfee (30 minuti)
Henri Toulouse-Lautrec. La baracca della Goulue (30 minuti)

Salone dell’Arcivescovato, sabato 10 febbraio 2018, ore 17:30
In fuga alla ricerca di nuove forme creative
Vincent Van Gogh. Una camera ad Arles (30 minuti)
Paul Gauguin. Arearea (30 minuti)

FONDAZIONE RAGGHIANTI, sabato 17 febbraio 2018, ore 17:30
I Moderni. Fra tradizione e innovazione
Pablo Picasso. Crocifissione (30 minuti)
Henri Matisse. La tristezza del re (30 minuti)

Lascia un commento

8 + 1 =